Rogozin ha parlato dell’impatto delle sanzioni su Roscosmos

Rogozin, il capo della Roscosmos, ha affermato che le sanzioni sulla fornitura di elettronica sono gravose per Roscosmos

0
559

Rogozin, il capo della Roscosmos, ha affermato che le sanzioni sulla fornitura di elettronica sono gravose per Roscosmos

Il CEO di Roscosmos, Dmitry Rogozin, in un’intervista alla rivista Russian Space, ha parlato dell’impatto delle sanzioni occidentali sulla società statale. Secondo lui, il regime delle sanzioni è diventato uno dei motivi del rinvio dei lanci di alcuni satelliti russi nel 2021. “La continua dipendenza della nostra industria dai componenti importati è diventata un onere gravoso sullo sfondo delle sanzioni più severe contro la Russia. Ciò è particolarmente vero per la microelettronica della categoria Spazio”, ha affermato il manager.

Rogozin ha specificato che al fine di ridurre la dipendenza, la società statale “diversi anni fa ha formato un portafoglio di ordini per le imprese microelettroniche nazionali per componenti prioritari”.

“Queste imprese non rientrano nell’ambito di RosCosmos, nello specifico, sono sotto la giurisdizione del Ministero dell’Industria e del Commercio russo. Tuttavia, per passare a una base di componenti elettronici indipendente dall’importazione, i progettisti devono riprogettare i singoli sistemi di veicoli spaziali”, ha aggiunto il capo di Roscosmos.

Rogozin ha osservato che la società statale ha iniziato a “utilizzare soluzioni tecnologiche e di circuito universali”, quando, ad esempio, invece di scegliere “fino a nove diversi computer di bordo”, vengono utilizzati “due o tre computer universali”.
In precedenza, il direttore generale di Roscosmos aveva annunciato che la società statale avrebbe sospeso la cooperazione con l’Europa per il lancio di razzi Soyuz-2 da Kourou. Allo stesso tempo, Rogozin ha definito impossibile continuare la cooperazione con gli Stati Uniti sul progetto russo Venera-D.

Correlato: L’agenzia spaziale russa Roscosmos e il futuro nello spazio



Russia: bypassare le sanzioni tramite le criptovalute

2