DART, missione compiuta – video

L'opportunità per i terrestri di assistere alla collisione della sonda DART con Dimorphos dal vivo, o almeno con qualche minuto di ritardo, è venuta da quello che la Nasa chiama il "mini-fotografo" della missione, il piccolo cubesat italiano LiciaCube

491
DART, missione compiuta - video
DART, missione compiuta - video

La sonda spaziale DART ha completato con successo la sua missione di impattare un asteroide delle dimensioni di uno stadio di football in un test senza precedenti della capacità della Nasa di difendere la Terra da uno scenario apocalittico.

Il velivolo della NASA si è schiantato contro l’asteroide Dimorphos. La missione, nota come Dart (Double Asteroid Redirection Test), ha segnato il primo tentativo dell’umanità di spostare un altro corpo celeste, con l’obiettivo di vedere se un grande asteroide che sfreccia verso il nostro pianeta potrebbe essere deviato con successo.

La navicella spaziale si è scontrata con l’asteroide alla velocità di 25.000 kph alle 19:14 EDT. Il video in live streaming dell’avvicinamento finale e dell’impatto ha mostrato la superficie dell’asteroide disseminata di macerie profilarsi sempre più vicina prima che la navicella spaziale colpisse e gli applausi scoppiassero nella sala del controllo missione. Squadre di scienziati della Nasa e della Johns Hopkins University si sono abbracciate quando è stato confermato l’impatto di successo di Dart con Dimorphos.

Poco dopo l’impatto, Lori Glaze, direttrice della divisione scientifica planetaria della Nasa, ha dichiarato l’inizio di una “nuova era dell’umanità“.

Samson Reony, il commentatore della missione del laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins, è stato altrettanto esuberante riguardo al risultato. “Questo accade quando scienza, ingegneria e un grande scopo, la difesa planetaria, si uniscono e creano un momento magico come questo“, ha detto.

Il test mirava a determinare se far schiantare intenzionalmente un veicolo spaziale contro un asteroide sia un modo efficace per cambiarne la traiettoria. In una conferenza stampa post-missione, gli scienziati di Dart hanno descritto la missione come un successo, ma hanno avvertito che ci vorranno circa due mesi prima di sapere se la navicella spaziale è riuscita nel suo obiettivo finale di alterare la traiettoria di Dimorphos.

Il team della NASA considera quanto accaduto come il “risultato ideale” della prima fase del test di difesa planetaria. Dart ha segnato “fondamentalmente un bersaglio” sull’asteroide, ha detto la vicedirettore del programma di Dart Elena Adams.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


Ha detto che l’imbarcazione ha impattato l’asteroide a 17 metri dal suo obiettivo; abbastanza vicino da rappresentare un completo successo. “Era fondamentalmente un bersaglio. Penso che, per quanto ne sappiamo, il primo test di difesa planetaria sia stato un successo e possiamo essere soddisfatti”.

Resta da vedere se l’impatto ha avuto una forza sufficiente per spostare l’asteroide e gli scienziati trascorreranno le prossime settimane monitorando la velocità e i movimenti dell’asteroide e facendo calcoli. Anche così, Adams ha detto: “I terrestri dovrebbero dormire meglio, e sicuramente lo farò“.

Gli scienziati hanno insistito sul fatto che Dart non doveva frantumare Dimorphos. La navicella spaziale aveva una massa di appena 570 chilogrammi, rispetto ai 5 miliardi di chilogrammi dell’asteroide. L’autodistruzione pianificata di Dart non rappresentava una minaccia per l’umanità, ha detto il portavoce della Nasa Glen Nagle.

Nagle ha detto che il test di lunedì è stato il primo di una serie di “missioni di protezione planetaria“.

Vogliamo avere maggiori possibilità di quelle che Hanno avuto i dinosauri 65 milioni di anni fa“, ha detto Nagle, riferendosi alla teoria secondo cui i rettili preistorici che un tempo governavano la Terra si estinsero quando un asteroide colpì il pianeta.

Nagle ha aggiunto: “Tutto quello che potevano fare è alzare lo sguardo e dire, ‘Oh, un asteroide’“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sebbene nessun asteroide conosciuto più grande di 140 metri abbia una probabilità significativa di colpire la Terra per il prossimo secolo, si stima che solo il 40% di quegli asteroidi pericolosi sia stato identificato finora.

Il test di difesa planetaria da 325 milioni di dollari è stato il culmine di un viaggio iniziato con il lancio di Dart lo scorso autunno. L’opportunità per i terrestri di assistere alla collisione con Dimorphos dal vivo, o almeno con qualche minuto di ritardo, è venuta da quello che la Nasa chiama il “mini-fotografo” della missione, il piccolo cubesat italiano LiciaCube (abbreviazione di Light Italian CubeSat per Imaging Asteroids).

I mission manager hanno espresso la loro “assoluta soddisfazione nel vedere l’impatto avvenire con successo in tempo reale.

Ralph Semmel, direttore del laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins, ha elogiato la natura “rivoluzionaria” di ciò che era stato appena ottenuto, aggiungendo che il suo team ha saputo di aver avuto successo quando il video è diventato nero. “Normalmente, perdere il segnale da un veicolo spaziale è una cosa molto negativa. Ma in questo caso era il risultato ideale”.