17.3 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeAntropologiaHomo floresiensis: svelate finalmente le origini

Homo floresiensis: svelate finalmente le origini

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Lo studio più completo sulle ossa di Homo floresiensis, una specie di minuscolo umano rinvenuto sull’isola indonesiana di Flores nel 2003, ha scoperto che molto probabilmente si sono evoluti da un antenato in Africa e non dallHomo erectus come era stato ampiamente creduto.

Lo studio dell’Australian National University (ANU) ha scoperto che l’Homo floresiensis, soprannominato “gli hobbit” a causa della sua bassa statura, era molto probabilmente una specie di parente dell’Homo habilis, una delle prime specie umane conosciute trovate in Africa 1,75 milioni di anni fa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I dati dello studio hanno concluso che non c’erano prove per la teoria popolare secondo cui l’Homo floresiensis si sia evoluto dal molto più grande Homo erectus, l’unico altro primo ominide noto per aver vissuto nella regione, con fossili scoperti sulla terraferma indonesiana di Giava.

Il leader dello studio, la dott.ssa Debbie Argue della Scuola di archeologia e antropologia dell’ANU, ha affermato che i risultati dovrebbero aiutare a porre fine a un dibattito che è stato fortemente contestato da quando è stato scoperto l’Homo floresiensis.

“Le analisi mostrano che sull’albero genealogico, l’Homo floresiensis era probabilmente una specie sorella di Homo habilis. Significa che queste due specie condividevano un antenato comune”, ha affermato la dott.ssa Argue.

“È possibile che l’Homo floresiensis si sia evoluto in Africa e sia migrato, o che l’ antenato comune si sia trasferito dall’Africa e poi si sia evoluto in Homo floresiensis da qualche parte”.

Un cranio ricostruito di Homo floresiensis
Un cranio ricostruito di Homo floresiensis

Si sa che gli “hobbit” hanno vissuto su Flores fino a 54.000 anni fa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Lo studio è stato il risultato di una sovvenzione dell’Australian Research Council che ha permesso ai ricercatori di esplorare dove si inserisce la specie appena scoperta nell’albero evolutivo umano.

Laddove la ricerca precedente si era concentrata principalmente sul cranio e sulla mascella inferiore, questo studio ha utilizzato 133 punti dati che spaziano attraverso il cranio, le mascelle, i denti, le braccia, le gambe e le spalle.

La dottoressa Argue ha affermato che nessuno dei dati supporta la teoria che l’Homo floresiensis si sia evoluto dall’Homo erectus.

“Abbiamo esaminato se gli “hobbit” potessero discendere dall’Homo erectus”, ha detto.

“Abbiamo scoperto che se provi a collegarli all’albero genealogico, ottieni un risultato non supportato. Tutti i test dicono che non si adatta, semplicemente non è una teoria praticabile”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La dottoressa Argue ha affermato anche che ciò era supportato dal fatto che in molte caratteristiche, come la struttura della mascella, l’Homo floresiensis era più primitivo dell’Homo erectus.

“Logicamente, sarebbe difficile capire come si possa avere quella regressione: perché la mascella dell’Homo erectus dovrebbe evolvere di nuovo alla condizione primitiva che vediamo nell’Homo floresiensis”?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Homo floresiensis

Secondo la dottoressa Argue le analisi potrebbero anche supportare la teoria secondo cui l’ Homo floresiensis potrebbe essersi diramato prima nella linea temporale, più di 1,75 milioni di anni fa.

“Se questo fosse il caso, l’Homo floresiensis si sarebbe evoluto prima del primo Homo habilis, il che lo renderebbe davvero molto arcaico”, ha dichiarato.

Il professor Mike Lee della Flinders University e del South Australian Museum ha utilizzato modelli statistici per analizzare i dati.

“Quando abbiamo effettuato l’analisi, c’era un supporto davvero chiaro per la relazione con l’Homo habilis. L’Homo floresiensis occupava una posizione molto primitiva sull’albero evolutivo umano”, ha affermato il professor Lee.

“Possiamo essere sicuri al 99% che non sia correlato all’Homo erectus e quasi al 100% che non sia un Homo sapiens malformato”, ha concluso il professor Lee.

Articoli più letti