L’inquietante uso delle mummie egizie in Europa, dal medioevo ad oggi

La fede che le mummie potessero curare le malattie per secoli ha spinto le persone ad ingerire qualcosa che aveva un sapore terribile

0
1549

Perché la gente pensava che il cannibalismo facesse bene alla salute? La risposta offre uno sguardo alle fessure più bizzarre della storia europea, in un’epoca in cui gli europei erano ossessionati dalle mummie egizie.

Spinti prima dalla convinzione che resti umani macinati e colorati potessero curare qualsiasi cosa, dalla peste bubbonica al mal di testa, e poi dalle idee macabre che il popolo vittoriano aveva sull’intrattenimento dopo cena, i cadaveri fasciati degli antichi egizi furono oggetto di fascino dal medioevo al 19° secolo.

La mania delle Mummie

La fede che le mummie potessero curare le malattie per secoli ha spinto le persone ad ingerire qualcosa che aveva un sapore terribile. La mumia, il prodotto creato dai corpi mummificati, è stata una sostanza medicinale consumata per secoli da ricchi e poveri, reperibile nelle farmacie, creata dai resti di mummie portate dalle tombe egizie in Europa.

Nel 12° secolo gli speziali usavano le mummie macinate per le loro proprietà medicinali ultraterrene. Le mummie furono il costituente di questo farmaco dalle presunte proprietà miracolose che venne prescritto per i successivi 500 anni.

""Un barattolo usato per conservare la mumia, il presunto farmaco ricavato dalle mummie macinate. (Wikimedia Commons, CC BY)



In un mondo senza antibiotici, i medici prescrivevano crani, ossa e carne macinati per curare malattie dal mal di testa alla riduzione del gonfiore, fino alla cura della peste.

Non tutti, però, erano convinti della bontà di questo prodotto. Guy de la Fontaine, un medico reale, dubitava che la mumia fosse una medicina utile e nel 1564 vide ad Alessandria mummie contraffatte create con i cadaveri di da contadini morti. Questo gli fece capire che dietro questo fiorente mercato c’era una truffa, non sempre il farmaco era prodotto utilizzando autentiche mummie antiche.

Ma i falsi illustrano un punto importante: c’era una richiesta costante di carne morta da usare in medicina e la fornitura di vere mummie egiziane non poteva soddisfarla.

Farmacisti ed erboristi dispensavano ancora medicinali basati sulle mummie nel XVIII secolo.

La medicina della mummia

Non tutti i medici pensavano che le vecchie mummie secche fossero la migliore medicina. Alcuni medici credevano che carne e sangue freschi avessero una vitalità che mancava ai cadaveri morti da tanto tempo.

Il re d’Inghilterra Carlo II assunse farmaci a base di teschi umani dopo aver subito un attacco comiziale e, fino al 1909, i medici usavano comunemente teschi umani per trattare condizioni neurologiche.

Per l’élite reale e sociale, mangiare mummie era una medicina regalmente appropriata, poiché i medici affermavano che la mumia derivasse dai faraoni. La regalità che mangiava regalità.

Cena, drink e spettacolo

Nel diciannovesimo secolo, le persone non consumavano più mummie per curare le malattie, ma i vittoriani organizzavano “feste” in cui i cadaveri egiziani venivano scartati come intrattenimento.

La prima spedizione di Napoleone in Egitto nel 1798 suscitò la curiosità degli europei e permise ai viaggiatori del 19° secolo in Egitto di riportare in Europa intere mummie comprate per strada in Egitto.

I vittoriani organizzavano feste private dedicate allo scartare i resti delle antiche mummie egizie. Inizialmente, la faccenda mantenne almeno una parvenza di rispettabilità medica. Nel 1834 il chirurgo Thomas Pettigrew scartò una mummia al Royal College of Surgeons. Ai suoi tempi, le autopsie e le operazioni si svolgevano in pubblico e questo scartare era solo un altro evento medico pubblico.

Ben presto anche la pretesa della ricerca medica andò perduta. Ormai le mummie non erano più medicinali ma una interessante curiosità.

Il brivido di vedere la carne e le ossa rinsecchiete apparire mentre le bende si staccavano portava le persone ad accalcarsi a questi eventi, sia che avvenissero in una casa privata che nel teatro di una società colta.

Pittura Di Un Sacco Di Persone Intorno A MAMMA Con Bende ScartateEsame di una mummia di Paul Dominique Philippoteaux c 1891. (Wikimedia)

La maledizione della mummia

Le feste in cui si sbendavano le mummie finirono all’inizio del 20° secolo. Cambiato il sentimento sociale, i brividi macabri sembrarono di cattivo gusto e l’inevitabile distruzione dei resti archeologici deplorevole.

Poi la scoperta della tomba di Tutankhamon alimentò una mania che plasmò il design art déco in ogni cosa, dai motivi delle porte del Chrysler Building alla forma degli orologi disegnati da Cartier. La morte improvvisa nel 1923 di Lord Carnarvon, sponsor della spedizione di Tutankhamon, fu per cause naturali ma venne presto attribuita a una nuova superstizione: “la maledizione della mummia“.

Mummie moderne

Nel 2016 l’egittologo John J. Johnston ha ospitato il primo sbendaggio pubblico di una mummia dal 1908. In parte arte, in parte scienza e in parte spettacolo, Johnston ha fatto rivivere in modo coinvolgente come doveva essere partecipare ad uno di quegli eventi vittoriani.

C’era qualcosa di assurdo, con di tutto, dal Walk Like an Egyptian delle Bangles che suonava ad alto volume, all’esibizione dei partecipanti con gin puro.

La mummia era solo un attore avvolto in bende, ma l’evento è stato un inebriante mix sensoriale. Il fatto che abbia avuto luogo al St Bart’s Hospital di Londra è stato un moderno promemoria del fatto che le mummie attraversano molti regni dell’esperienza dal medico al macabro.

Oggi, il mercato nero del contrabbando di antichità, comprese le mummie, vale circa 3 miliardi di dollari.

Nessun archeologo serio sbenderebbe una mummia e nessun medico suggerirebbe di mangiarne una. Ma il richiamo della mummia resta forte. Sono ancora in vendita, ancora sfruttate e ancora merce.La conversazione

Marcus Harmes, Professore in Pathways Education, University of Southern Queensland.

2