12 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeEsplorazione SpazialeSuccesso per la missione DART: cambiata l'orbita di un asteroide - video

Successo per la missione DART: cambiata l’orbita di un asteroide – video

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il test di reindirizzamento di un asteroide effettuato dalla missione DART della NASA ha cambiato con successo la traiettoria dell’asteroide Dimorphos.

La missione DART, una dimostrazione della tecnologia di deflessione, è stata la prima mai condotta per conto della difesa planetaria. Per la prima volta, l’umanità ha cambiato intenzionalmente il movimento di un oggetto celeste nello spazio.

Prima dell’impatto, Dimorphos impiegava 11 ore e 55 minuti per orbitare attorno all’asteroide genitore Didymos. Gli astronomi hanno utilizzato telescopi terrestri per misurare come l’orbita di Dimorphos è cambiata dopo l’impatto. Ora, Dimorphos impiega 11 ore e 23 minuti per girare intorno a Didymos. La navicella spaziale DART ha cambiato l’orbita della piccola luna di 32 minuti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Inizialmente, gli astronomi si aspettavano che DART avrebbe avuto successo se avesse accorciato la traiettoria di 10 minuti. “Tutti noi abbiamo la responsabilità di proteggere il nostro pianeta natale. Dopotutto, è l’unico che abbiamo“, ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson.

Questa missione mostra che la NASA sta cercando di essere pronta per qualsiasi cosa l’universo ci getti addosso. La NASA ha dimostrato che siamo seri come difensori del pianeta. Questo è un momento spartiacque per la difesa planetaria e per tutta l’umanità, a dimostrazione dell’impegno dell’eccezionale team della NASA e dei partner di tutto il mondo“.

Il telescopio spaziale Hubble ha catturato un'immagine di detriti esplosi dalla superficie di Dimorphos 285 ore dopo l'impatto dell'8 ottobre.
Il telescopio spaziale Hubble ha catturato un’immagine di detriti esplosi dalla superficie di Dimorphos 285 ore dopo l’impatto dell’8 ottobre. NASA/ESA/STScI/Hubble

Man mano che nuovi dati arriveranno, gli astronomi saranno in grado di valutare meglio se e come una missione come DART potrebbe essere utilizzata in futuro per aiutare a proteggere la Terra da una collisione con un asteroide se mai ne scoprissimo uno che si dirige verso di noi“.

Il team DART continua a raccogliere dati osservando il sistema del doppio asteroide e la misurazione orbitale potrebbe diventare più precisa in futuro. Attualmente, c’è un’incertezza di più o meno due minuti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Una nuova immagine di Dimorphos, catturata dal telescopio spaziale Hubble, mostra che la coda simile a una cometa della scia di detriti si è divisa in due. Gli scienziati stanno ancora lavorando per capire il significato della scissione.

Il team si sta ora concentrando sulla misurazione di quanta quantità di moto è stata trasferita da DART a Dimorphos. Al momento dell’impatto, il veicolo spaziale si stava muovendo a circa 22.530 chilometri orari. Gli astronomi analizzeranno la quantità di rocce e polvere esplose nello spazio dopo l’impatto.

Il team DART ritiene che il pennacchio abbia “sostanzialmente migliorato” la spinta del veicolo spaziale contro l’asteroide, non diversamente dal rilascio di aria da un pallone che lo spinge nella direzione opposta, secondo la NASA.

Sebbene abbiamo fatto di più al sistema che semplicemente cambiare l’orbita, potremmo aver lasciato Dimorphos un po’ traballante“, ha affermato Tom Statler, scienziato del programma DART alla NASA. “Quindi, nel tempo, potrebbe esserci qualche interazione tra l’oscillazione e l’orbita e le cose si adatteranno. Ma di certo non tornerà mai alla vecchia orbita di 11 ore e 55 minuti“.

Gli astronomi stanno ancora studiando la superficie di Dimorphos e quanto sia debole o forte. Il primo sguardo del team DART a Dimorphos, fornito da DART prima dell’incidente, suggerisce che l’asteroide è un cumulo di macerie tenuto insieme dalla gravità.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Continuano a tornare le immagini dal Light Italian CubeSat for Imaging of Asteroids, o LICIACube, il mini satellite fornito dall’Agenzia Spaziale Italiana che si è unito come fotoreporter robotico nella missione di DART .

Tra circa quattro anni, anche la missione Hera dell’Agenzia spaziale europea sorvolerà il sistema a asteroide per studiare il cratere lasciato dalla collisione e misurare la massa di Dimorphos.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

DART ci ha fornito alcuni dati affascinanti sia sulle proprietà degli asteroidi che sull’efficacia di un impattatore cinetico come tecnologia di difesa planetaria”, ha affermato Nancy Chabot, responsabile del coordinamento DART del Laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University di Laurel, nel Maryland. “Il team DART sta continuando a lavorare su questo ricco set di dati per comprendere appieno questo primo test di difesa planetaria della deflessione degli asteroidi“.

Il team di ricerca ha scelto Dimorphos per questa missione perché le sue dimensioni sono paragonabili a quelle degli asteroidi che potrebbero rappresentare una minaccia per la Terra. Un asteroide delle dimensioni di Dimorphos potrebbe causare “devastazioni regionali” se colpisse la Terra.

Gli oggetti vicini alla Terra sono asteroidi e comete con un’orbita che li colloca entro 48,3 milioni di chilometri dalla Terra. Rilevare la minaccia di oggetti vicini alla Terra che potrebbero causare gravi danni è un obiettivo primario della NASA e di altre organizzazioni spaziali in tutto il mondo.

Nessun asteroide è attualmente in rotta di impatto diretto con la Terra, ma esistono più di 27.000 asteroidi vicini alla Terra di tutte le forme e dimensioni.

Trovare popolazioni di asteroidi pericolosi e determinarne le dimensioni sono priorità della NASA e dei suoi partner internazionali. Il progetto per un telescopio spaziale chiamato missione Near-Earth Object Surveyor è attualmente in fase di revisione.

Articoli più letti