Rinvenuto un frammento dello Space Shuttle 30 anni dopo il disastro – video

Un'ampia sezione del Challenger Space Shuttle della NASA, esplosa poco dopo il lancio in uno dei peggiori disastri dell'agenzia spaziale, è stata trovata sul fondo dell'oceano nell'Atlantico più di 30 anni dopo

390
Rinvenuto un frammento dello Space Shuttle 30 anni dopo il disastro
Rinvenuto un frammento dello Space Shuttle 30 anni dopo il disastro

Un’ampia sezione del Space Shuttle Challenger della NASA, esplosa poco dopo il lancio in uno dei peggiori disastri dell’agenzia spaziale, è stata trovata sul fondo dell’oceano Atlantico più di 30 anni dopo.

Divers ha fatto la nuova scoperta durante le riprese di un documentario televisivo per il canale History. È uno dei più grandi pezzi intatti conosciuti dello Space Shuttle e il primo resto ad essere stato scoperto da quando due pezzi dell’ala sinistra della navicella spaziale sono stati portati a riva nel 1996. La NASA ha confermato l’autenticità della scoperta dei subacquei giovedì 10 novembre.

La scoperta ricorda al mondo la tragedia del Challenger della NASA

Il disastro dello Space Shuttle Challenger nel 1986 è stato uno dei motivi per cui il volo spaziale umano statunitense si è fermato per quasi un decennio prima della missione Demo-2 di SpaceX e NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Il Challenger Space Shuttle ha subito un malfunzionamento catastrofico 73 secondi dopo il decollo. Passò alla storia come una delle più grandi tragedie della NASA, poiché tutti e sette i membri dell’equipaggio a bordo, incluso un insegnante, sono rimasti uccisi.

Un’indagine successiva al disastro ha stabilito che la NASA era stata avvertita di un problema potenzialmente catastrofico riguardante il Challenger Space Shuttle, ma ha comunque proceduto al lancio. La notizia provocò un diffuso clamore e una sospensione temporanea del programma Space Shuttle.

Sebbene Challenger non sia stata l’ultima missione dello Space Shuttle, probabilmente ha messo in moto il ritiro del programma nel 2011 e i successivi nove anni di affidamento sui razzi russi Soyuz fino a quando SpaceX non ha portato per la prima volta umani sulla ISS nel 2020.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
I subacquei osservano il frammento Challenger
I subacquei osservano il frammento Challenger

Il team di subacquei che ha trovato i resti del Challenger si era messo alla ricerca di frammenti di vecchi aerei della Seconda Guerra Mondiale perduti in mare per un documentario del canale History sul Triangolo delle Bermuda. Uno dei loro siti di ricerca era appena a nord del Triangolo delle Bermuda vicino a Cape Canaveral. Il documentario andrà in onda sul canale History il 22 novembre.

“Il significato di questa ampia sezione della struttura del Challenger era immediatamente evidente”, ha affermato Mike Barnette, capo subacqueo del team che ha fatto la scoperta.

“Abbiamo riconosciuto la necessità di portare questa scoperta all’attenzione immediata della NASA. Il sito, che si trova al di fuori del Triangolo delle Bermuda al largo della costa della Florida, segna la perdita di sette coraggiosi astronauti – compagni esploratori – e il disastro del Challenger è stato una tragica battuta d’arresto per il programma spaziale americano. Ma da questo orribile evento sono state apprese importanti lezioni che alla fine hanno portato a notevoli progressi nell’esplorazione spaziale”.

Capo Nasa: “Questa tragedia ci ha cambiati”

I subacquei hanno iniziato la loro spedizione a marzo di quest’anno e hanno confermato la scoperta di quello che credevano facesse parte dello Space Shuttle Challenger a maggio al largo della costa della Florida vicino a Cape Canaveral. La NASA ha successivamente confermato la scoperta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Anche se sono passati quasi 37 anni da quando sette audaci e coraggiosi esploratori hanno perso la vita a bordo del Challenger, questa tragedia sarà per sempre impressa nella memoria collettiva del nostro paese. Per milioni di persone in tutto il mondo, me compreso, il 28 gennaio 1986, si sente ancora come ieri”, ha dichiarato l’amministratore della NASA Bill Nelson in una nota. “Questa scoperta ci offre l’opportunità di fermarci ancora una volta, di elevare l’eredità dei sette pionieri che abbiamo perso e di riflettere su come questa tragedia ci ha cambiato”.

Il frammento Challenger misura più di 15 piedi per 15 piedi (4,5 metri per 4,5 metri) e la sua dimensione intera non è ancora nota perché è parzialmente ricoperta di sabbia sul fondo dell’oceano. Le piastrelle termiche quadrate sul frammento suggeriscono che probabilmente fa parte del ventre della navetta.

Per ora, il frammento dello Space Shuttle rimane sul fondo dell’oceano e la NASA sta determinando il suo prossimo passo. Ad oggi, circa 118 tonnellate di detriti Challenger sono state recuperate dal disastro, costituendo circa il 47% dell’intero razzo. Ciò include parti dei due booster a combustibile solido e del serbatoio del carburante esterno. La maggior parte di questi pezzi sono immagazzinati in silos missilistici abbandonati presso la Cape Canaveral Space Force Station, e sono un promemoria di uno dei peggiori disastri spaziali della NASA e uno dei peggiori del mondo fino ad oggi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fonte: NASA