I comportamenti dei cani dipendono più dai nostri antenati che dai moderni allevatori

In effetti, la razza potrebbe spiegare solo il 9% della variazione comportamentale identificata tra i singoli cani e nessun tratto comportamentale è esclusivo di una sola razza

0
459

Scegliere una razza di cane di solito non riguarda solo l’aspetto. Se vuoi un cucciolo intelligente e giocoso, alcuni direbbero che un collie è la scelta migliore. Considerando che se stai cercando un amico estroverso per tutta la famiglia, un labrador potrebbe essere in cima alla tua lista.

Le razze canine sono state a lungo definite da determinati comportamenti e temperamenti, ma stranamente un nuovo studio genetico suggerisce che la razza da sola è un cattivo predittore del comportamento canino.

Cercando nei genomi di 2.155 cani – che comprendono esemplari di 78 razze, insieme a bastardi di discendenza mista – i ricercatori hanno trovato pochissime varianti genetiche che potrebbero spiegare i comportamenti comuni dei cani. Questi tratti comportamentali sono stati identificati da oltre 18.000 risposte al sondaggio di proprietari di cani di razza.

Alla fine, gli autori hanno identificato 11 punti nel genoma del cane che sono fortemente associati a tratti comportamentali, come quanto bene un cane segue le indicazioni o quanto ulula. Eppure nessuno di questi era peculiare di una specifica razza di cane.

In effetti, la razza potrebbe spiegare solo il 9% della variazione comportamentale identificata tra i singoli cani e nessun tratto comportamentale è esclusivo di una sola razza. L’età e il sesso di un cane si sono, in realtà, rivelati predittori più forti del loro comportamento.

La maggior parte dei comportamenti che pensiamo come caratteristiche di specifiche razze canine moderne molto probabilmente derivano da migliaia di anni di evoluzione dal lupo al cane selvatico al cane domestico e, infine, alle razze moderne“, afferma Elinor Karlsson, che studia genomica comparativa presso l’Università del Massachusetts. “Questi tratti ereditabili sono di migliaia di anni anteriori al nostro concetto di razze canine moderne“.



La maggior parte delle razze di cani che esistono oggi sono state riconosciute come pedigree solo negli ultimi secoli o due, selezionate per ideali estetici o fisici. Prima di allora, i cuccioli venivano scelti in base alle previsioni di quanto bene avrebbero cacciato, custodito o radunato.

Tratti complessi come il comportamento, che derivano da molti piccoli geni che interagiscono tra loro e con l’ambiente, possono certamente essere ereditati da una generazione di cani all’altra, ma i moderni proprietari di animali domestici potrebbero non aver avuto abbastanza tempo per avere davvero un impatto sulle razze che abbiamo oggi. Almeno, non rispetto ai contributi dei nostri antenati.

Karlsson e i suoi colleghi sono stati in grado di trovare solo sottili differenze genetiche nel comportamento del cane da razza a razza. Se si considera che più della metà di tutti i cani “purosangue” negli Stati Uniti hanno antenati di più di una razza, le differenze si fanno solo più sottili.

Nell’attuale studio genomico, avere un’ascendenza border collie sembrava avere un effetto genetico sulla capacità di offerta segnalata di un bastardino o sulla sua capacità di seguire la direzione umana. Tuttavia non è stato osservato alcun effetto significativo tra l’ascendenza dei Labrador retriever e la socialità umana.

In altre parole, l’ascendenza labrador in un cane bastardo non sembra renderlo più socievole con gli umani, nonostante i proprietari di labrador di razza la riferissero come una caratteristica chiave della razza.

Se gli autori hanno ragione e le nostre ipotesi sul comportamento di razza sono sopravvalutate, le politiche nazionali che vietano alcune razze canine “aggressive” potrebbero essere infondate. Lo stesso vale per le polizze assicurative che rifiutano di coprire razze come i pitbull.

La ricerca di Karlsson è tra le prime a esaminare la genetica alla base del comportamento nei cani, ma studi precedenti avevano già scoperto che le variazioni nel comportamento del cane all’interno di una razza sono quasi equivalenti a quelle tra le razze.

È necessario più lavoro per distinguere la genetica dietro il comportamento del cane, ma le nuove scoperte suggeriscono che gli allevatori moderni non hanno avuto l’impatto che pensavamo sui nostri cani.

Quando un cane obbedisce al tuo comando o si accoccola con te sul divano, potrebbe avere più a che fare con i tuoi antichi antenati che con il lavoro dei moderni allevatori.

Lo studio è stato pubblicato su Science .

2