Progetto APEP: perché la NASA lancerà 3 razzi durante l’eclissi solare?

Durante l'eclissi solare totale dell'otto Aprile, la NASA attiverà il progetto APEP, che prevede di lanciare tre razzi

2
2583
Progetto APEP
Progetto APEP

La NASA ha annunciato che per via del progetto APEP lancerà tre razzi all’ombra della Luna lunedì 8 aprile durante l’eclissi solare parziale in tutto il Nord America.

Progetto APEP
Progetto APEP

Cos’è il progetto APEP

In quella che sarà un’eclissi solare totale per un percorso di 115 miglia di lunghezza attraverso parti del Messico, 15 stati degli Stati Uniti e Canada e un’eclissi solare parziale per le intere Americhe, l’evento vedrà un improvviso calo della luce solare.

Il progetto dell’agenzia spaziale, Atmospheric Perturbations Around The Eclipse Path, indagherà in che modo il calo della luce solare e della temperatura influisce sull’atmosfera superiore della Terra. APEP prende il nome dalla divinità serpente dell’antica mitologia egiziana, nemesi della divinità del sole Ra, come ha riferito la NASA.

I razzi suborbitali della NASA non verranno lanciati sulla totalità del percorso dell’eclissi. Partiranno invece dalla Wallops Flight Facility a Wallops Island, in Virginia, dove l’81% del Sole sarà bloccato dalla Luna. Quel momento avverrà alle 15:33 EST, anche se l’eclissi avrà luogo tra le 14:06 e le 16:33.

Questa, tuttavia, non sarà la prima misurazione simultanea effettuata da diverse posizioni in uno strato specifico dell’atmosfera terrestre durante un’eclissi solare.



Sabato 14 ottobre 2023 alle 10:00, 10:35 e 11:10 MT, gli stessi tre razzi sono stati lanciati all’ombra della luna durante un’altra eclissi solare parziale. Sono stati lanciati dalla White Sands Missile Range, nel Nuovo Messico, dove ha avuto luogo un’eclissi solare parziale del 90%, e hanno raggiunto altitudini di 216 miglia, 219 miglia e 218 miglia.

Progetto APEP
I razzi che verranno lanciati durante il Progetto APEP.

Tutti e tre i carichi sono stati recuperati con successo per essere rilanciati dalla Wallops Flight Facility per la seconda parte dell’esperimento APEP. Proprio come dal Nuovo Messico, i razzi verranno lanciati prima, durante e dopo il culmine dell’eclissi.

Ogni razzo espellerà quattro strumenti secondari delle dimensioni di una bottiglia di soda da due litri che misurano gli stessi dati, quindi otterremo i risultati conseguibili da quindici razzi, mentre ne vengono lanciati solo tre”, ha dichiarato Aroh Barjatya, Professore di fisica ingegneristica presso Embry-Riddle Aeronautical University in Florida, dove dirige lo Space and Atmospheric Instrumentation Lab.

Lo scopo del progetto APEP

Lo scopo dell’APEP è cercare perturbazioni, cambiamenti nell’atmosfera terrestre durante l’eclissi, con quattro piccoli strumenti scientifici che misurano i cambiamenti nei campi elettrici e magnetici, nella densità e nella temperatura. I razzi entreranno nella ionosfera, dove l’aria diventa elettrica.

Si prevede che i razzi APEP raggiungeranno un’altitudine massima di 420 chilometri. Ogni razzo misurerà la densità delle particelle cariche e neutre e i campi elettrici e magnetici circostanti. Tre strumenti secondari su ciascun razzo sono stati costruiti da Embry-Riddle e il quarto è stato costruito al Dartmouth College nel New Hampshire.

Eclissi solare totale

È qui che gli ioni e gli elettroni aumentano e diminuiscono di temperatura e densità all’alba e al tramonto. Si prevede che la rapida eclissi del Sole vedrà onde incresparsi attraverso la ionosfera.

È una regione elettrificata che riflette e rifrange i segnali radio e influisce anche sulle comunicazioni satellitari mentre i segnali vi passano attraverso“, ha affermato Barjatya: “Comprendere la ionosfera e sviluppare modelli che ci aiutino a prevedere i disturbi è fondamentale per garantire che il nostro mondo, sempre più dipendente dalla comunicazione, funzioni senza intoppi”.

Un quadro più ampio delle dinamiche ionosferiche

.Ogni razzo APEP misurerà la densità delle particelle cariche e neutre e i campi elettrici e magnetici circostanti. Otre ai razzi APEP, anche diverse squadre negli Stati Uniti effettueranno misurazioni della ionosfera con vari mezzi. Una squadra di studenti di Embry-Riddle schiererà una serie di palloni aerostatici ad alta quota.

I co-investigatori dell’Osservatorio Haystack del Massachusetts Institute of Technology nel Massachusetts e dell’Air Force Research Laboratory nel New Mexico, utilizzeranno una varietà di radar terrestri per effettuare misurazioni.

Eclissi solare totale

Utilizzando questi dati, un team di scienziati dell’Embry-Riddle e del Laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University sta perfezionando i modelli esistenti. Insieme, queste varie indagini contribuiranno a fornire i pezzi del puzzle necessari per vedere il quadro più ampio delle dinamiche ionosferiche.

l lanci dell’APEP saranno trasmessi in live streaming tramite la pagina YouTube ufficiale di Wallops della NASA e saranno presenti nella trasmissione ufficiale della NASA dell’eclissi solare totale. Il pubblico potrà assistere ai lanci dei razzi APEP anche di persona dalle 13 alle 16 presso il Centro visitatori della NASA Wallops Flight Facility.

2