Lago Rotorua: rilevata un’anomalia magnetica

Il lago Rotorua, che si trova nel cuore di un vulcano dormiente della Nuova Zelanda, è stato mappato in dettaglio per la prima volta

0
208
Lago Rotorua: rilevata un'anomalia magnetica
Lago Rotorua: rilevata un'anomalia magnetica

Il lago Rotorua, che si trova nel cuore di un vulcano dormiente ed è l’ambientazione di una delle storie d’amore Maori più famose della Nuova Zelanda, è stato mappato in dettaglio per la prima volta.

Mappa del Lago Rotorua. (Credito immagine: istituto di scienze geologiche e nucleari Limited (GNS Science))
Mappa del Lago Rotorua. (Credito immagine: istituto di scienze geologiche e nucleari Limited (GNS Science))

Il lago Rotorua si trova nel cuore di un antico e massiccio cratere di un vulcano dormiente nell’Isola del Nord della Nuova Zelanda. Il lago ha una storia leggendaria: si narra che la figlia di un capo influente lo abbia attraversato a nuoto per stare con un giovane guerriero.

L’area di Rotorua è anche nota per l’attività idrotermale. Il sito web di Tourism New Zealand ha affermato che nuvole di vapore si spostano intorno alla riva, e insieme allo zolfo, conferiscono un magico colore verde-blu all’acqua.

Il lago Rotorua si trova nel cratere di un vulcano dormiente sull'Isola del Nord della Nuova Zelanda.  (Credito immagine: GLVImages tramite Getty Images)
Il lago Rotorua si trova nel cratere di un vulcano dormiente sull’Isola del Nord della Nuova Zelanda. (Credito immagine: GLVImages tramite Getty Images)

Una mappa dettagliata dell’iconico Lago Rotorua

I ricercatori di GNS Science, un istituto di ricerca in Nuova Zelanda, hanno mappato il fondo del lago Rotorua con un dettaglio senza precedenti, e hanno rivelato crateri di eruzione, un antico fiume e una grande anomalia magnetica nella parte meridionale. Questa nuova mappa dimostra per la prima volta che i sistemi idrotermali della terraferma di Rotorua si estendono nelle profondità nascoste del lago.

Cornel De ronde, uno dei principali scienziati di GNS Science, ha dichiarato che la mappa copre 55 chilometri quadrati, ovvero circa il 68% del fondo del lago. La Royal New Zealand Navy ha raccolto alcuni dati e ha osservato le caratteristiche fisiche del fondale utilizzando un ecoscandaglio multiraggio, un tipo di sonar. I ricercatori hanno anche effettuato rilievi magnetici, che hanno portato alla luce un’anomalia magnetica: “in molte circostanze, quando abbiamo utilizzato un magnetometro vicino alle rocce vulcaniche, abbiamo ottenuto anomalie positive, in questo caso invece abbiamo rilevato anomalie negative, probabilmente a causa di una suscettibilità magnetica molto bassa”, ha detto De ronde.



Le rocce vulcaniche contengono tipicamente la magnetite, un minerale altamente magnetico, ma nel lago Rotorua, i ricercatori hanno osservato che i fluidi idrotermali sono passati attraverso la roccia e hanno trasformato la magnetite in pirite, che non ha quasi alcun segnale magnetico. Questo processo idrotermale diminuisce gravemente il segnale magnetico e spiega l’anomalia negativa. Combinati, sia i dati sull’intensità magnetica che quelli sul flusso di calore conduttivo, hanno fornito una buona prova del fatto che l’area è un sistema idrotermale attivo.

Immagine che mostra la grande anomalia magnetica nella parte meridionale del lago.(Credito immagine: Institute of Geological and Nuclear Sciences Limited (GNS Science).)
Immagine che mostra la grande anomalia magnetica nella parte meridionale del lago.(Credito immagine: Institute of Geological and Nuclear Sciences Limited (GNS Science).)

I ricercatori hanno trovato anche altre prove di attività idrotermale nella stessa area dell’anomalia magnetica. Una mappa del flusso di calore ha mostrato acqua calda che saliva verso il fondo del lago dal basso. In questa stessa regione sono visibili crateri, che De ronde ha notato essere probabilmente di eruzione idrotermale.

La temperatura dell’acqua vicino al fondo del lago, nonostante tutta questa attività, è solitamente intorno ai 14 gradi Celsius, secondo De ronde. Questo è dato dal fatto che il lago Rotorua è così grande che c’è abbastanza acqua fresca per contrastare il calore che sale dal basso, e la temperatura oscilla solo di circa 1 C° in un mese.

Esaminando più in profondità la geologia della regione, gli esperti hanno ottenuto informazioni interessanti conducendo un’indagine sulla gravità. In contrasto con i dati batimetrici, che hanno rivelato i dettagli del fondale del lago, il set di dati sulla gravità dell’aria libera ha mostrato le diverse profondità delle rocce di grovacca del seminterrato sottostanti il ​​lago. La mappatura mostra che le rocce del basamento sono più superficiali nella parte sud-occidentale e si espandono progressivamente verso nord-est, contribuendo alla comprensione della struttura del basamento sotto la caldera di Rotorua.

Il progetto di mappatura è stato un esempio di collaborazione intergovernativa. Il comandante Tim Hall, capo idrografo della Royal New Zealand Navy, ha dichiarato: “questa attività ha fornito ai nostri ispettori idrografici una preziosa opportunità per acquisire esperienza in un ambiente di acqua dolce e ha dimostrato la capacità di diversi governi e agenzie di collaborare efficacemente per uno scopo comune”.

2