NASA: programma Artemis potrebbe avere ritardi a causa delle tute spaziali

Secondo un nuovo audit interno, l'agenzia non sarà in grado di rispettare tale tempistica perché, tra le altre ragioni, le tute spaziali degli astronauti non saranno pronte in tempo

1279

La NASA ha pianificato di riportare gli astronauti americani sulla Luna entro il 2024 come parte del programma Artemis. Secondo un nuovo audit interno, l’agenzia non sarà in grado di rispettare tale tempistica perché, tra le altre ragioni, le tute spaziali degli astronauti non saranno pronte in tempo.

In un rapporto dell’ispettore generale della NASA, “l’allunaggio alla fine del 2024, come attualmente pianificato dalla NASA, non è fattibile” a causa di “ritardi previsti nello sviluppo delle tute spaziali” a causa della carenza di fondi, dell’impatto del COVID-19 e delle sfide tecniche.

La NASA dal 2007 ha speso 420 milioni di dollari per sviluppare tute spaziali di nuova generazione

Lo sforzo ha portato alla creazione del progetto Exploration Extravehicular Mobility Units (xEMU) nel 2016 sotto la guida dell’amministrazione Trump. Nonostante vari dipartimenti e programmi investano risorse nello sviluppo di tute spaziali, la NASA è ancora lontana dalla produzione dell’equipaggiamento umano necessario per i viaggi lunari.

L’ufficio dell’ispettore generale stima che la NASA investirà altri 625,2 milioni di dollari solo nelle tute spaziali, portando il costo totale della produzione di due tute pronte per il volo a oltre 1 miliardo di dollari. La prima data di consegna in base ai progressi attuali è aprile 2025.

La prima tuta spaziale lunare pronta per il volo doveva essere originariamente pronta entro marzo 2023. La cronologia è stata posticipata a novembre 2024 a marzo di quest’anno a causa della riduzione dei finanziamenti per lo sviluppo della tuta spaziale per l’anno fiscale 2021.

“Abbiamo già speso 420 milioni di dollari e non sappiamo dove stiamo andando. Dobbiamo davvero assicurarci che il Congresso fornisca la supervisione e la responsabilità necessarie”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


“Sono rimasto piuttosto deluso da ciò che ha scoperto l’ispettore generale”. ha detto all’United Press International il rappresentante degli Stati Uniti Don Beyer, un democratico della Virginia e presidente del sottocomitato per lo spazio e l’aeronautica della Camera.

Altri fattori in gioco includono la chiusura intermittente della produzione degli appaltatori della NASA a causa della pandemia di coronavirus e nuove richieste che hanno complicato il design della tuta spaziale per soddisfare la necessità di future missioni lunari.

Il programma Artemis nel suo complesso sta affrontando anche altri ostacoli che potrebbero aumentare l’incertezza del primo sbarco sulla Luna della NASA dal 1972.

La scorsa settimana, il programma è stato ulteriormente ritardato dopo che Blue Origin di Jeff Bezos ha citato in giudizio la NASA in un tribunale federale per non aver scelto la proposta del lander lunare della compagnia.

La NASA ha incaricato SpaceX di costruire il veicolo di atterraggio, che dovrebbe costare 2,9 miliardi di dollari. La proposta concorrente di Blue Origin costerebbe quasi 6 miliardi di dollari.