OSIRIS-REx, tra poco la consegna dei campioni dell’asteroide Bennu

La NASA sta trasmettendo il live streaming della consegna. All'interno dell'articolo il link per assistere

0
152
OSIRIS-REx, tra poco la consegna dei campioni dell'asteroide Bennu
OSIRIS-REx, tra poco la consegna dei campioni dell'asteroide Bennu

Sette anni dopo il lancio nello spazio, la sonda spaziale OSIRIS-REx torna vicino alla Terra per consegnare un campione incontaminato di rocce e polvere raccolto sull’asteroide Bennu. Questa è la prima volta che la NASA reiporta sulla Terra un campione di asteroide prelevato dallo spazio.

In precedenza era stata l’agenzia spaziale giapponese, la JAXA, a compiere un’impresa simile.

La NASA sra fornendo un live streaming della consegna.

OSIRIS-REx, che sta per Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security, Regolith Explorer, è decollato nel 2016 ed è entrato in orbita attorno a Bennu nel 2018. La sonda ha raccolto il campione nel 2020 ed è partita per il suo lungo viaggio di ritorno sulla Terra a maggio 2021.

Questa immagine a mosaico dell'asteroide Bennu è composta da 12 immagini PolyCam raccolte il 2 dicembre dalla sonda spaziale OSIRIS-REx da una distanza di 15 miglia (24 km).
L’asteroide Bennu. – NASA/Goddard/Università dell’Arizona

Se andrà tutto bene, si prevede che la capsula con i campioni, contenente circa 2,5 kg di rocce e terreno dell’asteroide, atterrerà nello Utah Test and Training Range, un complesso appartenente al Dipartimento della Difesa USA circa 13 minuti dopo essere entrato nell’atmosfera.



Dopo aver rilasciato la capsula, OSIRIS-REx continuerà il suo tour del sistema solare per dare uno sguardo dettagliato ad un altro asteroide chiamato Apophis.

Le squadre di recupero, che si stanno addestrando per l’evento da mesi, saranno pronte a recuperare la capsula una volta che sarà possibile farlo in sicurezza, come ha affermato Sandra Freund, responsabile del programma OSIRIS-REx presso Lockheed Martin Space, che ha collaborato con la NASA per costruire la capsula.

La squadra di recupero iniziale, dotata di guanti e maschere protettive, garantirà che la capsula sia abbastanza fresca da poter essere toccata, dato che avrà raggiunto temperature fino a 2.760 gradi Celsius durante il rientro. Il team si assicurerà inoltre che la batteria della capsula non si rompa e non perda fumi tossici.

230906122917 03 nasa osiris rex sample training model
Un modello di addestramento della capsula di ritorno del campione durante un test di caduta in preparazione al recupero della capsula di ritorno del campione dalla missione OSIRIS-REx della NASA, mercoledì 30 agosto 2023, presso lo Utah Test and Training del Dipartimento della Difesa Allineare. Il campione è stato raccolto dall’asteroide Bennu nell’ottobre 2020 dalla navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA e tornerà sulla Terra il 24 settembre, atterrando sotto il paracadute presso lo Utah Test and Training Range. Credito fotografico: (NASA/Keegan Barber)

Un elicottero trasporterà il campione in una rete da carico e lo consegnerà in una stanza bianca temporanea vicino al luogo di atterraggio. L’interno di questo spazio, sarà saturato con un flusso di azoto, chiamato spurgo, per impedire che l’atmosfera terrestre entri nel contenitore del campione e lo contamini.

Lunedì un team preparerà il contenitore del campione per il trasporto su un aereo C-17 al Johnson Space Center della NASA a Houston. Gli scienziati prevedono di rimuovere il coperchio per vedere il campione per la prima volta martedì.

Cosa può rivelare il campione

I dettagli sul campione verranno rivelati attraverso una trasmissione della NASA dal Johnson Space Center l’11 ottobre. Anche se il team scientifico non avrà avuto il tempo di valutare completamente il campione, i ricercatori prevedono di raccogliere martedì del materiale a grana fine nella parte superiore del contenitore. per una rapida analisi i cui risultati saranno condivisi.

Gli scienziati analizzeranno le rocce e il suolo dell’asteroide per i prossimi due anni in una camera bianca dedicata all’interno del Johnson Space Center. Il campione sarà inoltre suddiviso e inviato ai laboratori di tutto il mondo, compresi i partner della missione OSIRIS-REx, l’Agenzia spaziale canadese e l’Agenzia giapponese per l’esplorazione aerospaziale. Circa il 70% del campione rimarrà intatto durante la conservazione, in modo che le generazioni future dotate di una tecnologia migliore possano imparare ancora più di quanto sia possibile ora.

Alcuni passaggi che portano a questa analisi tanto attesa potrebbero essere ritardati, ma il campione rimarrà protetto e al sicuro nonostante eventuali interruzioni del programma“, ha affermato durante una conferenza stampa venerdì. “Il campione ha aspettato per più di 4 miliardi di anni prima che gli esseri umani lo studiassero e se ci vorrà un po’ più di tempo, penso che staremo bene“.

Insieme a un campione precedentemente restituito dell’asteroide Ryugu dalla missione giapponese Hayabusa2, le rocce e il suolo potrebbero rivelare informazioni chiave sulla nascita del nostro sistema solare. Gli scienziati ritengono che gli asteroidi carboniosi come Bennu si siano schiantati sulla Terra all’inizio della formazione del pianeta, trasportando elementi come l’acqua.

Gli scienziati ritengono che l’asteroide Bennu sia rappresentativo dei materiali più antichi del sistema solare, forgiati nelle grandi stelle morenti e nelle esplosioni di supernova“, ha detto Glaze. “E per questo motivo, la NASA sta investendo in queste missioni dedicate ai piccoli corpi per aumentare la nostra comprensione di come si è formato il nostro sistema solare e di come si è evoluto”.

Ma il campione può anche fornire informazioni su Bennu, che potrebbe entrare in collisione con la Terra in futuro.

È fondamentale capire di più sulla popolazione di asteroidi vicini alla Terra che potrebbero trovarsi in rotta di collisione con il nostro pianeta. Una migliore comprensione della loro composizione e delle loro orbite è fondamentale per prevedere quali asteroidi potrebbero avvicinarsi di più alla Terra e quando – ed è essenziale per sviluppare metodi per deviare questi asteroidi in base alla loro composizione.

2