17.3 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeAntropologiaRari manoscritti africani offrono indizi sull'evoluzione della scrittura

Rari manoscritti africani offrono indizi sull’evoluzione della scrittura

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La prima invenzione della scrittura al mondo è avvenuta oltre 5000 anni fa in Medio Oriente, prima di essere reinventata in Cina e in America Centrale. Oggi, quasi tutte le attività umane, dall’istruzione ai sistemi politici e al codice informatico, si basano su questa tecnologia.

Ma nonostante il suo impatto sulla vita quotidiana, sappiamo poco di come la scrittura si sia evoluta nei suoi primi anni. Con così pochi siti di origine, le prime tracce di scrittura sono frammentarie o del tutto assenti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In uno studio pubblicato di recente su Current Anthropology, un team di ricercatori del Max Planck Institute for the Science of Human History di Jena, in Germania, ha dimostrato che la scrittura diventa molto rapidamente “compressa” per una lettura e una scrittura efficienti.

Un raro sistema di scrittura africano

Per arrivare a questa intuizione si sono rivolti a un raro sistema di scrittura africano che ha affascinato gli estranei dall’inizio del XIX secolo.

“La sceneggiatura “Vai della Liberia” è stata creata da zero intorno al 1834 da otto uomini completamente analfabeti che scrivevano con inchiostro a base di bacche tritate”, ha  affermato l’autore principale, il dottor Piers Kelly, ora all’Università del New England, in Australia. La lingua Vai non era mai stata scritta prima.

Secondo l’insegnante Vai Bai Leesor Sherman, la sceneggiatura veniva sempre insegnata, in modo informale, da un insegnante alfabetizzato a un singolo apprendista. Rimasta tutt’ora in voga viene persino utilizzata per comunicare messaggi sanitari pandemici.

“A causa del suo isolamento e del modo in cui ha continuato a svilupparsi fino ai giorni nostri, abbiamo pensato che potesse dirci qualcosa di importante su come la scrittura si evolvesse in brevi lassi di tempo”, ha affermato Kelly.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“C’è una famosa ipotesi che le lettere si evolvano da immagini a segni astratti. Ma ci sono anche molte forme di lettere astratte nella scrittura iniziale. Abbiamo previsto, invece, che i segnali iniziassero come relativamente complessi per poi divenire più semplici attraverso le nuove generazioni di scrittori e lettori”.

Evoluzione animata delle lettere Vai ꔫ 'bhi' , ꗌ 'tho' e ꔱ 'fi' in 175 anni
Evoluzione delle lettere Vai ꔫ ‘bhi’ , ꗌ ‘tho’ e ꔱ ‘fi’ in 175 anni

Il team ha esaminato i manoscritti in lingua Vai dagli archivi in ​​Liberia, negli Stati Uniti e in Europa. Analizzando i cambiamenti di anno in anno nelle sue 200 lettere sillabiche, hanno tracciato l’intera storia evolutiva della scrittura dal 1834 in poi. Applicando strumenti di calcolo per misurare la complessità visiva, hanno scoperto che le lettere diventavano davvero visivamente più semplici ogni anno che passava.

“Gli inventori originali sono stati ispirati dai sogni per progettare segni individuali per ogni sillaba della loro lingua. Uno rappresenta una donna incinta, un altro uno schiavo incatenato, altri sono tratti da emblemi tradizionali. Quando questi segni sono stati applicati alla scrittura di sillabe parlate, poi insegnati a nuove persone, sono diventati più semplici, più sistematici e più simili tra loro”, ha affermato Kelly.

Questo modello di semplificazione può essere osservato su scale temporali molto più lunghe anche per i sistemi di scrittura antichi.

“La complessità visiva è utile se stai creando un nuovo sistema di scrittura. Generi più indizi e maggiori contrasti tra i segni, il che aiuta gli studenti analfabeti. Questa complessità in seguito ostacola una lettura e una riproduzione efficienti, quindi svanisce”, ha dichiarato Kelly.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In Africa occidentale, inventori analfabeti hanno decodificato la scrittura per le lingue parlate in Mali e Camerun, mentre nuovi sistemi di scrittura sono ancora in fase di invenzione in Nigeria e Senegal. In risposta allo studio, il filosofo nigeriano Henry Ibekwe ha commentato: “Le scritture indigene africane rimangono un vasto deposito non sfruttato di informazioni semiotiche e simboliche”.

Articoli più letti