Quanto tempo impiegheremo a colonizzare Marte?

C'è un'enorme differenza tra l'invio di esseri umani su Marte e la colonizzazione di mondi al di fuori del nostro sistema solare

0
3105
Quanto tempo impiegheremo a colonizzare Marte? Colonizzazione spaziale
Quanto tempo impiegheremo a colonizzare Marte?

C’è un’enorme differenza tra l’invio di esseri umani su Marte e la colonizzazione di mondi al di fuori del nostro sistema solare.

Il CEO di SpaceX Elon Musk vuole avere una città di un milione di persone su Marte entro il 2050. Ciò può sembrare astronomicamente ambizioso considerando che gli esseri umani non hanno mai messo piede sulla superficie marziana. Ma è fattibile? Quanto tempo impiegherebbe l’uomo a colonizzare un altro pianeta? E potrebbe mai essere possibile per le persone colonizzare mondi al di fuori del sistema solare?

Le risposte a queste domande dipendono fortemente dal pianeta di cui stai parlando. Per Marte, i decenni non sono necessariamente un lasso di tempo irrealistico. Serkan Saydam, vicedirettore dell’Australian Centre for Space Engineering Research e professore all’Università del New South Wales a Sydney, ha dichiarato che la colonizzazione umana di Marte è possibile entro decenni.

“Credo che entro il 2050 avremo una colonia umana su Marte”, ha detto Saydam.

Acqua su Marte

Serkan Saydam è un ingegnere minerario specializzato nella ricerca di future attività minerarie. Il primo passo importante per stabilire una colonia di successo su Marte sarà l’acqua, che può essere estratta dal ghiaccio e/o dai minerali idrati. Saydam pensa che l’acqua faciliterà quindi l’agricoltura e la capacità di coltivare cibo su Marte, come nel film del 2015 “The Martian”, mentre l’idrogeno dal ghiaccio e i minerali potrebbero anche essere usati come fonte di energia per il propellente dei razzi.

Ma non c’è un consenso scientifico sulla colonizzazione di Marte entro il 2050 e altri scienziati hanno offerto opinioni meno ottimistiche.

Luigi Friedmann, un ingegnere astronautico e co-fondatore dell’organizzazione no profit The Planetary Society, ha suggerito che la colonizzazione di Marte era improbabile per il prossimo futuro, mentre Rachael Seidler, un neuroscienziato dell’Università della Florida che ha lavorato con gli astronauti della NASA, ha affermato che alle persone piace essere ottimiste riguardo alla colonizzazione di Marte.



L’umanità, tuttavia, probabilmente raggiungerà Marte entro decenni. La Cina prevede di iniziare a inviare equipaggi umani su Marte nel 2033, mentre la NASA mira a inviare astronauti lì entro la fine degli anni ’30 o l’inizio degli anni ’40. Una volta che gli umani arriveranno lì, il passo successivo potrebbe essere quello di costruire una colonia.

La colonizzazione implica un certo grado di autosufficienza ma non necessariamente completa indipendenza dalla Terra. Saydam paragona Marte a un’isola remota in cui avresti ancora bisogno di importare cose di tanto in tanto. “La maggior parte delle attrezzature e degli strumenti verrà inviata dalla Terra”, ha affermato. 

Marte avrebbe bisogno di produrre qualcosa affinché una colonia a lungo termine sia finanziariamente sostenibile. Il turismo spaziale è un’opzione, ma Saydam ha indicato l’estrazione di minerali come chiave per il successo della colonizzazione. Ad esempio, l’estrazione spaziale sugli asteroidi vicini per materiali preziosi come il platino potrebbe creare nuove economie spaziali, stimolando così ulteriori investimenti ed esplorazioni.

Sebbene Marte sia la nostra opzione più realistica per la colonizzazione extraterrestre, il nostro vicino rosso non è esattamente il pianeta più accomodante per gli umani.

L’atmosfera di Marte contiene oltre il 95% di anidride carbonica; fa davvero freddo, con una temperatura media di circa meno 80 gradi Fahrenheit (meno 60 gradi Celsius); ci vogliono circa 8,5 mesi per raggiungere il veicolo spaziale dalla Terra ed è bombardato da radiazioni nocive.

Quasi certamente ci sono nuove case più ospitali da trovare su pianeti oltre il nostro sistema solare, chiamati esopianeti. Il problema con gli esopianeti è che sono molto, molto lontani. Non abbiamo nemmeno inviato un veicolo spaziale su un pianeta extrasolare e le uniche sonde a lasciare il nostro sistema solare sono state Voyager 1 e 2, che hanno impiegato 35 e 41 anni, rispettivamente, per diventare interstellari. Gli esopianeti sono molto più lontani.

“L’esopianeta più vicino impiegherebbe diverse decine di migliaia di anni per essere raggiunto con la nostra attuale tecnologia”, ha dichiarato Frédéric Marin, un astrofisico dell’Osservatorio astronomico di Strasburgo presso l’Università di Strasburgo in Francia.

Quei tempi di viaggio possono rendere impossibile la colonizzazione degli esopianeti. Ma Marin, che esegue simulazioni al computer per i viaggi interstellari come curiosità scientifica, si aspetta che precipitino nel prossimo futuro, grazie a veicoli spaziali più veloci.

“Scientificamente sappiamo che ogni secolo la velocità dei mezzi di propulsione aumenta di un fattore 10”, ha detto Marin. In altre parole, man mano che gli esseri umani imparano a viaggiare sempre più velocemente nello spazio ogni secolo che passa, il potenziale tempo di viaggio verso gli esopianeti potrebbe diminuire di decine di migliaia di anni.

Marin ha delineato uno scenario ipotetico per raggiungere un esopianeta almeno ospitale per gli umani entro 500 anni. Un viaggio della durata di secoli richiederebbe comunque un’astronave pilotata da più generazioni di umani, la maggior parte dei quali non vedrebbe mai l’esopianeta che alla fine viene colonizzato.

Le simulazioni di Marin suggeriscono che circa 500 persone sono una popolazione iniziale adatta per una nave colonia multigenerazionale. Ma il modo in cui gli esseri umani affronterebbero il passare del resto della loro vita su un’astronave e il modo in cui la loro prole gestirebbe la nascita in una vita di viaggio interstellare solleva questioni etiche e incertezze. E con il cambiamento climatico e altre sfide basate sulla Terra che minacciano di portare gli esseri umani all’estinzione prima di rompere i viaggi interstellari, non c’è alcuna garanzia che colonizzeremo mai gli esopianeti.

2