2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaIn arrivo la pioggia di meteoriti Draconidi

In arrivo la pioggia di meteoriti Draconidi

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Sabato e domenica, 8 e 9 ottobre 2022, i cieli sulla Terra brilleranno di rocce e polvere spaziali fiammeggianti durante l’annuale pioggia di meteoriti Draconidi. Sfortunatamente, la luna piena del cacciatore, che raggiungerà il picco nelle stesse notti, eclisserà ampiamente lo spettacolo delle stelle cadenti di quest’anno.

Cosa sono le Draconidi

Le Draconidi, chiamate anche Giacobinidi, dal nome dell’astronomo francese Michel Giacobini che scoprì la cometa 21 P/Giacobini-Zinner, sono sciami di meteoriti che prendono il nome dalla costellazione da cui sembrano provenire. Dal punto di vista della Terra, le Draconidi sembrano avere origine della costellazione del Draco, il drago.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nonostante le sue dimensioni e la designazione come l’ottava costellazione più grande, Draco non è particolarmente evidente. Il nome deriva dal termine latino “draco”, che significa “enorme serpente”, e la costellazione serpeggia nel cielo settentrionale.

Gli sciami meteorici si verificano quando la Terra attraversa le nubi di detriti rocciosi lasciati dalle comete. Durante le Draconidi, il nostro pianeta si scontra con milioni di piccole rocce ghiacciate lasciate dalla cometa 21P/Giacobini-Zinner, che passa attraverso il nostro sistema solare e attraversa l’orbita terrestre una volta ogni 6,6 anni, secondo la NASA.

La cometa ha fatto il suo ultimo avvicinamento alla Terra nel settembre 2018.

Mentre queste migliaia di “briciole di cometa” cadono nell’atmosfera terrestre, alcune prendono fuoco visibilmente e solcano il cielo, diventando ufficialmente meteore. La maggior parte di queste rocce spaziali brucia molto prima di raggiungere la superficie del pianeta, anche se alcune potrebbero essere abbastanza grandi da sopravvivere alla discesa e colpire il suolo come meteoriti.

Negli ultimi anni, le Draconidi sono state relativamente silenziose, producendo poche meteore e nessun notevole scoppio di attività, ben lontano dalle piogge del passato, quando hanno prodotto alcuni dei più impressionanti sciami meteorici del 20° secolo, soprattutto nel 1933 e nel 1946. Durante queste tempeste di meteoriti, migliaia di meteore sono state avvistate ogni ora.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Come vedere le Draconidi

In un anno tipico, gli osservatori del cielo possono aspettarsi di vedere da 10 a 20 meteore all’ora durante le Draconidi, secondo la NASA. Tuttavia, la luna piena di questo mese probabilmente eclisserà la maggior parte di loro. Per avere la migliore possibilità di catturare visibilmente alcune meteore, vai nel luogo più buio che riesci a trovare e lascia che i tuoi occhi si adattino all’oscurità per almeno 30 minuti.

Non sono necessari telescopi o binocoli per catturare lo spettacolo nell’atmosfera del nostro pianeta. Ma se desideri dare un’occhiata più da vicino alla luna, o per migliorare il tuo gioco di osservazione delle stelle in generale, puoi dare un’occhiata ad una guida sui 3 migliori telescopi consigliati per iniziare ad osservare il cielo.

Pioggia di meteoriti terrestri principali

L’ Unione Astronomica Internazionale elenca diverse dozzine di sciami meteorici. I più notevoli sono descritti di seguito.

Orionidi

Costituito da meteore provenienti dai detriti della cometa di Halley, questo sciame è attivo tra il 2 ottobre e il 7 novembre. La sua massima attività si osserva il 21 ottobre. Il suo radiante si trova nella costellazione di Orione.

Nel 1864, Alexander Stewart Herschel  fece le prime osservazioni precise.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Perseidi

Costituito dai detriti della cometa 109P/Swift-Tuttle, il punto radiante di questo sciame si trova nella costellazione del Perseo. Le Perseidi possono essere viste dal 17 luglio al 24 agosto. La giornata del 12 agosto è caratterizzata dalla più alta concentrazione di osservazioni.

Le Perseidi si caratterizzano per l’altissima velocità con cui si muovono. In effetti, questa velocità è tra le più veloci di tutte le piogge di meteoriti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Leonidi

Associate alla cometa 55P/Tempel-Tuttle, le Leonidi possono essere avvistate in un periodo che va dal 6 al 30 novembre, durante il quale l’attività massima si verifica il 17 novembre.

Questo sciame è noto per la produzione di spettacolari piogge di meteoriti. In effetti, una delle tempeste di meteoriti più famose si è verificata il 17 novembre 1833, quando la Terra ha attraversato lo sciame delle Leonidi.

Il punto radiante delle Leonidi si trova nella costellazione del Leone, da cui il nome.

Eta acquari

Scoperti nel 1870, gli acquari Eta possono essere osservati dal 19 aprile al 28 maggio. Il picco di attività dello sciame si verifica il 5 maggio. Come le Orionidi, le meteore di questo sciame provenivano dai detriti della cometa di Halley.

In particolare, il suo nome deriva da una stella piuttosto che da una costellazione. Questa stella, eta Aquarii, è la stella più luminosa della costellazione dell’Acquario. È vicino al punto radiante di Eta aquarides.

Articoli più letti