Un’analisi dei crateri da impatto sulla Terra implica un rischio di nuovi impatti importanti più alto di quanto previsto in precedenza

A un livello base, le probabilità di sopravvivenza dell’umanità si riducono a una cosa: le possibilità che una gigantesca roccia spaziale si schianti contro il pianeta e ci spedisca sulla via dei dinosauri. Un modo per calibrare questo pericolo è guardare le dimensioni dei grandi crateri da impatto recenti sulla superficie del nostro pianeta e un nuovo studio suggerisce che sono più grandi di quanto si pensasse in precedenza.

Questo significa che la Terra è più a rischio di essere colpita duramente, come afferma James Garvin, capo scienziato del Goddard Space Flight Center della NASA, che ha presentato il lavoro la scorsa settimana alla Lunar and Planetary Science Conference. “Un simile evento è nel novero delle cose serie che possono accadono“.

Utilizzando un nuovo catalogo di immagini satellitari ad alta risoluzione, Garvin e i suoi colleghi hanno identificato grandi anelli attorno a tre crateri da impatto accertati e uno probabile che si sono formati 1 milione di anni fa o meno. Per Garvin, gli anelli significano che i crateri sono più larghi di decine di chilometri rispetto a quanto si pensasse in precedenza e registrano eventi molto più violenti di quanto creduto finora.

Se Garvin avesse ragione, ognuno di questi impatti ha provocato un’esplosione circa 10 volte più violenta della più grande bomba nucleare della storia, abbastanza da far esplodere parte dell’atmosfera del pianeta nello spazio. Sebbene non distruttivi come l’impatto che uccise i dinosauri, questi bombardamenti dallo spazio devono aver perturbato il clima globale e causato estinzioni locali.

Il nuovo studio, tuttavia, suggerisce che solo negli ultimi milioni di anni, quattro oggetti delle dimensioni di un chilometro hanno colpito i continenti e, dato che i due terzi del pianeta sono coperti dall’acqua, ciò potrebbe significare che sono fino ad una dozzina quelli che hanno colpito la Terra in totale, dice Bottke.

Anna Łosiak, una studiosa dei crateri da impatto presso l’Accademia polacca delle scienze, dubita che le caratteristiche ad anello identificate dal team di Garvin siano davvero bordi di crateri. Se in qualche modo lo fossero, dice, “sarebbe spaventoso perché significherebbe che non capiamo davvero cosa sta succedendo e che statisticamente ci sono un sacco di rocce spaziali che potrebbero arrivare e fare un casino“.

Il lavoro nasce da un database di immagini satellitari ad alta risoluzione della società Planet. Garvin e i suoi collaboratori hanno utilizzato migliaia di immagini stereo sovrapposte per creare mappe 3D dei quattro crateri. L’aggiunta di dati da due laser di misurazione dell’altezza della NASA che opera in orbita, incluso uno in grado di penetrare nella copertura degli alberi, ha fornito loro mappe con una risoluzione di 4 metri.

Hanno rimosso le caratteristiche dalle mappe che erano ovviamente estranee all’impatto. Quindi hanno applicato un algoritmo che Garvin aveva inizialmente sviluppato per Marte per cercare schemi circolari nella topografia.

Per crateri semplici e piccoli, identificava invariabilmente l’evidente bordo del cratere. Ma in migliaia analisi sui quattro crateri più grandi, l’algoritmo ha spesso identificato una struttura simile a un bordo molto più lontana del bordo attualmente accettato. Ad esempio, Pantasma, un cratere di 800.000 anni in Nicaragua, sarebbe largo 35,2 chilometri di diametro rispetto ai 14,8 chilometri attualmente accettato.

Scienziati esperti di crateri non vedono i nuovi cerchi. “Queste caratteristiche sono così sottili che non penso che dicano ‘grande bordo strutturale’“, dice Gordon Osinski, un planetologo della Western University. Potrebbero invece essere anelli di detriti espulsi dagli impatti, aggiunge Brandon Johnson, uno scienziato planetario della Purdue University.

Garvin, tuttavia, non pensa che una semplice cresta di detriti sarebbe ancora visibile dopo 1 milione di anni di erosione. Pensa che gli anelli implichino che i grandi crateri sulla Terra hanno strutture più variabili che altrove nel Sistema Solare a causa degli alti tassi di erosione. “Sulla Terra, le cose si complicano, in particolare quando ci metti molta energia“, dice.

Affinché i risultati acquisiscano credibilità, Johnson afferma che il team dovrà raccogliere ulteriori prove. In primo luogo, lo sconvolgimento climatico innescato da impatti così grandi come afferma Garvin dovrebbe aver lasciato il segno nelle carote di ghiaccio o nei sedimenti oceanici o lacustri. In secondo luogo, i ricercatori dovranno visitare i siti degli anelli per cercare le rocce deformate e le variazioni gravitazionali che indicherebbero un vero bordo del cratere.

Data la posta in gioco, questa è un’ipotesi che sarà necessario testare, afferma Johnson. “Dobbiamo andare lì, controllare la geologia e ottenere maggiori dettagli“.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Articoli correlati

Popular Categories