8.9 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeTecnologiaSpaceX assembla il razzo Starship

SpaceX assembla il razzo Starship

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Per la prima volta in più di sei mesi, SpaceX ha impilato entrambi gli stadi del suo razzo Starship di nuova generazione, il veicolo di lancio più grande e potente mai assemblato.

Non è la prima volta. SpaceX ha effettuato altre tre dimostrazioni di Starship “full-stack”: una ad agosto 2021 e di nuovo a febbraio e marzo 2022. Ma all’inizio di quest’anno, SpaceX (o almeno il CEO Elon Musk) ha deciso di rinunciare allo stadio superiore di Starship e Super Prototipi di booster pesanti che avevano supportato tutti e tre i test precedenti e, a un certo punto, erano stati considerati candidati per il primo tentativo di lancio orbitale del razzo. Booster 4 e Ship 20 sono stati consegnati a un cantiere di pensionamento nel giugno 2022.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

A quel punto, SpaceX aveva già iniziato a testare i prototipi scelti per il test di lancio orbitale di Starship: Super Heavy Booster 7 (B7) e Starship 24 (S24). Quasi esattamente sei mesi dopo l’inizio di quell’intenso periodo di test, entrambi i prototipi hanno recentemente raggiunto la fase più impegnativa dei test.

Dopo un tentativo fallito prima dell’alba l’11 ottobre, i tecnici di SpaceX hanno risolto alcuni misteriosi nodi nell’infrastruttura cruciale situata sulla prima piattaforma di lancio orbitale (quasi) finita di Starship a Boca Chica, in Texas.

SpaceX ora ha rimosso completamente le gambe da tutti i recenti prototipi di Starship e Super Heavy e tenterà di catturare a mezz’aria gli stadi del razzo delle dimensioni di un edificio. A questo fine, la società ha costruito una torre di lancio alta circa 145 metri e l’ha dotata di tre giganteschi bracci robotici. Due di quelle braccia sono identiche e collegate tra loro, formando una sorta di artiglio che afferrerà i razzi in rientro eliminando la necessità di gambe di atterraggio. Il terzo braccio serve per collegare lo stadio superiore dell’astronave all’alimentazione, al propellente e al gas della rampa di lancio.

Le “bacchette”, come sono conosciute, hanno un altro scopo ancora più importante: assemblare i razzi Starship sulla rampa di lancio. Grazie al loro robusto collegamento alla torre, profondamente infissa nel terreno, sono molto meno sensibili ai venti rispetto all’immensa gru altrimenti necessaria per impilare l’astronave in cima al Super heavy. Siamo ad un tiro di schioppo dal Golfo del Messico, tempeste e forti venti non sono esattamente rari.

Intorno al tramonto dell’11 ottobre, SpaceX è stato in grado di spostare le braccia in posizione sotto la nave 24. Con un peso di 100 tonnellate o più e nove metri di larghezza e  Alta ~ 50 metri, l’astronave è stata sollevata lentamente a circa 80 metri da terra, traslata sul Booster 7 e abbassata sulla sua punta, a 69 metri di altezza. Dopo circa altre due ore di modifica robotica delle loro posizioni, i due stadi dell’astronave sono stati assicurati insieme. Con i bracci ancora attaccati alla starship 24, i lavoratori di SpaceX sono stati in grado di avvicinarsi al razzo e prepararsi a collegare l’ombelicale a sgancio rapido del braccio oscillante all’astronave.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
La nave 24 e il Booster 7 hanno entrambi completato diversi test importanti. (SpazioX)

Da quando hanno iniziato i test di qualificazione nell’aprile e maggio 2022, Booster 7 e Ship 24 hanno completato ciascuno diversi test di prova criogenica, otto “spin-primes” di alcuni o tutti i loro motori Raptor e diversi test di accensione statica. Di recente, la Starship 24 ha acceso tutti e sei i suoi Raptor, ma il test apparentemente riuscito dell’8 settembre è stato seguito da più di un mese di apparenti riparazioni. Booster 7 ha completato l’accensione statica di sette dei suoi 33 motori Raptor, offrendo un’idea di quanto ancora SpaceX deve ancora fare per finire di testare il Super Heavy.

Secondo il CEO Elon Musk, Booster 7 e Ship 24 tenteranno la prima prova generale del lancio (WDR) di Starship una volta che tutto sarà in ordine. I prototipi verranno caricati contemporaneamente con circa 5000 tonnellate di ossigeno liquido e propellente metano e quindi verranno eseguiti un conto alla rovescia per il lancio. Divergendo appena prima dell’accensione e del decollo, un WDR dovrebbe essere più o meno identico a un tentativo di lancio.

Se le prove andranno secondo i piani, SpaceX tenterà quindi di accendere contemporaneamente tutti i 33 motori Raptor installati sul Super Heavy B7, rendendolo quasi sicuramente il razzo più potente mai testato. Anche se tutti e 33 i motori non raggiungeranno mai più del 60% della loro spinta massima di 230 tonnellate probabilmente batteranno il record del razzo sovietico N-1 di 4500 tonnellate di spinta al livello del mare. Sarebbe anche il maggior numero di motori a razzo mai accesi simultaneamente su un veicolo. SpaceX ha avvertito che il successo è tutt’altro che garantito.

Non è chiaro se SpaceX tenterà immediatamente un’accensione statica dei 33 motori. Sulla base della storia dei test di Ship 24 e Booster 7, sarebbe un allontanamento dalla norma se l’azienda non raggiungesse lentamente entrambe le pietre miliari principali con test più piccoli nel frattempo. Come minimo, supponendo che i test WDR siano stati completati senza grossi problemi, SpaceX probabilmente tenterà almeno uno o più accensioni statiche temporanee con meno di 33 motori prima di tentare il primo test completo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se entrambe le pietre miliari (un WDR completo e un fuoco statico di 33 motori) verranno completate senza problemi significativi, c’è la possibilità che SpaceX possa passare direttamente ai preparativi per il primo tentativo di lancio orbitale di Starship senza disimpilare il razzo. Nello scenario più probabile, in cui si verificano alcuni problemi e sono necessarie alcune riparazioni, il percorso sarà più tortuoso ma dovrebbe comunque terminare con un tentativo di lancio orbitale alla fine di quest’anno o all’inizio del prossimo.

Articoli più letti