Stephen Hawking: l’umanità ha 1000 anni di tempo per evitare l’estinzione

Stephen Hawking pensava che l'umanità avesse a disposizione solo 1000 anni per sopravvivere sulla Terra e che la nostra specie debba colonizzare altri pianeti

0
51672
Stephen Hawking: una previsione preoccupante per l'umanità

Stephen Hawking pensava che l’umanità avesse a disposizione solo 1000 anni per sopravvivere sulla Terra e che la nostra specie debba colonizzare altri pianeti.

La previsione di Hawking

Il famoso fisico fece una dichiarazione in un discorso della Oxford University Union, promuovendo l’obiettivo della ricerca e della colonizzazione di esopianeti simili alla Terra. Purtroppo sappiamo che sviluppare una tecnologia per consentire agli umani di viaggiare verso mondi alieni lontani e viverci è, ad oggi, fuori delle nostre possibilità e anche per il futuro prevedibile l’idea è dir poco impegnativa.

Hawking aveva ragione ha dire che l’umanità ha solo 1.000 anni per uscire dal nostro pianeta natale?

I pericoli menzionati da Hawking – dal cambiamento climatico, alle armi nucleari, ai virus geneticamente modificati, senza nominare eventi imprevedibili come un asteroide in grado di innescare un’estizione di massa come avvenne 66 milioni di anni fa, l’esplosione di una supernova nel nostro vicinato galattico e altre amenità simili – possono effettivamente rappresentare minacce esistenziali per la nostra specie, dicono gli esperti, ma prevedere un millennio di futuro è una faccenda complicata.

“Anche se rispetto molto Stephen Hawking, speculare su quanto tempo possa sopravvivere l’umanità prima dell’estinzione è alquanto sciocco”, ha affermato John Sterman, direttore della Sloan Sustainability Initiative del MIT. “Se e quanto sopravviveremo e prospereremo o se precipiteremo nel caos non è qualcosa di prevedibile anche se esistono sicuramente segni interpretabili”.



Vita sostenibile?

Se il clima continuerà a cambiare con il ritmo rapido attuale, a prescindere di quali siano le cause che lo hanno innescato, rapidamente, probabilmente creerà molti problemi per la specie umana ma Hawking avrà davvero avuto ragione?

“Potrebbero esserci quantità incredibili di stress alimentare e idrico in alcune regioni, combinato con l’innalzamento del livello del mare che porterà a un numero enorme di rifugiati ambientali”, ha affermato Shawn Marshall, professore di geografia e clima, ricercatore presso l’Università di Calgary in Canada.

L’umanità ora sopravvive consumando le risorse naturali non rigenerabili del pianeta e avvelenandone l’ambiente, ha spiegato Sterman al sito WordsSideKick.com. Il Global Footprint Network, organizzazione senza scopo di lucro, stima che l’umanità utilizzi le risorse di 1,5 pianeti come la terra ogni anno, mantenendo costantemente in passivo il conto bancario naturale del pianeta. I problemi di sostenibilità non possono aspettare 1000 anni per essere affrontati e almeno mitigati, secondo Sterman.

“Se possiamo riuscire ad impedire che il cambiamento climatico danneggi irrimediabilmente il pianeta o se saremo capaci di imparare a vivere senza superare i limiti del nostro mondo, lo capiremo probabilmente entro in questo secolo”, spiega.

Emmanuel Vincent, ricercatore presso l’Università della California Merced, e fondatore dell’organizzazione umanitaria Climate Feedback, concorda con l’invito a prendere decisioni sostenibili ora.

“È importante ricordare che non è possibile prevedere se un evento catastrofico distruggerà il pianeta entro i prossimi mille anni”, ha affermato Vincent. “Ciò che ha fatto Hawking  è speculare sul rischio che ciò accada e stimare che la probabilità di estinzione sia alta. Anche se sono d’accordo sul fatto che ciò sia possibile, vorrei sottolineare che dipende principalmente da come possiamo prevenire un esito catastrofico come società. Questo non significa, però, che la nostra specie dovrà necessariamente scomparire se faremo scelte sbagliate” 

L’umanità probabilmente non cuocerà in un forno che funziona a gas serra, anche se le aree tropicali dovessero diventare troppo calde per essere abitate, ha detto Vincent. La vera domanda è se gli esseri umani saranno in grado di gestire lo sconvolgimento che il cambiamento climatico causerà quando le coste verranno sommerse e questo provocherà il diffondersi di malattie in un pianeta con la meteorologia sconvolta.

L’estinzione dell’umanità

Il pianeta è attualmente più caldo di circa 1 grado Celsius (1,8 gradi Fahrenheit) rispetto alle medie preindustriali, ha affermato Marshall. In confronto, le temperature nei periodi Giurassico e Cretaceo erano di circa 10 gradi C (18 F) più calde delle medie preindustriali, o circa 25 gradi C (45 F) rispetto agli odierni 16 gradi C (29 F), sostiene Marshall

Nonostante ciò, ci sono già segnali di avvertimento che la temperatura media criticasia già stata superata e il riscaldamento globale è ormai innegabile. Circa la metà della flora e della fauna selvatica globale è stata spazzata via negli ultimi 50 anni, conferma Vincent. La situazione è così grave che molti scienziati ritengono che il pianeta sia nel mezzo della sua sesta estinzione di massa.

Personalmente, non vedo come il cambiamento climatico possa portare all’estinzione degli esseri umani“, ha affermato. “diverso è il discorso che in concomitanza ai cambiamenti climatici dovessero verificarsi disordini sociali causati dalle carestie o se si verificasse una guerra nucleare per il controllo delle risorse o qualche altra implosione sociale dovuta al degrado ambientale”.

“Chiunque pensi, fosse pure Hawking, che basteranno solo mille anni per risolvere questi problemi colonizzando altri mondi ha guardato troppo Star Trek”, ha detto Sterman“Dobbiamo imparare a vivere in modo sostenibile qui, sull’unico pianeta che abbiamo, e non c’è tempo da perdere”.

2