10.4 C
Rome
giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeSocietàCambiamento climatico: gli esseri umani si stanno adattando lentamente

Cambiamento climatico: gli esseri umani si stanno adattando lentamente

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’evidenza è schiacciante: il cambiamento climatico è qui, e con esso arrivano le catastrofi, l’aumento dei costi, la migrazione e ora, di fronte alla realtà, l’adattamento umano. In tutto il mondo, le persone stanno imparando a convivere con un clima diverso da quello che hanno sperimentato loro e le generazioni precedenti.

E mentre la società umana in tutto il mondo sta subendo gli effetti, le loro risposte individuali alle nuove minacce basate sul clima sono state in gran parte frammentarie e inadeguate, rileva un nuovo studio della Global Adaptation Mapping Initiative (GAMI).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’adattamento al cambiamento climatico

Il GAMI è una rete internazionale di ricercatori che si concentra sulla raccolta e la sintesi della letteratura scientifica sull’adattamento al cambiamento climatico. In un articolo pubblicato su Nature Climate Change, gli autori, tra cui la professoressa assistente di geografia, pianificazione e ambiente di Concordia Alexandra Lesnikowski, offrono una panoramica della letteratura esistente e trovano aree significative in cui gli sforzi globali devono essere migliorati.

I 126 ricercatori hanno utilizzato l’apprendimento automatico per valutare quasi 50.000 documenti scientifici relativi all’adattamento al cambiamento climatico, sintetizzando infine 1.682 articoli che hanno determinato un contenuto relativo alla risposta di adattamento implementata. Concludono che la letteratura mostra che le persone stanno rispondendo alle minacce climatiche, ma rimane una mancanza di dati sul fatto che queste risposte stiano riducendo i rischi complessivi. E, hanno scoperto, che le risposte non hanno ancora portato a un cambiamento trasformativo significativo.

Atti locali, fatti globali

“Non è stata una sorpresa scoprire che la maggior parte degli adattamenti documentati sono a livello molto locale, inclusi individui, famiglie e governi locali”, ha affermato Lesnikowski. “Ma questo suggerisce che è emerso uno squilibrio, con molte cose che stanno accadendo a livello locale e molto meno su scala più ampia, a livello regionale o nazionale. E inoltre non abbiamo trovato molte ricerche sull’adattamento fatte nel settore privato”.

Proprio mentre permangono le divisioni tra il Nord e il Sud del mondo, ricchi e poveri, rurali e urbani, i ricercatori hanno scoperto che le misure e le tecniche di adattamento variavano ampiamente a seconda della regione. L’Europa e il Nord America, osserva, tendevano a concentrare i loro sforzi di adattamento intorno alle infrastrutture e alla tecnologia. Nelle aree più povere dell’Africa e dell’Asia, invece, l’adattamento ha assunto un aspetto più comportamentale e culturale.

Lo studio ha inoltre rilevato che mentre molte società si stanno impegnando in una qualche forma di comportamento di adattamento a causa del cambiamento climatico, l’efficacia di tali misure non è stata misurata in modo efficace.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Meno del due per cento degli articoli che abbiamo analizzato in realtà hanno buoni dettagli empirici sul fatto che l’adattamento abbia ridotto o meno i rischi chiave”, ha affermato Lesnikowski. Gli articoli esaminati suggerivano un legame tra adattamento e mitigazione, come la riduzione della produzione di gas serra. Ma la ricerca sui risultati complessivi della riduzione del rischio è limitata, ad esempio se i cambiamenti nelle pratiche di gestione del rischio o negli standard infrastrutturali stanno riducendo gli impatti negativi di eventi meteorologici estremi.

“Questo è un enorme divario nella nostra comprensione empirica del fatto che l’adattamento stia effettivamente facendo ciò che dovrebbe in diversi luoghi del mondo. E ciò che funziona in un posto non funzionerà necessariamente in un altro”.

Hanno anche trovato poche prove di adattamenti trasformazionali, il tipo di profondi cambiamenti strutturali che alterano in modo significativo l’esposizione al rischio o la vulnerabilità sociale. Di solito si tratta di iniziative importanti, come lo spostamento di intere comunità da aree ad alto rischio o il cambiamento radicale delle pratiche agricole. I passi relativamente piccoli compiuti fino ad oggi sono fonte di preoccupazione per Lesnikowski e i suoi colleghi.

Continuare come al solito, afferma, “solleva la questione se i nostri attuali approcci all’adattamento saranno sufficienti per affrontare i rischi crescenti e la crescente vulnerabilità sociale, in particolare ai livelli più elevati di riscaldamento globale”.

Articoli più letti