Scheletri ritrovati in Portogallo potrebbero essere la più antica prova di mummificazione

Dopo aver rivisitato le foto di antichi scheletri umani in Portogallo, gli archeologi ora credono che i resti di 8000 anni abbiano subito una pratica di mummificazione. Ciò renderebbe i resti la prova più antica della mummificazione mesolitica in Europa

0
25391
Gli scheletri in Portogallo potrebbero essere la più antica prova di mummificazione
Gli scheletri in Portogallo potrebbero essere la più antica prova di mummificazione

Dopo aver rivisitato le foto di antichi scheletri umani riesumati per la prima volta nella valle del Sado in Portogallo negli anni ’60, gli archeologi ora credono che quei resti, datati ad 8000 anni fa, abbiano subito una pratica di mummificazione prima della loro sepoltura. Ciò li renderebbe la prova più antica conosciuta di mummificazione in epoca mesolitica in Europa. In effetti, potrebbe benissimo essere la prima prova di mummificazione al mondo.

La più antica testimonianza di mummificazione conosciuta in Egitto, la regione più famosa al mondo per le mummie, ha circa 5.500 anni. Tuttavia, i ricercatori ritengono che la mummificazione potrebbe essere stata molto più comune durante la preistoria e potrebbe in effetti essere molto più antica.

Utilizzando una nuova tecnica potrebbe essere possibile stabilire se i resti decomposti potrebbero essere stati originariamente sottoposti a mummificazione, estendendo in modo significativo la cronologia di tali pratiche di sepoltura.

Gli scavi nella Valle del Sado nel sud del Portogallo, nei siti di Arapouco e Poças de S. Bento, tra il 1958 e il 1964 hanno recuperato più di 100 scheletri datati tra 8.000 e 7.000 anni fa. Sfortunatamente, gran parte della documentazione originale di questi straordinari ritrovamenti è andata perduta, comprese fotografie, planimetrie e disegni sul campo.

Questo fino a quando João Luís Cardoso, un archeologo della Open University di Lisbona, si è imbattuto in tre rullini mentre studiava un archivio locale.

Queste foto verificate raffigurano 13 corpi riesumati nel 1961 e nel 1962, che Cardoso e colleghi hanno utilizzato per ricostruire le loro probabili posizioni di sepoltura utilizzando un’analisi archeotanatologica. Questo metodo, basato sulla conoscenza dei processi di decadimento naturale, ha permesso di ricostruire nel dettaglio come l’uomo ha storicamente affrontato i propri morti.



Oltre alle osservazioni sulla distribuzione spaziale delle antiche ossa della Sado Valley, l’antropologa forense Hayley Mickleburgh ha eseguito esperimenti di decomposizione per prevedere come potrebbero apparire i cadaveri umani in diverse posizioni di sepoltura se fossero stati mummificati o meno.

Un'illustrazione che confronta la sepoltura di un cadavere fresco e di un corpo essiccato che ha subito una mummificazione guidata. Crediti: Uppsala University e Linnaeus University in Svezia e Università di Lisbona in Portogallo.
Un’illustrazione che confronta la sepoltura di un cadavere fresco e di un corpo essiccato che ha subito una mummificazione guidata. Crediti: Uppsala University e Linnaeus University in Svezia e Università di Lisbona in Portogallo.

Insieme, queste osservazioni suggeriscono che alcuni di questi resti devono essere stati mummificati. Sebbene non fosse rimasto tessuto molle, gli archeologi sono giunti a questa conclusione sulla base di deduzioni da prove indirette come la posizione dei corpi, con le ginocchia piegate e premute contro il torace, nonché la presenza di sedimenti di riempimento attorno alle ossa e l’assenza di disarticolazione.

Un cadavere in decomposizione non preparato si disarticolerà in corrispondenza delle articolazioni deboli in tempi relativamente brevi dopo la sua sepoltura, ma i corpi mummificati conservano ancora le articolazioni.

Gli autori del nuovo studio ritengono che prima di essere seppelliti, i corpi in essiccazione siano stati gradualmente tesi con delle corde, legando gli arti in posizione e comprimendo i resti nella posizione desiderata. Questo spiegherebbe alcuni dei segni della mummificazione, probabilmente eseguita per facilitare il trasporto alla tomba e per preservare la forma del corpo in vita dopo la sepoltura.

Nel complesso, i ricercatori portoghesi credono fermamente che la mummificazione preistorica possa essere stata molto più diffusa in tutto il mondo di quanto si pensasse in precedenza, nonostante la mancanza di prove dirette di tessuti molli. Questo è il motivo per cui le osservazioni di follow-up di antichi siti archeologici utilizzando l’analisi archeotanatologica sono fondamentali per scoprire nuove solide prove di pratiche pre-sepoltura nella preistoria. In altre parole, questo potrebbe essere solo l’inizio di una nuova entusiasmante fase nell’archeologia delle mummie.

Resta controverso se le sepolture della Valle del Sado rappresentino o meno le mummie più antiche del mondo scoperte finora. Le più antiche mummie confermate al mondo sono le mummie Chinchorro di 7.000 anni, trovate sulla costa del Cile. Ma le popolazioni preistoriche probabilmente hanno mummificato i loro morti molto prima, anche nelle comunità di cacciatori-raccoglitori.

Fonte: European Journal of Archaeology

2