Sud Africa: gli animali temono il super predatore umano

Si sa, gli animali della savana, quelli che nella catena alimentare svolgono il ruolo di prede, vivono con il costante timore di essere puntati da qualche predatore ed il loro comportamento rispecchia questo timore, ad esempio quando si fermano a bere presso una pozza d'acqua. Qual è, però il predatore più temuto?

0
237
Sud Africa: gli animali temono il super predatore umano
Sud Africa: gli animali temono il super predatore umano

Si sa, gli animali della savana, quelli che nella catena alimentare svolgono il ruolo di prede, vivono con il costante timore di essere puntati da qualche predatore ed il loro comportamento rispecchia questo timore, ad esempio quando si fermano a bere presso una pozza d’acqua. Qual è, però il predatore più temuto?

Una ricerca pubblicata il 5 ottobre sulla rivista Current Biology rileva che i mammiferi che vivono nel Greater Kruger National Park in Sud Africa, sede di una delle popolazioni di leoni rimaste più grandi al mondo, hanno molta più paura di sentire le voci umane che le vocalizzazioni dei leoni o i suoni della caccia come l’abbaiare dei cani o colpi di pistola.

Recenti indagini globali mostrano che gli esseri umani uccidono le prede a tassi molto più elevati rispetto ad altri predatori. L’autrice Liana Y. Zanette, biologa conservazionista presso la Western University in Canada, ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da PHYS.ORG: “Di solito pensiamo che il vertice della catena alimentare sia rappresentato dai grandi predatori carnivori. Ma ciò che ci interessa è l’ecologia unica degli esseri umani come predatori nel sistema, perché gli esseri umani sono super letali”. Alla fine l’essere umano è il vero è proprio super predatore dunque.

L’uomo è il vero predatore a capo della catena alimentare

“Normalmente, se sei un mammifero, non morirai di malattia o di fame. La cosa che metterà effettivamente fine alla tua vita sarà un predatore , e più grande sei, più grande sarà il predatore che ti finirà”, afferma il coautore Michael Clinchy, anche lui biologo conservatore della Western University. “I leoni sono i più grandi predatori terrestri cacciatori di gruppo del pianeta, e quindi dovrebbero essere i più spaventosi, quindi stiamo confrontando la paura degli umani con quella dei leoni per scoprire se gli umani sono più spaventosi del predatore non umano più spaventoso”.

L’esperimento

Nell’ambito del loro mega-esperimento sudafricano, Zanette, Clinchy e colleghi hanno osservato come 19 diverse specie di mammiferi hanno reagito a una serie di registrazioni, tra cui voci umane, vocalizzazioni di leoni, cani che abbaiano e spari. Le clip con voce umana, che erano a livelli di volume di conversazione, provenivano da registrazioni radiofoniche o televisive di persone che parlavano le quattro lingue più utilizzate nella regione, tra cui Tsonga, Sotho settentrionale, inglese e afrikaans. I cani e gli spari dovevano rappresentare i suoni associati alla caccia umana, e le vocalizzazioni dei leoni, curate con l’aiuto dell’esperto di leoni e coautore Craig Packer dell’Università del Minnesota, dovevano segnalare la presenza del principale predatore nel mondo.

“La cosa fondamentale è che le vocalizzazioni dei leoni sono quelle che ringhiano e ringhiano, in ‘conversazione’ per così dire, non che ruggiscono l’uno contro l’altro”, dice Clinchy. “In questo modo le vocalizzazioni dei leoni sono direttamente paragonabili a quelle degli umani che parlano in modo colloquiale”.



Il comportamento degli animali

Per osservare e registrare i comportamenti degli animali in risposta alle registrazioni, gli autori hanno utilizzato sistemi impermeabili personalizzati che combinano una trappola fotografica e un altoparlante e hanno una durata della batteria sufficiente per registrare tutto il giorno e la notte per molti mesi.

Lo studio è stato condotto durante la stagione secca e i sistemi sono stati posizionati presso le pozze d’acqua per acquisire registrazioni di tutti gli animali che venivano ad abbeverarsi. Alla fine dell’esperimento, il team aveva 15.000 video da esaminare.

“Abbiamo messo la fotocamera in una scatola per orsi, non perché ci siano orsi in Sud Africa, ma perché le iene e i leopardi amano masticarli”, afferma Zanette. “Una notte, la registrazione del leone fece arrabbiare così tanto questo elefante che caricò e distrusse tutto”.

I ricercatori hanno scoperto che gli animali avevano il doppio delle probabilità di correre e abbandonare le pozze d’acqua in risposta all’udito degli esseri umani rispetto all’udito dei leoni o ai suoni della caccia. Ben il 95% delle specie, tra cui giraffe, leopardi, iene, zebre, kudu, facoceri, impala, elefanti e rinoceronti, correvano più spesso o abbandonavano pozze d’acqua più velocemente in risposta agli esseri umani che in risposta ai leoni.

Insomma, dagli animali del Kruger l’essere umano è percepito come il predatore più pericoloso, perfino più dei leoni.

2