10 miti controintuitivi sullo spazio

Indice

1. Le stelle che vediamo nel cielo sono morte da tempo

La luce non si muove istantaneamente, ma a una velocità fissa di circa 300.000 km/s. Non sorprendentemente, ci vuole tempo prima che raggiunga la Terra. C’è un malinteso popolare secondo cui la maggior parte delle stelle visibili nel cielo sono morte da tempo, ma la loro luce continua il suo viaggio verso il nostro pianeta.

Infatti, la maggior parte delle circa 6.000 stelle visibili ad occhio nudo si trovano entro mille anni luce dalla Terra. In termini di stelle che vivono per miliardi di anni, è quasi un istante. Quindi, anche se non lo sappiamo con certezza, è improbabile che tutte o anche solo la maggior parte di queste stelle abbiano già completato la loro evoluzione nel momento in cui le vediamo.

2. Un buco nero è un potente vortice che risucchia tutto ciò che lo circonda

I buchi neri non sono “aspirapolvere cosmici” che risucchiano tutto ciò che li circonda. In effetti, si comportano quasi come qualsiasi altro oggetto massiccio nell’universo. La velocità richiesta per sfuggire all’attrazione gravitazionale di un oggetto, sia esso un pianeta o un buco nero, è nota come velocità di fuga o seconda velocità cosmica. Ad esempio, per un sole con una modesta attrazione gravitazionale, un oggetto deve muoversi a 618 km/s per “scappare” dalla superficie della stella.

Nell’orizzonte degli eventi di un buco nero, anche gli oggetti che si muovono alla velocità della luce non saranno abbastanza veloci da sfuggire all’attrazione gravitazionale. Ma maggiore è la distanza dal buco nero, minore sarà l’attrazione gravitazionale e la velocità di fuga. Quindi a distanza si comportano come normali stelle, e qualsiasi cosa si muova abbastanza lontano e abbastanza velocemente non sarà “risucchiata” nel buco nero.

3. Il big bang è stato un’esplosione

L’attuale teoria cosmologica suggerisce che l’esistenza dell’universo abbia avuto inizio con il Big Bang, avvenuto circa 13,8 miliardi di anni fa. Nonostante il nome, questo evento non assomiglia alla classica esplosione di una bomba, in cui le particelle vengono separate da un singolo epicentro.

Il big bang fu una rapida espansione dello spazio. Può essere paragonato a un guscio di palloncino. Quando viene gonfiato, tutti i “punti” rimangono al loro posto, ma lo “spazio” tra loro si espande. L’espansione dell’universo assomiglia a questo processo, solo che, a differenza della superficie bidimensionale di un pallone, lo spazio tridimensionale si espande. Questo spiega perché non c’è il vuoto al centro del nostro universo.

4. Lo spazio è un vuoto.

Lo spazio esterno è la cosa più vicina a un vero vuoto che conosciamo e ha molte meno particelle di qualsiasi cosa possiamo produrre sulla Terra. Ma c’è così tanto idrogeno nell’universo che puoi ancora trovare alcuni atomi di questo gas leggero in ogni metro cubo di spazio. Pertanto, il cosmo non può essere considerato un vuoto perfetto in senso pieno; infatti, nel senso stretto del termine, un vuoto perfetto semplicemente non può esistere.

5. Non puoi sentire le urla nello spazio

Le onde sonore hanno bisogno di materia per propagarsi. Non c’è da stupirsi perché l’idea che un ipotetico urlo nello spazio sia impossibile da sentire sia popolare. Tuttavia, un esperimento della NASA ha dimostrato che tutto dipende dalla posizione. I ricercatori sono stati in grado di rilevare le onde acustiche che si propagano da un buco nero ricco di gas situato vicino all’ammasso di Perseo. Quindi, se gridi abbastanza forte in una regione dello spazio con un grande densità di gas, plasma o altre particelle, il suono (propagazione della pressione) potrebbe benissimo esistere, anche se sarà troppo silenzioso.

6. Mercurio è il pianeta più caldo del sistema solare

Mercurio è molto vicino al Sole, ma Venere, che si trova quasi il doppio più lontano, è più calda. La temperatura superficiale di questo pianeta è di circa 475 ° C. Questo dipende l’atmosfera: su Venere è densa ed è costituita principalmente da anidride carbonica, che trattiene il calore all’interno. Al contrario, Mercurio ha un’atmosfera molto sottile. Quando si allontana dal Sole di notte, la temperatura superficiale scende a -180 °C.

