NASA: procedono i piani per la futura base operativa sulla Luna

Con le sue missioni Artemis, la NASA vuole aprire una nuova era di missioni lunari in cui non mandiamo solo astronauti sulla luna, ma stabiliamo anche una base operativa

0
2129
La NASA vuole costruire una base operativa sulla luna
La NASA vuole costruire una base operativa sulla luna

Con il programma Artemis, la NASA vuole aprire una nuova era di missioni lunari non limitate all’invio di astronauti sulla luna, ma in cui verrà anche stabilita una base operativa, un avamposto extraterrestre, il primo su un corpo al di fuori di Terra.

Per fare ciò, la NASA deve prima iniziare a costruire cose, e costruire cose sulla Luna è molto diverso dal costruirle sulla Terra.

In linea con gli altri suoi progetti recenti, la NASA non vuole fare tutto da sola, quindi sta collaborando sempre più con iniziative commerciali che possano aiutare l’agenzia e consentirle di portare a termine i progetti in modo efficiente.

“Per esplorare altri mondi, abbiamo bisogno di nuove tecnologie innovative adattate a quegli ambienti e alle nostre esigenze di esplorazione”, ha affermato Niki Werkheiser, direttore della maturazione tecnologica presso lo Space Technology Mission Directorate (STMD) della NASA. “Portare avanti questo sviluppo con i nostri partner commerciali creerà ciò di cui abbiamo bisogno per le missioni future”.

Astroport Space Technologies, uno spin-off della University of South Australia, è una società di costruzioni. L’azienda è stata fondata nel 2020 e la sua attività principale è l’uso del suolo lunare (regolite) per le costruzioni. La loro tecnologia di solidificazione della regolite in attesa di brevetto utilizza la stampa 3D per le costruzioni. Nel 2021, la NASA ha assegnato alla società una sovvenzione per sviluppare un modo per costruire piattaforme di atterraggio sulla luna. Ora, la NASA vuole ancora di più.

La società sta collaborando anche con ICON, un’altra società innovativa che mira a supportare l’esplorazione pianificata della Luna che intende utilizzare materiali locali (e non solo), mescolandoli per renderli più robusti e affidabili. Ad esempio, mescolando la regolite con il titanio, hanno ottenuto una miscela leggera, resistente e perfetta per la stampa 3D. La società ha anche stampato in 3D un habitat marziano simulato di 50 metri quadrati.



Progetti proposti per l'infrastruttura lunare. Crediti immagine: ICON.
Progetti proposti per l’infrastruttura lunare. Crediti immagine: ICON.

Ora, ICON lavorerà con campioni di regolite lunare portati dalle missioni Apollo in un simulatore di gravità per vedere come si comporta il materiale nella gravità lunare. Le informazioni verranno quindi utilizzate per capire i modi migliori per costruire infrastrutture come piazzole e strade, stabilendo l’infrastruttura critica per una base lunare e una struttura abitabile a lungo termine.

La società è nota per aver costruito la prima casa abitabile stampata in 3D negli Stati Uniti, ma costruire sulla Luna sarà molto più impegnativo.

“Per cambiare il paradigma dell’esplorazione spaziale da ‘andata e ritorno’ a ‘lì per restare’, avremo bisogno di sistemi robusti, resilienti e ampiamente capaci, in grado di utilizzare le risorse locali della Luna e di altri corpi planetari. Siamo lieti che la nostra ricerca e ingegneria fino ad oggi abbia dimostrato che tali sistemi sono davvero possibili e non vediamo l’ora di trasformare questa possibilità in realtà”, ha affermato Jason Ballard, co-fondatore e CEO di ICON. “Il risultato finale di questo contratto sarà la prima costruzione dell’umanità su un altro mondo, e ciò sarà davvero speciale.”

In definitiva, se la NASA vuole che il programma Artemis abbia successo, avrà bisogno di molto di più che semplici razzi e concetti hi-tech: sarà necessaria un’infrastruttura robusta ed efficiente. Questa infrastruttura dovrà fornire protezione sia dalle temperature gelide che dalle radiazioni mortali e in grado di resistere all’impatto dei micrometeoriti. Gli astronomi e gli ingegneri che presidiano la base dovranno “vivere dei frutti del suolo lunare” e fare affidamento sui materiali della Terra solo di tanto in tanto.

“Non sarà facile, ma se vogliamo davvero diventare una civiltà spaziale, questo è ciò che dobbiamo fare. Per ora, siamo solo all’inizio”, ha dichiarato la NASA.

Fonte: Astroport Space Technologies

2