2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeZoologiaMedusa immortale: il segreto per ingannare la morte

Medusa immortale: il segreto per ingannare la morte

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Ciò che la maggior parte di noi conosce come una medusa, animale acquatico ultraterreno e gelatinoso famoso per i suoi tentacoli pieni di pungiglione, è in realtà solo la fase finale del ciclo di vita di questo animale.

Almeno, di solito lo è.

Non tutte le meduse seguono le stesse regole e una specie potrebbe aver scoperto il segreto dell’immortalità.

Come vive per sempre la medusa immortale?

Il ciclo di vita della maggior parte delle specie di meduse è simile: “hanno uova e sperma e questi vengono rilasciati per essere fecondati, e quindi da quello si ottiene una forma larvale che nuota liberamente”, hanno spiegato i ricercatori.

“La larva si muoverà nella corrente finché non troverà una superficie dura per stabilirsi. Inizierà quindi a maturare e crescere. Le larve maturano in polipi, che poi germoglieranno e matureranno in giovani meduse”.

Una medusa adulta è conosciuta come una medusa. Le meduse appartengono a un gruppo chiamato Cnidaria, che comprende anche anemoni di mare e coralli. Come animali, sono soggetti al ciclo della vita e della morte, anche se una specie è nota per piegare le regole.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Questa illustrazione mostra le diverse fasi della vita delle  meduse Turritopsis .
Questa illustrazione mostra le diverse fasi della vita delle meduse Turritopsis.

L’idrozoo Turritopsis dohrnii, soprannominata la medusa immortale, é un animale largo e alto circa 4,5 millimetri (probabilmente più piccolo dell’unghia del mignolo), e può effettivamente invertire il suo ciclo vitale.

Quando la medusa di questa specie viene danneggiata fisicamente o subisce uno stress come la fame, invece di morire si rimpicciolisce su se stessa, riassorbendo i suoi tentacoli e perdendo la capacità di nuotare. Quindi si deposita sul fondo del mare come una ciste simile a un blob.

Nelle successive 24-36 ore, questo blob torna di nuovo ad essere un piccolo polipo – la precedente fase di vita della medusa – e dopo la maturazione, la medusa germoglia nuovamente. Questo fenomeno è stato paragonato a quello di una farfalla che, invece di morire, può trasformarsi nuovamente in bruco per poi trasformarsi successivamente in farfalla adulta.

Il processo alla base della notevole trasformazione della medusa è chiamato transdifferenziazione ed è estremamente raro.

Le cellule di medusa e le cellule del polipo sono diverse: alcune cellule e organi si trovano solo nel polipo, altri solo nelle meduse adulte. La transdifferenziazione riprogramma le cellule specializzate della medusa per diventare cellule di polipi specializzate, consentendo alle meduse di ricrescere in un piano corporeo completamente diverso dal precedente. Possono quindi maturare di nuovo, producendo nuove meduse geneticamente identiche.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questa inversione del ciclo vitale può essere ripetuta continuamente consentendo a questa specie di meduse di non morire mai di vecchiaia.

Turritopsis è un genere di meduse minuscole e traslucide.
Turritopsis è un genere di meduse minuscole e traslucide.

Chi ha scoperto le meduse immortali?

La specie T. dohrnii fu descritta per la prima volta dagli scienziati nel 1883. Solo 100 anni dopo, negli anni ’80, la loro immortalità fu scoperta accidentalmente.

Gli studenti Christian Sommer e Giorgio Bavestrello raccolsero i polipi di Turritopsis, che conservarono e monitorarono fino a quando non sarebbero diventati delle meduse. Pensarono che queste meduse sarebbero dovute maturare prima di deporre le uova e produrre larve, ma quando il barattolo fu controllato successivamente, rimasero sorpresi nel trovare di nuovo molti polipi.

Continuarono ad osservare le meduse e scoprirono che, se stressate, le meduse cadevano sul fondo del vaso e si trasformavano in polipi senza che si verificasse la fecondazione o il tipico stadio larvale. La scoperta, prese il soprannome di “medusa immortale” catturando l’attenzione del mondo intero.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le meduse immortali possono morire?

T. dohrnii può piegare le regole per ringiovanire se stesso, ma non può sempre ingannare la morte. Ad esempio, le meduse, comprese quelle immortali, possono essere prede di altri animali, come pesci e tartarughe. 

Capire per quanto tempo possono vivere le meduse, incluso il T. dohrnii, può essere complicato.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“La scienza delle profondità oceaniche richiede molto tempo ed è molto costoso fare osservazioni nel tempo per vedere il cambiamento. Anche le meduse devono avere condizioni perfette in cui non saranno danneggiate da nulla di esterno, come umani o altri predatori”, hanno affermato i ricercatori.

T. dohrnii è una specie sensibile, il che rende anche difficile l’allevamento in un laboratorio per gli studi. Ma nonostante le sfide, uno scienziato ha avuto successo a lungo termine con le meduse immortali in cattività.

Lo scienziato giapponese Shin Kubota ha mantenuto le meduse immortali in loop attraverso il loro insolito ciclo di vita negli anni ’90. Il suo lavoro con la specie ha richiesto molto tempo. Kubota ha monitorato e curato le colonie ogni giorno, dovendo anche tagliare i loro pasti in miniatura al microscopio, in modo da rendere le porzioni abbastanza piccole da poter essere mangiate dalle minuscole meduse.

Attraverso i suoi sforzi, Kubota ha riferito che in un periodo di due anni, le colonie in cattività delle meduse si sono ringiovanite naturalmente fino a 10 volte, anche a intervalli di un solo mese.

Dove si trovano le meduse immortali?

Si pensa che le meduse immortali abbiano avuto origine nel Mar Mediterraneo, tuttavia ora è possibile trovarle negli oceani di tutto il mondo. Si pensa che questa invasione recentemente notata possa essere stata causata principalmente dagli esseri umani.

Una teoria prevalente è che le navi siano responsabili dell’ampia dispersione delle creature attraverso gli oceani della Terra. L’immortalità della medusa, dopotutto la rende un eccellente autostoppista.

L’acqua di zavorra viene pompata dentro e fuori dalle navi cargo e navi da crociera per mantenere la stabilità. È altamente probabile che le meduse immortali vengano attratte da quest’acqua e siano in grado di sopravvivere alle traversate oceaniche grazie alla loro capacità di invertire il loro ciclo vitale quando subiscono stress, come la mancanza di cibo.

Anche la medusa immortale è relativamente poco appariscente, il che potrebbe aver contribuito a rendere difficile la sua diffusione. Essendo minuscola e traslucida può avere caratteristiche diverse a seconda di dove vive. Da uno studio su T. dohrnii, i ricercatori hanno scoperto che le meduse immortali nelle regioni tropicali come Panama avevano solo otto tentacoli, mentre quelle nelle acque più temperate, come nel Mediterraneo e in Giappone, possono averne 24 o più. Non è ancora chiaro il motivo per cui differiscono.

Un altro motivo per cui la diffusione delle meduse immortali in tutto il mondo potrebbe essere passata inosservata per così tanto tempo, è che non hanno un impatto negativo percepibile. 

Sebbene non siano stati ancora identificati problemi importanti legati alle meduse immortali, la loro silenziosa diffusione per mano degli umani è un altro buon promemoria della nostra influenza sul mondo naturale, anche quando non notiamo l’effetto che stiamo avendo.

Articoli più letti