Rilevati migliaia di segnali radio da fonti cosmiche vicine

Un potente radiotelescopio che "ascolta" una galassia satellite della Via Lattea ha rilevato migliaia di sorgenti radio finora sconosciute

0
5230
Indice

Un potente radiotelescopio che “ascolta” una galassia satellite della Via Lattea ha rilevato migliaia di sorgenti radio finora sconosciute.

In direzione della Grande Nube di Magellano, migliaia di stelle, supernovae e galassie lontane sono state rilevate per la prima volta in lunghezze d’onda radio, dati che potrebbero fornire nuove informazioni sul funzionamento interno e sull’evoluzione di questi affascinanti oggetti.

Fa tutto parte dell’Evolutionary Map of the Universe (EMU) Early Science Project condotto utilizzando la struttura Australian Square Kilometer Array Pathfinder (ASKAP) in Australia, uno dei radiotelescopi più sensibili in funzione. Sta scrutando l’Universo radio per ottenere maggiori dettagli su come si è evoluto nel tempo.

La nuova immagine nitida e sensibile rivela migliaia di sorgenti radio che non avevamo mai rilevato prima“, ha spiegato l’astronoma Clara Pennock della Keele University nel Regno Unito.

La maggior parte di queste sono in realtà galassie milioni o addirittura miliardi di anni luce oltre la Grande Nube di Magellano. Di solito le vediamo a causa dei buchi neri supermassicci nei loro centri che possono essere rilevati a tutte le lunghezze d’onda, in particolare radio. Ma ora iniziamo anche a trovare molte galassie in cui le stelle si stanno formando a un ritmo incredibile”.



Combinare questi dati con precedenti osservazioni di telescopi a raggi X, ottici e infrarossi ci consentirà di esplorare queste galassie con dettagli straordinari“.

La Grande Nube di Magellano è una galassia nana a spirale che orbita intorno alla Via Lattea a una distanza di circa 160.000 anni luce. Alla fine, tra circa 2,4 miliardi di anni, sarà assorbita dalla Via Lattea, ma per il momento la sua vicinanza lo rende un ottimo oggetto per conoscere la struttura delle galassie e il ciclo di vita delle stelle.

Il team di ricerca ha rivolto le antenne di ASKAP verso questa galassia per ottenere osservazioni non solo dell’intera struttura, ma anche di singoli oggetti al suo interno: stelle, supernovae e vivai stellari, come la lussureggiante Nebulosa Tarantola, la regione di esplosione stellare più attiva nel Gruppo Locale di galassie, dove si formano stelle a un ritmo insolitamente alto.

Le rilevazioni effettuate dal team hanno spaziato da stelle piccole a stelle morte, le bolle di materiale in espansione rimanenti dopo che una stella è diventata una supernova.

Con così tante stelle e nebulose ammassate insieme, la maggiore nitidezza dell’immagine è stata determinante nella scoperta di stelle che emettono radio e nebulose compatte nella Grande Nube di Magellano“, ha commentato l’astrofisico Jacco van Loon, anche lui della Keele University.

Vediamo tutti i tipi di sorgenti radio, dalle singole stelle nascenti alle nebulose planetarie che risultano dalla morte di stelle come il Sole“.

Le osservazioni effettuate rappresentano un miglioramento significativo rispetto alle precedenti indagini radio della Grande Nube di Magellano, come affermano i ricercatori, consentendo il rilevamento di oltre 50.000 sorgenti radio.

Usando i dati combinati, così come le nuove osservazioni ASKAP, gli astronomi saranno in grado di dare un’occhiata più da vicino a queste fonti per saperne di più.

Ad esempio, le nebulose planetarie ed i resti di supernova saranno oggetto di future analisi approfondite.

I dati radio ottenuti sulle galassie poste oltre la Grande Nube di Magellano possono essere utilizzati per condurre misurazioni su larga scala della loro rotazione di Faraday – il modo in cui le onde radio si attorcigliano quando viaggiano attraverso il mezzo intergalattico – e dell’idrogeno atomico neutro, che può essere mappato per capire la struttura delle galassie.

È gratificante vedere questi risultati entusiasmanti provenienti dalle prime osservazioni dell’EMU“, ha affermato l’astronomo Andrew Hopkins della Macquarie University in Australia.

Le scoperte di questo primo lavoro dimostrano la potenza del telescopio ASKAP nel fornire immagini sensibili su vaste aree del cielo, offrendo uno sguardo allettante su ciò che l’indagine EMU completa potrebbe rivelare. Questa indagine è stata fondamentale per consentirci di progettare l’indagine principale, che prevediamo inizierà all’inizio del 2022“.

La ricerca è stata pubblicata negli Monthly Notices of the Royal Astronomical Society .

2