13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeAntropologiaGran parte delle ipotesi sulle origini umane non sono compatibili con i...

Gran parte delle ipotesi sulle origini umane non sono compatibili con i fossili conosciuti

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nei 150 anni trascorsi da quando Charles Darwin ha ipotizzato che gli esseri umani abbiano avuto origine in Africa, il numero di specie nell’albero genealogico umano è esploso, ma anche il livello di controversia riguardante la primitiva evoluzione umana. 

Le scimmie fossili sono spesso al centro del dibattito, con alcuni scienziati che ignorano la loro importanza per le origini del lignaggio umano (gli “ominini) e altri conferiscono loro ruoli evolutivi da protagonista. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Una nuova analisi pubblicata sulla rivista Science esamina le principali scoperte sulle origini degli ominidi dai lavori di Darwin e sostiene che le scimmie fossili possono informarci sugli aspetti essenziali delle scimmie e dell’evoluzione umana, inclusa la natura del nostro ultimo antenato comune.

Gli esseri umani si sono discostati dalle scimmie – in particolare, la stirpe degli scimpanzé – a un certo punto tra circa 9,3 milioni e 6,5 milioni di anni fa, verso la fine dell’epoca del Miocene. Per comprendere le origini degli ominidi, i paleoantropologi mirano a ricostruire le caratteristiche fisiche, il comportamento e l’ambiente dell’ultimo antenato comune di umani e scimpanzé.

Quando si guarda alla narrativa sulle origini degli ominidi, è solo un grande pasticcio – non c’è consenso di sorta“, ha detto Sergio Almécija, ricercatore senior presso la Divisione di Antropologia del Museo Americano di Storia Naturale e autore principale dell’analisi. “I ricercatori lavorano su paradigmi completamente diversi, e questo è qualcosa che non vedo accadere in altri campi della scienza“.

Esistono due approcci principali per risolvere il problema delle origini umane: “dall’alto verso il basso“, che si basa sull’analisi delle scimmie viventi, in particolare degli scimpanzé; e “dal basso verso l’alto“, che dà importanza all’albero più grande delle scimmie per lo più estinte. 

Ad esempio, alcuni scienziati presumono che gli ominidi abbiano avuto origine da un antenato che camminava sulle nocche simile a uno scimpanzé. Altri sostengono che il lignaggio umano abbia avuto origine da un antenato che somigliava più da vicino, in alcune caratteristiche, ad alcune delle strane scimmie del Miocene.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel riesaminare gli studi che circondano questi approcci divergenti, Almécija e colleghi con competenze che vanno dalla paleontologia alla morfologia funzionale e alla filogenetica discutono i limiti dell’affidarsi esclusivamente a uno di questi approcci opposti al problema delle origini degli ominidi. 

Gli studi che vanno “dall’alto verso il basso” a volte ignorano la realtà che le scimmie viventi (umani, scimpanzé, gorilla, oranghi e ilobatidi) sono solo i sopravvissuti di un gruppo molto più grande, e ora per lo più estinto. D’altra parte, gli studi basati sull’approccio “dal basso verso l’alto” tendono a dare alle singole scimmie fossili un importante ruolo evolutivo che si adatta a una narrativa preesistente.

Recensione: la maggior parte delle storie sulle origini umane non sono compatibili con i fossili conosciuti
Il repertorio posizionale che precede il bipedismo umano è sconosciuto (così è ancora in alcune scimmie viventi). Credito: © Sergio Almécija

In The Descent of Man” del 1871, Darwin ipotizzò che gli esseri umani fossero evoluti in Africa da un antenato diverso da qualsiasi specie vivente. Tuttavia, rimase cauto data la scarsità di fossili all’epoca”, spiega Almécija. “Centocinquanta anni dopo, possibili ominidi – che si avvicinano al tempo della divergenza uomo-scimpanzé – sono stati trovati nell’Africa orientale e centrale, e alcuni sostengono anche in Europa. Inoltre, più di 50 generi fossili di scimmie sono ora documentati in tutta l’Africa e l’Eurasia. Tuttavia, molti di questi fossili mostrano combinazioni a mosaico di caratteristiche che non corrispondono alle aspettative degli antichi rappresentanti delle moderne scimmie e dei lignaggi umani. Di conseguenza, non c’è consenso scientifico sul ruolo evolutivo svolto da queste scimmie fossili“.

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che la maggior parte delle ipotesi sulle origini umane non sono compatibili con i fossili che abbiamo oggi.

Le specie di scimmie viventi sono specializzate, relitti di un gruppo molto più ampio di scimmie ora estinte. Quando consideriamo tutte le prove, cioè sia scimmie viventi che fossili e ominini, è chiaro che una storia evolutiva umana basata sulle poche specie di scimmie attualmente esistenti manca gran parte del quadro più ampio“, ha detto il coautore dello studio Ashley Hammond, assistente curatore nella Divisione di Antropologia del Museo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Kelsey Pugh, borsista post-dottorato del Museo e coautore dello studio, aggiunge: “Le caratteristiche uniche e talvolta inaspettate e le combinazioni di caratteristiche osservate tra le scimmie fossili, che spesso differiscono da quelle delle scimmie viventi, sono necessarie per districare le caratteristiche degli ominidi ereditati dalla nostra scimmia-antenato e che sono unici per il nostro lignaggio“.

Le scimmie viventi da sole, concludono gli autori, offrono prove insufficienti. “Le attuali disparate teorie riguardanti le scimmie e l’evoluzione umana sarebbero molto più informate se, insieme ai primi ominidi e alle scimmie viventi, anche le scimmie del Miocene fossero incluse nell’equazione“, dice Almécija. “In altre parole, le scimmie fossili sono essenziali per ricostruire il ‘punto di partenza’ da cui si sono evoluti gli esseri umani e gli scimpanzé“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti