Cosa ci racconta del pensiero dei Neanderthal un piccolo osso lavorato

Stiamo imparando che i Neanderthal erano innovativi e sofisticati come noi ci immaginiamo di essere, sollevando domande su cosa significhi essere umani

5653

È facile accettare che il mondo sia la patria di molte specie di delfini, gatti o orsi, ma l’idea che una volta vagassimo per il pianeta con altri esseri umani è più sorprendente.

Spesso respingiamo i nostri cugini estinti come brutali abitanti delle caverne e la parola Neanderthal viene lanciata come una frecciatina alle persone che hanno un modo di pensare obsoleto.
Invece, stiamo imparando che i Neanderthal erano innovativi e sofisticati come noi ci immaginiamo di essere, sollevando domande su cosa significhi essere umani.
La cultura dei Neanderthal

Questo è l'ingresso pubblico alla grotta Einhornhöhle, la grotta dell'Unicorno in inglese, nelle montagne Harz, in Germania, dove è stato trovato il minuscolo pezzo di osso inciso.

Questo è l’ingresso pubblico alla grotta Einhornhöhle, la grotta dell’Unicorno in inglese, nelle montagne Harz, in Germania, dove è stato trovato il minuscolo pezzo di osso inciso.
Un minuscolo osso inciso sta cambiando il modo in cui pensiamo ai Neanderthal, gli ominidi dell’età della pietra che scomparvero circa 40.000 anni fa. Trovato nella grotta di Einhornhöhle nel nord della Germania, la falange di cervo decorata, presenta un motivo geometrico.
I ricercatori hanno affermato che è la prova definitiva del fatto che i Neanderthal fossero capaci di espressione artistica, un segno di ciò che gli archeologi chiamano comportamento complesso, un tempo ritenuto unico dell’Homo sapiens.
Ciò che è meno chiaro è come l’Homo neanderthalensis abbia appreso queste abilità. La possibilità che i Neanderthal fossero cognitivamente avanzati quanto l’Homo sapiens potrebbe anche avere implicazioni sul motivo per cui si sono estinti.
I Neanderthal si estinsero circa 40.000 anni fa, più o meno nello stesso periodo in cui gli umani moderni uscirono dall’Africa. Ciò ha portato i ricercatori a credere che gli esseri umani moderni abbiano vinto la competizione per le risorse, portando alla scomparsa dei Neanderthal.
Altre teorie sulla pressione ambientale dei cambiamenti climatici o persino sulle epidemie sostengono che queste ragioni potrebbero aver aiutato i Neanderthal a estinguersi.
Ma un nuovo studio propone che gli umani moderni non abbiano nulla a che fare con questo. Invece, i ricercatori suggeriscono che la consanguineità, le piccole popolazioni e le fluttuazioni di nascita, morte e rapporto tra i sessi sarebbero state sufficienti per portare i Neanderthal alla loro fine permanente. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista PLOS.

Nel frattempo, un minuscolo pezzo di osso che un tempo apparteneva a un gigantesco cervo dell’era glaciale sta cambiando il modo in cui pensiamo ai Neanderthal.

Trovata nella grotta di Einhornhöhle nel nord della Germania, la falange di cervo decorata, o osso del piede, presenta un motivo geometrico inciso ed è stata datata, utilizzando diverse tecniche, ad almeno 51.000 anni.
La scoperta rinfresca il dibattito su fino a che punto i Neanderthal, fossero capaci di espressione artistica e pensiero simbolico e se avessero sviluppato queste abilità da soli o attraverso interazioni con i primi esseri umani moderni, che arrivarono in Europa in questo periodo.
La falange di Einhornhöhle con i suoi chevron sovrapposti rappresenta una delle espressioni culturali più complesse conosciute finora dai Neanderthal“, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature.
Il team di ricercatori tedeschi ha affermato che il piccolo osso sembra non essere di alcuna utilità pratica e che il design a chevron, con le sue tre linee parallele uniformi, sembra essere stato creato intenzionalmente, forse come ornamento personale.
La scelta del materiale, la sua preparazione prima dell’intaglio e la sapiente tecnica utilizzata per l’incisione sono tutti indice di sofisticata competenza e grande abilità nella lavorazione delle ossa“, ha affermato Silvia M. Bello, ricercatrice presso il Center for Human Evolution Research, Department of Scienze della Terra, al Natural History Museum di Londra, in un commento che ha accompagnato il paper.
La presenza di incisioni artisticamente disposte a forma di chevron sull’osso di un cervo gigante, supporta il significato simbolico di questa scoperta e solleva nuove domande su quanto possa essere stato complesso il comportamento di Neanderthal“.

