Strane strutture scoperte all’interno della luna di Marte Phobos

Comprendere la struttura interna di Phobos potrebbe essere la chiave per risolvere il mistero della sua origine

0
813
Strane strutture scoperte all'interno della luna di Marte Phobos
Strane strutture scoperte all'interno della luna di Marte Phobos

La navicella spaziale europea Mars Express ha scrutato più a fondo che mai nel sottosuolo della luna marziana Phobos, trovando accenni di strutture sconosciute che potrebbero essere indizi sull’origine della luna.

Mars Express, un veicolo spaziale che orbita intorno a Marte da 19 anni, è arrivato entro 83 chilometri da Phobos il 22 settembre 2022 ed è stato in grado di sondare sotto la superficie della luna utilizzando un software aggiornato sul suo strumento MARSIS (Mars Advanced Radar for Subsurface and Ionosphere Sounding).

Comprendere la struttura interna di Phobos potrebbe essere la chiave per risolvere il mistero della sua origine. “Siamo ancora in una fase iniziale della nostra analisi, ma abbiamo già visto possibili segni di caratteristiche precedentemente sconosciute al di sotto della superficie lunare“, ha affermato Andrea Cicchetti, membro del team scientifico MARSIS dell’INAF, l’Istituto nazionale per la Astrofisica, in un comunicato

Marte ha due lune, chiamate Phobos e Deimos in onore degli dei della “paura” e del “panico” nella mitologia greca. A differenza delle maggiori lune del nostro sistema solare, Phobos e Deimos sono minuscole, rispettivamente di appena 27 chilometri e 15 chilometri di diametro. Hanno una composizione simile agli asteroidi carboniosi di tipo C e hanno anche una forma irregolare come gli asteroidi, il che ha portato a sospettare che in realtà siano asteroidi vaganti catturati dalla gravità di Marte.

Tuttavia, sia l’orbita di Phobos che quella di Deimos attorno al pianeta rosso si trovano sopra l’equatore di Marte ed entrambe le orbite sono estremamente circolari, il che suggerisce che si siano formate attorno a Marte. Se fossero stati catturati, ci si aspetterebbero orbite più ellittiche su piani diversi.

Se le due piccole lune di Marte siano asteroidi catturati o fatte di materiale strappato da Marte durante una collisione è una questione aperta“, ha affermato Colin Wilson, scienziato della missione Mars Express dell’Agenzia spaziale europea, nello stesso comunicato.



MARSIS utilizza un’antenna lunga 40 metri che trasmette onde radio a bassa frequenza fino alla superficie. La maggior parte delle onde radio vengono riflesse direttamente dalla superficie, ma alcune penetrano più in profondità, dove incontrano transizioni tra strati di diversa composizione e struttura e vengono riflesse da questi confini. Più forte è la riflessione nel “radargramma” risultante, più luminoso sarà il segnale radio di ritorno.

Il radargramma dall’altra parte di una stretta traccia su Phobos mostra una linea luminosa, divisa in due ed etichettata rispettivamente con A–C e D–F. La sezione A–C è stata acquisita utilizzando il vecchio software MARSIS per confrontarla con D–F, che utilizza il nuovo software e che mostra molti più dettagli. La principale linea luminosa è il riflesso dalla superficie di Phobos, ma al di sotto ci sono prove di linee più deboli che potrebbero essere solo interferenze, o “disordine”, da caratteristiche sulla superficie, ma potrebbero anche essere causate da strutture sotto la superficie .

MARSIS era stato progettato per sondare l’interno di Marte da una distanza orbitale di oltre 250 chilometri, ma un recente aggiornamento del software consente a MARSIS di operare a distanze molto più ravvicinate, consentendone l’uso durante i sorvoli ravvicinati delle lune.

Avvicinarsi ancora di più a Phobos fornirà ai radargrammi una risoluzione ancora maggiore di quella raggiunta in questa occasione. Il piano nei prossimi anni è di impiegare MARSIS a una distanza di 40 chilometri da Phobos.

L’orbita di Mars Express è stata messa a punto per avvicinarci il più possibile a Phobos durante una manciata di sorvoli tra il 2023 e il 2025“, ha affermato Cicchetti.

Mars Express non è l’unica missione incentrata su Phobos. Nel settembre 2024, la Japanese Aerospace Exploration Agency (JAXA) prevede di lanciare la navicella spaziale Martian Moon eXploration (MMX). Proprio come la missione Hayabusa2 di JAXA per recuperare campioni dall’asteroide Ryugu, MMX catturerà almeno 10 grammi di regolite dalla superficie di Phobos. MMX schiererà anche un piccolo rover sulla superficie, prima di avventurarsi per dare un’occhiata alla seconda luna di Marte, Deimos, e poi tornare sulla Terra con i preziosi campioni di Phobos che saranno analizzati nei laboratori degli scienziati.

2