OOParts: i geroglifici di Abydos

Indice

I geroglifici di Abydos vengono spesso considerati nella categoria degli oopart, e molti sostengono ancora oggi, che nel tempio che li ospita, edificato durante la 19° Dinastia dell’Antico Egitto, tali geroglifici mostrino aerei a reazione, UFO, sottomarini e persino elicotteri in tutto il loro splendore tecnologico.

A dissipare tali infondate voci non sono bastati egittologi e studiosi che hanno smontato le teorie più bislacche, infatti restano su internet tanti siti che spacciano i geroglifici di Abydos per rappresentazioni di meraviglie tecnologiche del passato che l’uomo moderno avrebbe solamente “reinventato.

Il tempio, eretto nel periodo post-Amarna Nuovo Regno, era un monumento mortuario e cenotafio di Seti I, al quale si collega il culto di Osiride, e, secondo i rilievi presenti ad Abydos, il tempio è dedicato ad Osiride ma vi sono dediche anche ad altre divinità. Il tempio non è stato completato negli anni in cui Seti I era in vita, ma all’inizio del regno di Ramesses II, suo figlio.

Il lavoro ordinato da Ramesses II fu di fattura inferiore a quello preteso da suo padre Seti I, lo si vede chiaramente dal lavoro scadente effettuato nelle varie modifiche eseguite sul tempio. Il risultato del lavoro frettoloso e approssimativo fece si che alcune iscrizioni vennero modificate con poca cura, frettolosamente e utilizzando del gesso che in alcuni casi è stato apposto per modificare le iscrizioni originali.

Per ovvie ragioni, queste iscrizioni durante i millenni si sono degradate, sbriciolandosi, in particolare le parti modificate con materiale scadente, per cui riemersero, con i tempo, i geroglifici anteriori a quelli di Ramesse II.

Destino ha voluto che alcune di queste modifiche, per puro caso, hanno originato forme a noi familiari come aerei, elicotteri, dischi volanti, sottomarini e carri armati, ovviamente stilizzati, forme riconducibili a tali macchine perché queste esistono nella nostra era moderna e non perché gli egiziani avessero con questi mezzi una qualche familiarità, anzi, all’epoca, tali oggetti stilizzati non avevano sicuramente alcun senso.

Ovviamente lo zoccolo duro degli scettici non demorde e i dubbi rimangono ma nessuno prova a chiedersi come mai una tecnologia cosi avanzata, in grado, a dare retta a loro, di realizzare aerei, elicotteri, dischi volanti, carri armati e sommergibili non viene raffigurata anche altrove e non solo in un tempio di una ben definita dinastia?

Come mai non sono state ritrovate altre tracce, resti magari arrugginiti di queste mirabolanti macchine, o le fabbriche che le avrebbero prodotte?

Le domande sono tante ma gli scettici di professione, soprattutto i tanti che gestiscono siti internet di informazione alternativa o i noti ufologi che raccontano di questi ritrovamenti “tecnologici” fanno di tutto per evitare di rispondere in modo logico e semplice.

La risposta proviamo a darla anche noi di Reccom Magazine, con molta semplicità: mai nulla è stato ritrovato in altri siti, nemmeno un simbolo uguale in altri templi o strutture presenti in Egitto. La teoria che questi pochi geroglifici rappresentino mezzi meccanici a noi noti è semplicemente assurda, quei simboli male interpretati sono solo il frutto di una banale casualità.

Spiegazione Da Katherine Griffis-Greenberg (University of Alabama a Birmingham (USA), membro dell’American Research Center in Egitto e l’Associazione internazionale di egittologi “Special Studies”.
In antichità si decise di sostituire la frase di Seti IChi respinse le 19 tribù”, con quella di suo figlio e successore, Ramesses II:”Chi protegge l’Egitto e lo protegge dai paesi stranieri”.

Fonti: www.Wikipedia.com – www.hiddenmysteries.org – CICAP
Tratto da http://vejprty.com/ – Spiegazione dell’egittologo Marcello Garbagnati

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

Le giornate sulla Terra si stanno allungando a causa del clima

Studi recenti, basati sull'intelligenza artificiale, hanno rivelato che il...

Articoli correlati

Popular Categories