L'osso di cervo gigante non ha alcun uso pratico e si crede che sia puramente decorativo.

L’osso di cervo gigante non ha alcun uso pratico e si crede che sia puramente decorativo.

Bollito prima di essere decorato

L’osso proveniva da un cervo gigante, un animale che i ricercatori hanno descritto come “molto impressionante“, ma anche uno che all’epoca era molto raro a nord delle Alpi. La scelta dell’osso di cervo gigante come materia prima sottolinea il carattere speciale dell’oggetto e sostiene l’idea che avesse un significato simbolico.
Leder e i suoi colleghi hanno scoperto che le ossa bollite offrivano una superficie più morbida per effettuare incisioni controllate in un modo che ricordava da vicino l’oggetto originale.
Le prime prove dell’innovazione culturale e dell’espressione artistica tra i primi esseri umani moderni sono emerse in Africa e risalgono a circa 100.000 anni fa – dove vediamo strumenti realizzati con materiali diversi dalla pietra, come ossa, avorio e corna, ornamenti di perline di conchiglia , e progressi tra cui l’uso di pigmenti, arte rupestre e sepolture deliberate.
Sebbene più scarsi, gli archeologi hanno scoperto segni di un’innovazione tecnologica e culturale simile nei siti di Neanderthal in Europa. Questi includono ornamenti come artigli di uccelli rapaci, pendenti di denti e prove di comportamento funerario. In alcuni siti rupestri in Spagna, ci sono prove, sebbene controverse, che i Neanderthal abbiano creato motivi astratti e stencil a mano.

Comportamento complesso

Si pensa che l’Homo sapiens sia arrivato per la prima volta in Europa circa 45.000 anni fa e abbia convissuto con i Neanderthal per migliaia di anni. Durante quel periodo, i due gruppi si sono incontrati, a volte incrociandosi, lasciando tracce di DNA di Neanderthal nei nostri geni.
Data la sua età, gli autori dello studio hanno affermato di ritenere che l’osso di cervo inciso fosse di “autorialità neandertaliana indipendente” e non collegato ad alcuna interazione con l’Homo sapiens.

Le scansioni topografiche computerizzate dell'osso inciso hanno mostrato sei linee che mostrano la forma del simbolo chevron.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Hanno notato che le prime prove di Homo sapiens nell’Europa centrale provengono da siti nell’area dell’Alto Danubio tra 43.500 e 38.000 anni fa, diversi millenni dopo l’osso inciso. Hanno detto che le prime prove di Homo sapiens in Europa – ciondoli realizzati con denti di animali di 45.500 anni fa, provengono da 1.500 chilometri di distanza in Bulgaria.
Tuttavia, ricerche più recenti hanno trovato prove genetiche nel cranio di un Homo sapiens da un sito nella Repubblica Ceca – a circa 400 chilometri da Einhornhöhle – che suggerivano che l’individuo avesse del DNA di Neanderthal, Ciò solleva la possibilità che i primi uomini moderni e i Neanderthal si siano incrociati più di 50.000 anni fa.
Dato questo precoce scambio di geni, non possiamo escludere uno scambio di conoscenze altrettanto precoce tra le moderne popolazioni umane e di Neanderthal, che potrebbe aver influenzato la produzione del manufatto inciso da Einhornhöhle“.
La possibilità di una conoscenza acquisita dagli umani moderni non sottovaluta, secondo me, le capacità cognitive dei Neanderthal“.
Al contrario, la capacità di apprendere, integrare l’innovazione nella propria cultura e adattarsi alle nuove tecnologie e ai concetti astratti dovrebbe essere riconosciuta come un elemento di complessità comportamentale“.