Ipotesi sulla funzione dei Moai dell’isola di Pasqua (Rapa Nui)

Uno studio internazionale offre nuove intuizioni su ciò che i moai avrebbero potuto rappresentare per la popolazione dell'isola di Pasqua che lavorava duramente per estrarre e scolpire le gigantesche effigi

0
2800
Ipotesi sulla funzione dei Moai dell'isola di Pasqua (Rapa Nui)
Ipotesi sulla funzione dei Moai dell'isola di Pasqua (Rapa Nui)

Per centinaia di anni sono stati immobili a guardare in silenzio: i “moai“, una misteriosa lega di quasi 1.000 statue monolitiche scolpite, erette attraverso il paesaggio isolato dell’isola di Pasqua (Rapa Nui).

Ora, uno studio internazionale offre nuove intuizioni su ciò che i moai avrebbero potuto rappresentare per la popolazione dell’isola di Pasqua che lavorava duramente per estrarre e scolpire le gigantesche effigi.

010 origini sacre moai 1
Scavo e analisi presso il sito di due moai a Rano Raraku nell’ambito del Progetto statua dell’isola di Pasqua.

Oltre il 90 percento delle statue moai sono state prodotte in una cava chiamata Rano Raraku: un cratere vulcanico che costituisce meno dell’1 percento dell’area complessiva dell’isola, ma che tuttavia è servito come unica fonte della pietra utilizzata per scolpire i grandi oggetti megalitici.

Eppure, in Rano Raraku c’è molto di più che semplice roccia, affermano i ricercatori, sulla base di un’analisi dei campioni di suolo prelevati nella regione.

Quando abbiamo ottenuto i risultati della chimica, ho dovuto ripeterli“, spiega la geoarcheologa Sarah Sherwood dell’Università del Sud a Sewanee, nel Tennessee.

C’erano livelli molto alti di cose che non avrei mai pensato trovarvi, come calcio e fosforo. La chimica del suolo ha mostrato alti livelli di elementi che sono fondamentali per la crescita delle piante ed essenziali per i raccolti“.



La cava dell’isola di Pasqua

Secondo il team di ricerca, l’opinione consolidata sulla zona della cava è che si trattava di un sito industriale utilizzato per produrre e immagazzinare temporaneamente i moai prima della rimozione e del trasporto in altre località dell’isola.

Eppure nella cava restano ancora quasi 400 dei monoliti e alcuni sono sepolti nel terreno sistemati all’interno di strutture rocciose che suggeriscono che non si trattava di un posizionamento temporaneo. E questo, secondo i ricercatori, potrebbe essere il motivo per cui questo terreno è così straordinariamente ricco.

In qualsiasi altra parte dell’isola il terreno si era rapidamente impoverito ed eroso, diventando carente degli elementi necessari allo sviluppo delle piante“, afferma Sherwood.

Ma nella cava, con il suo costante nuovo afflusso di piccoli frammenti della roccia utilizzata per la realizzazione dei moai, esiste un perfetto sistema di feedback di acqua, fertilizzanti naturali e sostanze nutritive

Oltre alle prove della fertilità del suolo, i ricercatori hanno anche trovato tracce di antiche colture nei campioni di terreno, tra cui la banana, il taro, la patata dolce e il gelso.

Questi sono tutti segni, secondo i ricercatori, che oltre a utilizzare la cava per la produzione di moai, la società di Rapa Nui utilizzava quello spazio anche come luogo per coltivare gli alimenti di cui aveva bisogno, sfruttando i terreni ricchi e coltivati ​​del Rano Raraku, da cui ottenevano rendimenti più elevati con costi di manodopera più bassi.

Ci azzardiamo a suggerire, sulla base di questi dati e della ritualizzazione di Rano Raraku, che il suolo / sedimento di Rano Raraku stesso era un bene prezioso e protetto“, spiegano gli autori nel loro articolo.

Il suolo avrebbe potuto essere trasportato da Rano Raraku per arricchire quelle aree che necessitavano di una maggiore produttività“.

È un caso convincente, ma perché sono stati eretti moai anche all’interno del cratere, in mezzo alla terra da cui erano stati prodotti?

È stato a lungo teorizzato che lo scopo cerimoniale dei monoliti fosse associato a rituali di fertilità, e i ricercatori affermano che il loro lavoro sul campo fornisce prove basate su chimica di questo collegamento – per non parlare della scoperta di pozzi scolpiti, suggerendo che i moai erano probabilmente stati eretti a protezione di questi giardini verdeggianti.

Questo studio modifica radicalmente l’idea che tutte le statue in piedi a Rano Raraku stessero semplicemente aspettando il trasporto fuori dalla cava“, afferma l’archeologa Jo Anne Van Tilburg dell’UCLA.

Questi e probabilmente altri moai eretti a Rano Raraku sono stati lasciati sul posto per garantire la sacra natura della cava stessa. I moai erano al centro dell’idea di fertilità, e nella convinzione degli abitanti di Rapa Nui la loro presenza stimolava il suolo alla produzione di cibo“.

I risultati dello studio sono riportati nel Journal of Archaeological Science.

2