Il rover Perseverance cattura un video spettacolare di Phobos – video

Il rover Perseverance della NASA ha utilizzato il suo sistema di telecamere Mastcam-Z per girare il video di una delle due lune di Marte, Phobos, mentre eclissava il Sole

366

Il rover Perseverance della NASA ha utilizzato il suo sistema di telecamere Mastcam-Z per girare il video di una delle due lune di Marte, Phobos, mentre eclissava il Sole. È l’osservazione più ingrandita e con il frame rate più alto di un’eclissi solare di Phobos mai presa dalla superficie di Marte.

Sapevo che sarebbe stato bello, ma non mi aspettavo che sarebbe stato così sorprendente“, ha detto Rachel Howson del Malin Space Science Systems a San Diego, uno dei membri del team Mastcam-Z che gestisce la telecamera.

Diversi rover su Marte hanno osservato Phobos attraversare il Sole negli ultimi 18 anni. Spirit e Opportunity hanno realizzato le prime foto time-lapse di Phobos nel 2004; Il rover Curiosity della NASA è stato il primo a registrare un video dell’evento nel 2019.

Il rover Perseverance Mars della NASA ha utilizzato la sua fotocamera Mastcam-Z per girare video di Phobos, una delle due lune di Marte, che eclissa il Sole. È l’osservazione più ingrandita e con il frame rate più alto di un’eclissi solare di Phobos mai presa dalla superficie di Marte. Credito: NASA/ JPL -Caltech/ASU/MSSS/SSI

Ogni volta che queste eclissi vengono osservate, consentono agli scienziati di misurare i sottili cambiamenti nell’orbita di Phobos nel tempo. Le forze di marea della luna attirano l’interno profondo del Pianeta Rosso, così come la sua crosta e il suo mantello; studiare quanto Phobos si sposti nel tempo rivela qualcosa su quanto siano resistenti la crosta e il mantello, e quindi di che tipo di materiali sono fatti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


Phobos è circa 157 volte più piccolo della Luna terrestre. L’altra luna di Marte, Deimos, è ancora più piccola.

Fotocamera Phobos HiRISE

Phobos ripreso da HiRISE. Credito: NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona

Entrambe le lune di Marte, Phobos e Deimos, furono scoperte nel 1877 dall’astronomo americano Asaph Hall. Li ha chiamati con il nome dei figli mitologici di Ares, la controparte greca del dio romano, Marte. Phobos, il cui nome significa paura, è il fratello di Deimos.

Phobos, scavato e quasi frantumato da un gigantesco cratere da impatto e battuto da migliaia di impatti di meteoriti, è in rotta di collisione con Marte. Si sta avvicinando a Marte a una velocità di 1,8 metri ogni cento anni. A questo ritmo, si schianterà su Marte tra 50 milioni di anni o si sbriciolerà formando un anello.

Phobos è la più grande delle due lune di Marte e ha un diametro di 27 x 22 x 18 chilometri. Orbita tre volte al giorno intorno Marte ed è così vicino alla superficie del pianeta che non può essere visto da alcune posizioni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La sua caratteristica più importante è il cratere Stickney grande 9,7 chilometri, il cui impatto ha provocato striature sulla superficie della luna. Stickney è stato visto dal Mars Global Surveyor coperto di polvere fine, con prove di massi che sono scivolati lungo la sua superficie inclinata.