Meteora CNEOS 2014-01-08, brutte notizie per Avi Loeb

Nel 2014 la meteora CNEOS 2014-01-08, è stata la prima visitatrice conosciuta proveniente dallo spazio interstellare, precedendo il famoso asteroide 'Oumuamua che ha sfrecciato oltre la Terra nel 2017. Ora sembra che i signali sismici che ne avevano dimostrato l'impatto nell'oceano siano da rileggere in altro modo

Nel 2014 la meteora CNEOS 2014-01-08, è stata la prima visitatrice conosciuta proveniente dallo spazio interstellare, precedendo il famoso asteroide ‘Oumuamua che ha sfrecciato oltre la Terra nel 2017. Ora sembra che i segnali sismici che ne avevano dimostrato l’impatto nell’oceano siano da rileggere in altro modo.

Meteora CNEOS 2014-01-08

I sospetti segnali sismici della Meteora CNEOS 2014-01-08

Nel 2023, la meteora CNEOS 2014-01-08 ha fatto notizia quando un team di scienziati guidati dal controverso astronomo di Harvard Avi Loeb ha visitato quello che consideravano il luogo dell’impatto della roccia spaziale e ha dragato minuscole sferule dal fondo marino. Detriti, hanno ipotizzato, che contengono prove di tecnologia aliena.

Ora è sorto un nuovo problema con tale affermazione. I dati di monitoraggio sismico utilizzati per tracciare il percorso dell’ipotetico oggetto nel mare al largo della costa della Papua Nuova Guinea potrebbero non mostrare un meteorite che ha colpito il pianeta, ma piuttosto un camion che passava rimbombando lungo una strada vicina.

Il segnale ha cambiato direzione nel tempo, corrispondendo esattamente a un mezzo pesante che percorre una strada che passa davanti al sismometro“, ha spiegato il sismologo planetario Benjamin Fernando della Johns Hopkins University.

È davvero difficile prendere un segnale e confermare che non proviene da qualcosa. Ma quello che possiamo fare è dimostrare che ci sono molti segnali come questo e mostrare che hanno tutte le caratteristiche che ci aspetteremmo da un camion e nessuna delle altre caratteristiche che ci aspetteremmo da una meteora“.

Quando un pezzo di roccia sufficientemente grande entra nell’atmosfera, può esplodere prima di bruciare. La Terra viene colpita da queste meteore infuocate, conosciute come bolidi. La maggior parte di essi cade nell’oceano, ma le nuove tecnologie dispongono di sistemi di localizzazione piuttosto sofisticati che dicono dove entrano nell’atmosfera e con quale potenza esplodono.

Meteora CNEOS 2014-01-08

Un modo per tracciare bolidi particolarmente pesanti è attraverso i dati sismici, sia dalle vibrazioni causate dalle onde infrasoniche generate all’ingresso nell’atmosfera, sia dalle vibrazioni quando pezzi di roccia esplosa cadono sulla Terra.

La meteora CNEOS 2014-01-08 è stata rilevata dai satelliti del governo statunitense mentre è entrata e ha attraversato l’atmosfera terrestre nel gennaio 2014.

I sensori hanno registrato una velocità anomala che ha indicato un’origine interstellare, così gli astrofisici Avi Loeb e Amir Siraj dell’Università di Harvard hanno deciso di indagare, cercando eventuali tracce della roccia spaziale in modo da poterla analizzare.

Il recupero di microsferule appartenenti alla Meteora CNEOS 2014-01-08

Gli studi hanno recuperato i dati da una stazione di monitoraggio sismico sull’isola di Manus registrati nel momento in cui la Meteora CNEOS 2014-01-08 è entrata nell’atmosfera e hanno determinato che la roccia ad alta velocità era caduta in un’area al largo della costa della Papua Nuova Guinea.

I ricercatori hanno dragato il fondale marino e hanno trovato delle sferule: minuscole sfere microscopiche di materiale meteorico che si formano dopo che il bolide si è riscaldato fino al punto di sciogliersi, rilasciando piccole gocce di roccia fusa che poi si induriscono.

Fernando e il suo team hanno notato qualcosa di strano nei dati sismici utilizzati dai ricercatori per perfezionare la traiettoria della Meteora CNEOS 2014-01-08. La precisione della misurazione della traiettoria effettuata è stata molto superiore a qualsiasi altra misurazione comparabile effettuata utilizzando i dati provenienti non da una ma da più stazioni sismiche. L’area di atterraggio relativamente piccola ottenuta da una sola stazione ha inviato il ping ai loro sensori malarkey.

Fernando e i suoi colleghi ricercatori hanno esaminato più da vicino il segnale dell’isola di Manus, così come diverse altre stazioni di monitoraggio intorno alla Papua Nuova Guinea e all’Australia progettate per rilevare le onde sonore provenienti dai test nucleari.

Meteora CNEOS 2014-01-08

Non solo hanno tracciato il segnale di Manus sulla strada vicina, ma hanno anche trovato dati provenienti da altre stazioni che suggerivano che la Meteora CNEOS 2014-01-08 fosse caduta a più di 170 chilometri dal luogo in cui Loeb e Siraj hanno esplorato.

La posizione del bolide era in realtà molto lontana da dove la spedizione oceanografica si era recata per recuperare questi frammenti di meteorite“, ha spiegato Fernando: “Non solo hanno usato il segnale sbagliato, ma stavano cercando nel posto sbagliato”.

Non è raro che i segnali interpretati in un modo si rivelino essere qualcos’altro. Non bisogna dimenticare il tempo in cui i radioastronomi sono rimasti perplessi per decenni da un segnale che si è rivelato essere un forno a microonde, o un lampo di raggi gamma “eccezionale” che si è rivelato essere spazzatura spaziale.

La ricerca di segnali di forme di vita intelligente extraterrestre continua

Affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie. La Terra è disseminata di sferule meteoritiche: uno studio del 2021 ha rilevato che ogni anno sulla Terra piovono circa 3.600 tonnellate di sferule cosmiche. Sarebbe estremamente difficile collegare le sferule dragate dall’oceano 10 anni dopo il fatto a una meteora specifica.

Inoltre, in un preprint pubblicato lo scorso anno, gli astronomi hanno scoperto che la velocità della meteora CNEOS 2014-01-08 è stata molto probabilmente molto sovrastimata, il che significa che le prove di un’origine interstellare sono probabilmente errate fin dall’inizio.

Meteora CNEOS 2014-01-08

Quindi, purtroppo, si torna a lavorare per trovare concreti segni di intelligenza extraterrestre: “Tutto quello che è stato trovato sul fondo del mare non ha alcuna relazione con la a meteora CNEOS 2014-01-08“, ha specificato Fernando: “Indipendentemente dal fatto che si trattasse di una roccia spaziale naturale o di un pezzo di un’astronave aliena, anche se sospettiamo fortemente che non si trattasse di alieni.

Il team presenterà i propri risultati sui nuovi studi sulla Meteora CNEOS 2014-01-08 alla Lunar and Planetary Science Conference 2024 e sarà possibile leggere il loro lavoro in una prestampa disponibile su arXiv.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments