Il caso del Pianeta Nove

Il Pianeta Nove potrebbe essere là fuori e gli astronomi che lo stanno cercando hanno altri motivi per pensare che esista, a causa del modo in cui potrebbe influenzare altri oggetti nel sistema solare esterno

0
4029
Il caso del Pianeta Nove
Il caso del Pianeta Nove

Un team di ricercatori ha pubblicato un articolo che esamina le prove che un altro grande pianeta, soprannominato Pianeta Nove, orbiti attorno al Sole molto oltre l’orbita di Nettuno.

Ciò che hanno scoperto mette in dubbio l’esistenza del pianeta, ma allo stesso tempo, non lo esclude del tutto.

Il sistema solare è composto da otto pianeti che orbitano attorno al Sole, Nettuno è il più distante e si trova a 4,5 miliardi di chilometri, circa 30 volte più distante della Terra dal Sole. 

Al di là di Nettuno ci sono diversi corpi ghiacciati, alcuni dei quali di dimensioni considerevoli, come Plutone con un diametro di 2.400 km. Plutone e gli oggetti simili sono chiamati oggetti transnettuniani o TNO.

A caccia del Pianeta Nove con i TNO

Alcuni di questi oggetti sono molto distanti dal cuore del sistema solare, come 2012 VP113, che non si avvicina mai al Sole ameno di 12 miliardi di km e arriva a una distanza di 65 miliardi di chilometri.

La distanza li rende molto deboli e difficili da trovare. Ad oggi, sono state scoperte solo poche dozzine di TNO.

Alcuni anni fa, sono stati scoperti alcuni TNO che sembravano avere orbite stranamente allineate.



Ci aspetteremmo che le loro orbite fossero orientate in ogni modo, ma non correlate. Sembrano invece avere orientamenti caratteristici simili, come se qualcosa la fuori li influenzasse.

Oltre l’orbita di Nettuno potrebbe esserci un pianeta più massiccio della Terra che interagisce con i TNO loro gravitazionalmente, influenzando le loro orbite.

La sua posizione nel cielo può essere calcolata in modo molto approssimativo usando le orbite dei TNO, ma finora non è stato trovato nulla che possa indicare la presenza del Pianeta Nove.

Il fatto è che è possibile che le osservazioni sui TNO soffrano di quello che viene chiamato bias di selezione

I sondaggi che rilevano questi oggetti tendono a guardare solo in alcune parti del cielo in determinati periodi dell’anno e a trovarli più facilmente quando sono più vicini al Sole e quindi quando sono più luminosi. 

Ciò significa che è possibile che i sondaggi tendano a trovare quelli con le orbite allineate, selezionandoli da una popolazione molto più ampia di TNO che sono invece orientati in modo del tutto casuale.

Se è così, allora il motivo per cercare il pianeta nove viene decisamente meno. Ovviamente, è importante capire quanto sia importante un ruolo che questo pregiudizio può svolgere.

Gli astronomi hanno esaminato i sondaggi in questione, hanno quindi simulato una grande popolazione di oggetti trans nettuniani utilizzando caratteristiche realistiche e hanno cercato di capire quali TNO avevano orbite allineate.

Gli astronomi hanno scoperto che, statisticamente parlando, le osservazioni di questi TNO sono coerenti con il fatto che provengono da una popolazione più ampia di oggetti con orbite orientate in modo casuale.

Quindi è possibile che i TNO siano distribuiti uniformemente attorno al Sole e gli effetti del Pianeta Nove sono illusori.

Tuttavia, questo non prova che sia così! I dati si possono adattare a una popolazione casuale, ma si possono adattare anche a una popolazione influenzata dal Pianeta nove. Quello che hanno scoperto è che quest’ultimo è molto meno probabile.

Tuttavia la presenza del Pianeta nove non è da escludere totalmente. Inoltre, anche se la distribuzione è casuale, ciò non prova che il pianeta nove non esiste.

Il Pianeta Nove potrebbe essere là fuori e gli astronomi che lo stanno cercando hanno altri motivi per pensare che esista, a causa del modo in cui potrebbe influenzare altri oggetti nel sistema solare esterno.

La possibilità di rilevare il Pianeta nove è limitata dal numero molto ridotto di questi oggetti. Tutto questo si basa su un paio di dozzine di TNO e occorre essere estremamente attenti quando si ha a che fare con statistiche di piccoli numeri.

La cosa migliore da fare è aumentare il numero delle osservazioni, occorre trovare molti più oggetti di questo tipo e studiare le loro orbite per capire se sono influenzate da qualcosa che abbia una massa sufficiente per essere identificato come Pianeta nove.

Si spera che nuovi telescopi, come l’Osservatorio Vera Rubin, faranno proprio questo. Scansionare i cieli per cercare il Pianeta Nove nelle sue posizioni più probabili è comunque una buona idea.

Nel peggiore dei casi i dati delle osservazioni possono essere utilizzati per molti scopi, e se il Pianeta nove non viene trovato, impariamo comunque qualcosa.

2