17.6 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeArcheologia e StoriaTrovati gli scheletri di 17 antichi romani decapitati

Trovati gli scheletri di 17 antichi romani decapitati

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Diciassette scheletri decapitati risalenti a circa 1.700 anni fa sono stati scoperti in tre cimiteri romani a Knobb’s Farm nel Cambridgeshire, nel Regno Unito.

Gli archeologi che hanno scavato il sito pensano che le persone siano state giustiziate per aver violato le leggi romane. Tuttavia, studiosi non affiliati alla ricerca hanno espresso opinioni contrastanti su questa spiegazione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il ritrovamento dei 17 scheletri decapitati

I cimiteri contengono le sepolture di 52 persone e i 17 corpi decapitati includono quelli di nove uomini e otto donne e tutti di età superiore ai 25 anni al momento della morte, ha riferito il team di ricercatori in un articolo pubblicato online il 19 maggio sulla rivista Britannia.

Molte delle loro teste furono sepolte ai loro piedi. (Unità archeologica Dave Webb/Cambridge)Molte delle loro teste furono sepolte ai loro piedi. (Unità archeologica Dave Webb/Cambridge)

In molti casi, le teste degli individui decapitati sono state rinvenute sepolte accanto ai loro piedi e un vaso di ceramica posto dove normalmente sarebbe stata la loro testa. Alcuni dei corpi sono stati ritrovati proni (a pancia in giù) nelle loro tombe.

I ricercatori ritengono che le persone decapitate siano state giustiziate. In effetti, il numero di crimini capitali nel diritto romano aumentò drammaticamente durante il terzo e il quarto secolo, nel periodo in cui questi scheletri furono sepolti.

Le prove archeologiche recuperate suggeriscono che l’esercito romano usava la fattoria di Knobb come centro di approvvigionamento e qui avrebbero affrontato duramente qualsiasi infrazione, secondo i ricercatori.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Durante il terzo e il quarto secolo, le pene previste dal diritto romano divennero costantemente più severe. Il numero di crimini che comportavano la pena di morte crebbe da 14 all’inizio del terzo secolo a circa 60 dalla morte di Costantino nel 337 d.C.,” hanno scritto i ricercatori nell’articolo, osservando che i problemi di sicurezza sono stati uno dei motivi per l’aumento dell’applicazione della pena di morte.

Durante il terzo e il quarto secolo ci furono numerose guerre civili all’interno dell’Impero Romano, con molti generali che combatterono per imporsi come imperatori. Inoltre, gli attacchi dei cosiddetti “barbari” erano una delle principali preoccupazioni di quel particolare periodo.

Nonostante la possibile esecuzione, gli individui furono ancora sepolti con vasi di terracotta e in alcuni casi furono posti in bare.

Una delle donne decapitate aveva di gran lunga la più ricca collezione di corredi funerari, essendo stata sepolta con due vasi e una collana di perline di carbone di canale“, ha detto a WordsSideKick.com Isabel Lisboa, l’archeologa che ha guidato gli scavi. Il carbone di canale è un tipo di carbone che si accende facilmente.

Secondo la legge romana, la famiglia e gli amici potevano richiedere la restituzione del corpo di un criminale giustiziato per la sepoltura“, ha scritto il team nell’articolo di giornale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questo potrebbe spiegare perché agli individui giustiziati sia stato concesso qualcosa che si avvicini ad una degna sepoltura.

(Dave Webb, unità archeologica di Cambridge)(Unità archeologica Dave Webb/Cambridge)

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le persone giustiziate probabilmente non erano schiavi, poiché “gli schiavi non avevano uno status” e probabilmente non avrebbero ricevuto sepolture, tanto meno bare e corredi funerari, ha detto Lisboa.

In realtà, alcuni studiosi  hanno espresso dubbi sul fatto che il diritto romano abbia avuto a che fare con l’esecuzione di questi individui.

Ciò che sappiamo sui siti delle esecuzioni giudiziarie romane suggerisce che venivano eseguite principalmente in città e paesi, come spettacolo pubblico e per il loro effetto deterrente“, ha affermato Simon Cleary, professore emerito di archeologia romana presso l’Università di Birmingham nel Regno Unito, che ha notato che la fattoria di Knobb non era vicino a nessuna grande città o villaggio.

Una legge promulgata da un imperatore a Roma era difficile da far rispettare in una lontana provincia dell’impero come la Britannia, ha detto Cleary.

In realtà, spettava ai magistrati locali, ai proprietari terrieri o ai funzionari statali fare o non fare ciò che l’imperatore comandava“, ha spiegato Cleary.

Se [le decapitazioni] fossero state il risultato di tale legislazione, allora ci si aspetterebbe di trovare altre sepolture di esecuzione, in particolare decapitazioni, in tutto l’impero. Questo semplicemente non accade. Le sepolture di decapitazione sono quasi interamente limitate alla Gran Bretagna“, ha detto Cleary. .

Quindi, a meno che la Gran Bretagna non fosse un’area che prendeva la legislazione imperiale molto più sul serio rispetto al resto dell’impero, ciò suggerisce che è necessario cercare spiegazioni all’interno della Gran Bretagna“, ha detto Cleary.

Cleary ha aggiunto che pensa che sia possibile che queste persone siano state giustiziate, ma che la legge romana potrebbe non avere nulla a che fare con le ragioni per cui sono state uccise.

Nel quarto secolo l’esercito romano aveva letteralmente una legge a sé stante, senza ritorno per i civili“, ha detto Cleary.

Il motivo per cui la maggior parte delle decapitazioni nell’Impero Romano avvenne in Gran Bretagna non è chiaro.

A volte la Gran Bretagna romana poteva essere davvero, davvero strana, specialmente nel trattamento dei morti – ci sono molte altre pratiche oltre alle sepolture decapitate o prone che ai nostri occhi sembrano bizzarre. Agli occhi delle persone all’epoca potrebbero essere apparse perfettamente comprensibili“.

In linea con il pensiero di Cleary anche Caroline Humfress, direttore dell’Istituto di ricerca legale e costituzionale presso l’Università di St. Andrews in Scozia.

Personalmente, penso che sia altamente improbabile che le esecuzioni nella fattoria di Knobb abbiano avuto a che fare con processi legali tardo romani“, ha detto.

Se hanno avuto un contesto giudiziario, è più probabile che sia localizzato e correlato a esecuzioni sommarie“, ovvero, potrebbe trattarsi di un’esecuzione eseguita senza processo, ha detto Humfress.

Tuttavia, altri studiosi pensavano che queste persone avrebbero potuto essere giustiziate secondo il diritto romano.

L’esecuzione ufficiale sembra la migliore spiegazione per i casi di Knobb’s Farm“, ha detto Judith Evans Grubbs, professore di storia romana alla Emory University di Atlanta.

Le esecuzioni ufficiali venivano eseguite sotto l’autorità del governatore provinciale, non della giustizia locale, e riflettevano le idee imperiali di criminalità piuttosto che quelle locali“, ha affermato Grubbs.

Ha notato che le donne nell’Impero Romano erano spesso oggetto di accuse di stregoneria e adulterio, entrambi i quali potrebbero essere stati considerati crimini capitali dai romani.

Articoli più letti