Scoperto un nuovo esopianeta potenzialmente abitabile

Wolf 1069 b può essere l'esopianeta simile alla Terra che stavamo cercando?

0
399
Scoperto un nuovo esopianeta potenzialmente abitabile
Scoperto un nuovo esopianeta potenzialmente abitabile

Gli scienziati hanno scoperto un nuovo esopianeta; il corpo celeste è stato chiamato Wolf 1069 b. Esso risulta essere molto simile alla Terra e potrebbe avere caratteristiche analoghe.

Sebbene gli astronomi abbiano scoperto più di 5.200 esopianeti, meno di 200 sono rocciosi, quindi la scoperta di un nuovo esopianeta “terrestre” è sempre entusiasmante. Nel nuovo studio, un team di 50 astronomi provenienti da tutto il mondo ha confermato l’esistenza dell’esopianeta Wolf 1069 b, che orbita attorno a una stella nana rossa, Wolf 1069, a soli 31 anni luce dalla Terra.

Ciò che rende questa scoperta particolarmente intrigante è che Wolf 1069 b è probabilmente un mondo roccioso, con una massa circa 1,26 volte quella della Terra e 1,08 la dimensione. Wolf 1069 b orbita anche nella zona abitabile della sua stella, rendendolo un ottimo candidato per l’esistenza potenziale di acqua liquida sulla sua superficie.

L’esopianeta ha una massa “approssimativamente terrestre

Diana Kossakowski, astronoma presso il Max Planck Institute for Astronomy in Germania e autrice principale del nuovo studio, ha detto in una dichiarazione: “Quando abbiamo analizzato i dati della stella Wolf 1069, abbiamo scoperto un chiaro segnale di bassa ampiezza di quello che sembra essere un pianeta di massa approssimativamente terrestre. Ha un’orbita di 15,6 giorni e mostra sempre la stessa faccia alla stella”. Per la cronaca, Mercurio, che è il pianeta più vicino al nostro Sole, ha un periodo orbitale di 88 giorni. Di conseguenza, le sue temperature superficiali raggiungono gli 800 gradi Fahrenheit 430 gradi Celsius.

Le caratteristiche di Wolf 1069 b

A differenza di Mercurio, Wolf 1069 b si trova all’interno della sua zona abitabile stellare nonostante il suo periodo orbitale molto più breve di 15,6 giorni. Questo perché la sua stella è una nana rossa , il che significa che è molto più piccola del nostro sole e Wolf 1069 b riceve circa il 65% della radiazione solare che riceve la Terra. Ciò migliora le sue prospettive di abitabilità, con temperature superficiali relativamente desiderabili che variano tra meno meno 95,15 gradi Celsius e 12,85 C, con una media di meno meno 40,14 C.



Una caratteristica unica di Wolf 1069 b è che è legato alla sua stella madre, il che significa che un lato è sempre alla luce del giorno e il lato opposto è sempre al buio (la stessa cosa succede alla nostra Luna nella sua orbita attorno alla Terra, così come dalla maggior parte degli esopianeti abitabili in orbita attorno a stelle nane rosse). Vi è dunque un blocco delle maree e questo significa che il pianeta non ha un ciclo giorno/notte come la Terra.

Come è stato scoperto Wolf 1069 b?

La straordinaria scoperta di Wolf 1069 b è stata resa possibile con uno strumento tecnologico provvisto di doppio spettrografo chiamato CARMENES (Calar Alto High-Resolution Search for M Dwarfs with Exoearths with Near-infrared and Optical Échelle Spectographs) utilizzato assieme al telescopio alto 11,5 piedi (3,5 metri) dell’Osservatorio di Calar Alto in Spagna.

La professoressa Kossakowski ha detto: “Voglio sottolineare l’incredibile lavoro di squadra internazionale che è stata messo insieme per scoprire un pianeta così affascinante. Come prima autrice, mi considero la ‘project manager’ della scoperta del pianeta, dove riesco a riunire le menti più brillanti del settore per realizzare qualcosa di eccezionale. Ognuno porta la propria esperienza al tavolo, e senza di loro , la scoperta non sarebbe stata resa possibile. L’astronomia è uno sforzo collaborativo: siamo in molti con in mente lo stesso obiettivo di continuare la ricerca di pianeti più interessanti là fuori”.

Cosa può fare CARMENES?

CARMENES può osservare oggetti astronomici utilizzando due spettrografi separati sia nel canale visivo che nel vicino infrarosso. Lo strumento ha scoperto Wolf 1069 b utilizzando il metodo di rilevamento degli esopianeti noto come velocità radiale, che rileva piccole oscillazioni nella posizione di una stella causate dalla gravità di un pianeta.

Un nuovo pianeta extrasolare

Data la sua distanza relativamente breve dalla Terra di 31 anni luce, Wolf 1069 b è ora il sesto pianeta extrasolare di massa terrestre posto in zona abitabile più vicino a noi; gli altri sono, in ordina di posizione crescente: Proxima Centauri b , GJ 1061 d, Teegarden’s Star c, e GJ 1002 b e c.

I ricercatori notano anche che le simulazioni climatiche del modello climatico globale collocano Wolf 1069 b in un piccolo gruppo di esopianeti che sono potenziali bersagli nella ricerca di firme biologiche o impronte chimiche della vita.

2