L’insetto più raro del mondo è sopravvissuto all’estinzione

Allo stato attuale rimangono solamente dai 20 ai 30 esemplari di insetto stecco dell'isola di Lord Howe

0
2914
L'insetto più raro del mondo è sopravvissuto all'estinzione
L'insetto più raro del mondo è sopravvissuto all'estinzione

Allo stato selvatico rimangono solamente dai 20 ai 30 esemplari di insetto stecco dell’isola di Lord Howe. Questa piccola popolazione è stata riscoperta nel 2001 e fino a quel momento si pensava che tali creature si fossero estinte da almeno 80 anni. Questi insetti stecco (Dryococelus australis) si aggrappano alla loro fragile esistenza sul faraglione più alto del mondo, conosciuto come Piramide di Ball.

Ora, lo zoo di San Diego invita di persona a vedere questi animaletti, che potrebbero scomparire del tutto nel prossimo futuro. La Piramide di Ball non è di certo il luogo ideale per una specie in estinzione come questa, se si pensa che qui avvengono numerosi smottamenti ed eventi meteorologici catastrofici. 

Dove “pascola” questo insetto? 

Come informa Science Alert, sulla Piramide di Ball c’è solo una specie di pianta alimentare, la Melaleuca howeana, dove pascolano gli insetti stecco erbivori. Questi arbusti vengono strangolati da una vite invasiva, che non può essere completamente rimossa poiché trattengono il terreno sulle scogliere con le loro radici.

Pertanto, diversi zoo in tutto il mondo hanno lavorato per far scendere questi grandi fasmidi incapaci di volare dal loro bordo della scogliera. “Avvicinare i nostri ospiti a questa specie rara e iconica è un ottimo modo per aumentare la consapevolezza sugli animali meno conosciuti che governano il mondo”, spiega Paige Howorth, l’entomologa dello zoo di San Diego.

“In molti modi – impollinazione, decomposizione, predazione e semplicemente come cibo per altri animali – gli invertebrati rendono possibile la vita a tutti noi”. Gli insetti stecco dell’isola di Lord Howe un tempo si raggruppavano sui rami dei fichi di Moreton Bay (Ficus macrophylla) e sugli alberi da tè lanosi (Leptospermum lanigerum) della loro omonima isola natale, al largo della costa orientale dell’Australia.



“Amato” dai ratti

Ma il grosso insetto stecco, grande come una mano, si rivelò il pasto perfetto per l’invasione dei ratti del 1918. I ratti naufraghi banchettarono, si moltiplicarono e banchettarono ancora, finché non fu trovata nemmeno una sola “aragosta d’albero” (soprannome di questi insetti). I ratti divorarono anche altre specie autoctone fino a farle scomparire sull’isola, tra cui cinque uccelli, due piante e altri 12 invertebrati. 

La scomparsa temporanea 

In seguito nessun avvistamento dal 1920, l’insetto stecco di Lord Howe fu dichiarato estinto nel 1986. Ma le voci su escrementi di insetti e residui di pelle negli anni ’60 tradivano il rifugio segreto degli insetti su un faraglione vulcanico a 23 chilometri dall’isola. Un’animazione di Jilli Rose ritrae l’incredibile saga degli animali, inclusa una narrazione in prima persona della loro riscoperta sulla Piramide di Ball.

Questa incredibile impresa di sopravvivenza, nonostante i numeri criticamente bassi in un luogo così desolato, è probabilmente dovuta alla capacità della femmina di “clonarsi” attraverso la riproduzione partenogenetica. I ricercatori erano riluttanti a mettere ulteriormente a rischio la popolazione rimanente rimuovendo gli individui, ma nel 2003 una squadra di soccorso ha estratto in sicurezza quattro insetti stecco neri per avviare un programma di riproduzione.

Gli esemplari aiutati dagli zoo

Insieme, gli zoo di Melbourne, Bristol (ora chiuso) e San Diego hanno creato una popolazione in cattività, che ora conta migliaia di persone. Dal 2019, è stato compiuto un enorme sforzo per eliminare i ratti sull’isola di Lord Howe con l’aiuto di cani in grado di rilevare questi roditori. Dalle lumache di terra in via di estinzione, un’altra incredibile rinascita della fauna locale è rappresentata da tale insetto stecco. 

Un “rinascimento ecologico”

“Quello che si sta svolgendo è un rinascimento ecologico”, ha detto Hank Bower, residente nell’isola di Lord Howe, a Laura Chung al Sydney Morning Herald nel 2022. “C’è una vite di cui non sapevamo che aspetto avesse il frutto, la gente sta scattando foto di insetti e le invia all’Australian Museum che dice che ne abbiamo registrati solo tre in assoluto, ma ne stiamo vedendo centinaia. Tutto è in fiore, tutte le piante sono in fiore e vediamo un tappeto di piantine”.

2