7. Il Sole è una palla di fuoco gialla.

Il fuoco è il risultato della combustione e questo processo chimico richiede ossigeno, calore e carburante. Mentre il Sole ha un’abbondanza di questi ultimi due, il Sole non ha praticamente ossigeno, poiché è costituito principalmente da idrogeno ed elio gassoso. Queste due sostanze vengono utilizzate per la fusione: ogni secondo all’interno del Sole circa 700 milioni di tonnellate di idrogeno si fondono per formare 650 milioni di tonnellate di elio e 50 milioni di tonnellate di energia sotto forma di raggi gamma. Questo ricorda una serie infinita di esplosioni di bombe all’idrogeno.

Inoltre, il Sole non è giallo; si irradia in tutte le bande dello spettro visibile e oltre. Pertanto, nello spettro visibile, la luce solare è bianca e la tonalità giallastra le è data dall’atmosfera terrestre. Le lunghezze d’onda della luce nella parte blu dello spettro sono molto più corte che nella parte rossa, quindi si scontrano più spesso con le particelle nell’atmosfera. Durante il giorno, la luce blu si diffonde in alto nell’atmosfera, conferendo al cielo un colore blu e il sole appare giallo.

Al mattino e alla sera, la luce che cade a terra deve percorrere una distanza maggiore e questo effetto viene amplificato. La maggior parte delle onde blu più corte si disperdono prima di cadere sulla Terra, conferendo all’alba e al tramonto la caratteristica tonalità rosso-arancio.

8. La Terra è più lontana dal Sole in inverno che in estate

La Terra si muove intorno al Sole in un’orbita ellittica, ma non è esattamente quello che molte persone immaginano. Nel corso di un anno, la distanza tra la Terra e il Sole cambia di soli 5 milioni di km, circa il 3% della distanza totale tra di loro. Inoltre, gli abitanti dell’emisfero settentrionale sono più vicini al Sole in inverno che in estate.

La vera ragione del cambio delle stagioni è l’inclinazione dell’asse terrestre. Durante l’anno, la luce cade sugli emisferi settentrionale e meridionale con angoli proporzionalmente diversi e in momenti diversi ogni giorno. In inverno, le giornate sono brevi e la luce attraversa l’atmosfera con una leggera angolazione, scontrandosi con le molecole di gas e disperdendosi. In estate, le giornate sono molto più lunghe e la luce solare colpisce la Terra con un angolo ripido, dirigendosi più direttamente verso la superficie e concentrando l’energia su un’area più piccola.

9. La coda segue la cometa

Le comete sono essenzialmente blocchi di ghiaccio sporco. Quando si avvicinano al Sole, si riscaldano, rilasciando gas e polvere. Sulla Terra, ci si aspetterebbe che la coda risultante punti all’indietro. La principale fonte di formazione della coda è la pressione e la radiazione del vento solare.

La luce ultravioletta ad alta energia si schianta contro il gas vaporizzante della cometa, strappandogli elettroni e formando ioni carichi. Questi vengono catturati dalle linee del campo magnetico e sparati nella direzione opposta rispetto al Sole sotto forma di una coda di ioni blu. Allo stesso tempo, il vento solare preme le particelle di polvere, lanciandole nella stessa direzione. Pertanto, la coda della cometa punta sempre lontano dal Sole.

10. I veicoli spaziali si surriscaldano all’atterraggio a causa dell’attrito con l’atmosfera

I veicoli in atterraggio non sono aerodinamici e l’attrito non è la causa principale delle incredibili temperature durante il rientro. Quando un’astronave ampia e smussata cade nell’atmosfera, le molecole di gas non riescono a togliersi di mezzo abbastanza velocemente e iniziano ad accumularsi, formando un cuscino sotto l’astronave.

Il riscaldamento è ottenuto attraverso la pressione. Più le molecole compresse si avvicinano l’una all’altra, maggiore è la temperatura. Alla fine, la pressione diventa così intensa che le molecole iniziano a scoppiare, creando uno strato di plasma carico e una corona di plasma rovente.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Il cervello dei bambini potrebbe mostrare come sesso e genere siano diversi

Sesso e genere sono spesso confusi o equiparati nelle...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Articoli correlati

Popular Categories