Scoperti oltre 19mila vulcani sottomarini

Nuove mappe deli vulcani sottomarini potrebbero aiutare negli studi di ecologia, tettonica a placche e mescolamento delle acque degli oceani

0
317
Scoperti oltre 19mila vulcani sottomarini
Scoperti oltre 19mila vulcani sottomarini

Questa notizia sicuramente vi lascerà a bocca aperta: sono stati scoperti oltre 19mila nuovi vulcani sottomarini. Nuove mappe di queste importantissime montagne potrebbero dare preziosi contributi negli studi sull’ecologia, tettonica a placche e mescolamento delle acque degli oceani.

Nel 2005, la USS San Francisco a propulsione nucleare si è scontrata proprio con un vulcano sottomarino, o montagna sottomarina, alla massima velocità, uccidendo un membro dell’equipaggio e ferendo la maggior parte a bordo.

È successo di nuovo nel 2021 quando la USS Connecticut ha colpito una montagna sottomarina nel Mar Cinese Meridionale, danneggiando il suo sonar.

Non si finisce mai di contarli

Con solo un quarto del fondale marino mappato con il sonar, è impossibile sapere quanti vulcani sottomarini esistano. Ma anche i satelliti radar che misurano l’altezza dell’oceano possono trovarli, cercando sottili segni di acqua di mare che si accumula sopra una montagna sottomarina nascosta, trascinata dalla sua gravità.

Un censimento del 2011 utilizzando tale metodo ne ha trovati più di 24.000. I dati radar ad alta risoluzione ne hanno ora aggiunti più di 19.000 nuovi. La stragrande maggioranza, più di 27.000, rimane sconosciuta al sonar. “È semplicemente sbalorditivo”, ha affermato David Sandwell, un geofisico marino presso lo Scripps Institution of Oceanography, che ha contribuito a dirigere il lavoro.



La ricerca

Pubblicato questo mese su Earth and Space Science, il nuovo catalogo delle montagne sottomarine è “un grande passo avanti”, ha affermato Larry Mayer, direttore del Center for Coastal and Ocean Mapping dell’Università del New Hampshire. Oltre a rappresentare un pericolo per la navigazione, le montagne ospitano minerali di terre rare che le rendono obiettivi commerciali per i minatori di acque profonde.

Le loro dimensioni e distribuzione contengono indizi sulla tettonica a placche e sul magmatismo. Sono oasi cruciali per la vita marina. E sono agitatori che aiutano a controllare i flussi oceanici su larga scala responsabili del sequestro di grandi quantità di calore e anidride carbonica, ha spiegato John Lowell, capo idrografo della National Geospatial-Intelligence Agency (NGA). “Meglio comprendiamo la forma del fondale marino, meglio possiamo prepararci (per il cambiamento climatico nda)”.

Come ci si è attrezzati dopo l’incidente della USS San Francisco?

Dopo l’incidente della USS San Francisco, Sandwell ei suoi colleghi hanno ottenuto finanziamenti dalla Marina e dalla NGA per cercare montagne sottomarine con i satelliti. Ne hanno identificati migliaia, di cui 700 particolarmente poco profondi che rappresentavano un pericolo per i sottomarini. Ma il team sapeva che il suo primo catalogo era tutt’altro che completo.

Ora, armato di dati provenienti da satelliti radar ad alta risoluzione, tra cui CryoSat-2 dell’Agenzia spaziale europea e SARAL delle agenzie spaziali indiana e francese, il team può rilevare montagne sottomarine alte solo 1100 metri, vicino al limite inferiore di ciò che definisce una montagna sottomarina, ha dichiarato Sandwell.

Come nascono i vulcani sottomarini?

Le montagne sottomarine si formano spesso in catene formate quando le placche tettoniche cavalcano pennacchi stazionari di roccia calda che si alzano dal mantello. Di conseguenza, il catalogo pagherà dividendi immediati per gli studi dell’interno della Terra, ha spiegato Carmen Gaina, geofisica presso la Queensland University of Technology. Ha già identificato nuove montagne sottomarine nell’Oceano Atlantico nord-orientale che potrebbero aiutare a tracciare l’evoluzione del pennacchio del mantello che alimenta i vulcani islandesi.

L’indagine ha anche individuato montagne sottomarine vicino a una dorsale nell’Oceano Indiano dove si forma una crosta fresca quando le placche tettoniche si dividono. Suggeriscono una quantità sorprendente di vulcanismo in una regione che un tempo si pensava fosse affamata di magma, ha affermato Gaina.

Il parere dei biologi

Per i biologi, i ripidi pendii delle montagne sottomarine assomigliano a grattacieli affollati e turbolenti per coralli e altra vita marina. “Sono oasi per la biodiversità e la biomassa”, ha detto Amy Baco-Taylor, biologa di acque profonde presso la Florida State University. Le balene li usano come punti di riferimento.

I biologi, però, discutono sul ruolo che le montagne sottomarine svolgono nella biodiversità marina: ospitano specie geneticamente distinte, come le isole remote? O servono come trampolini di lancio affinché la vita salti attraverso gli oceani? Le ricerche proseguono, anche per dare risposta a tali quesiti.

2