6.2 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
HomeEsplorazione SpazialeTrovati elementi costitutivi della vita sull'asteroide Ryugu

Trovati elementi costitutivi della vita sull’asteroide Ryugu

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Ricercatori giapponesi hanno scoperto più di 20 aminoacidi sulla roccia spaziale Ryugu, che si trova a più di 320 milioni di chilometri dalla Terra.

Gli scienziati hanno effettuato il primo rilevamento nel suo genere studiando i campioni recuperati dall’asteroide dalla navicella Hayabusa2 della Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA), che è atterrata su Ryugu nel 2018.

Nel 2019, il veicolo spaziale ha raccolto 5,4 grammi di materiale dalla superficie e dal sottosuolo dell’asteroide, lo ha stivato in un contenitore ermetico e lo ha rilanciato sulla  Terra su una traiettoria ottimizzata.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Piuttosto che essere un grande masso, Ryugu è composto da un’aggregazione di detriti composti da piccole rocce e gli scienziati pensano che l’asteroide abbia ottenuto la sua insolita forma a trottola a causa della sua rapida rotazione.

In quanto asteroide carbonioso, o di tipo C, Ryugu contiene una grande quantità di materia organica ricca di carbonio, gran parte della quale probabilmente originata dalla stessa nebulosa che diede vita al Sole e ai pianeti del Sistema Solare circa 4,6 miliardi di anni fa. Precedenti analisi del campione hanno anche suggerito che l’asteroide ospita anche una certa quantità d’acqua.

Il materiale che compone l’asteroide Ryugu è il materiale più primitivo del Sistema Solare che abbiamo mai studiato“, ha detto Hisayoshi Yurimoto, professore di geoscienza all’Università di Hokkaido e leader del team di analisi chimica iniziale della missione Hayabusa2, illustrando le prime scoperte alla conferenza scientifica Lunar and Planetary a marzo.

""(Yada et al., Astronomia della natura , 2021)

A differenza delle molecole organiche trovate sulla Terra, i campioni di prelevati da Ryugu, non sono stati modificati dalle interazioni con l’ambiente terrestre, e hanno mantenuto, quindi, una composizione chimica molto più vicina a quella del primo Sistema Solare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Abbiamo rilevato vari composti organici prebiotici nei campioni, inclusi amminoacidi proteinogenici, idrocarburi policiclici aromatici simili al petrolio terrestre e vari composti azotati“, ha detto  Hiroshi Naraoka.

Queste molecole organiche prebiotiche, potenzialmente, potrebbero essersi diffuse in tutto il Sistema Solare, sotto forma di polvere interplanetaria, staccandosi dalla superficie di asteroidi come Ruygu per impatto o altre cause“.

Inizialmente, l’analisi del campione ha rilevato 10 tipi di aminoacidi, ma ora il numero è salito a oltre 20, secondo un comunicato del ministero dell’Istruzione giapponese. Gli amminoacidi sono gli elementi costitutivi fondamentali di tutte le proteine ​​e sono prerequisiti indispensabili per l’esistenza della vita sul nostro pianeta.

Uno studio del 2019, pubblicato sulla rivista Geochimica et Cosmochimica Acta ha trovato molecole organiche dallo spazio in un gruppo di rocce di 3,3 miliardi di anni scoperte in Sud Africa, sollevando la possibilità che alcune, se non tutte, queste molecole che costruiscono la vita siano arrivate per la prima volta sulla Terra su comete e asteroidi. I risultati di Ryugu rendono la prova che gli asteroidi trasportano queste molecole ancora più forti.

Dimostrare che nel sottosuolo degli asteroidi esistono aminoacidi aumenta la probabilità che queste molecole e composti di esse siano arrivati sulla Terra dallo spazio“, ha detto a Kyodo News Kensei Kobayashi, professore emerito di astrobiologia alla Yokohama National University.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ciò significa che probabilmente gli stessi amminoacidi potrebbero essere trovati su altri pianeti e satelliti naturali, un indizio che “la vita, trovando consizioni favorevoli, potrebbe essere nata in più luoghi dell’Universo di quanto si pensasse in precedenza“, ha aggiunto.

I ricercatori stanno continuando ad analizzare i campioni di Ryugu e presto saranno disponibili ulteriori dati sulla formazione dell’asteroide e sulla sua composizione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ryugu non è l’unica roccia spaziale sotto inchiesta. Nel 2021, la navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA ha raccolto un campione di roccia da un altro asteroide a forma di diamante, chiamato Bennu.

Quando il campione tornerà sulla Terra nel 2023, la presenza di materia organica potrebbe fornire agli scienziati importanti indizi sull’evoluzione del Sistema Solare e dei suoi materiali, oltre a come la vita ne è emersa.

Articoli più letti