Home Paleontologia Megalodonte: un nuovo studio rivela come era fatto

Megalodonte: un nuovo studio rivela come era fatto

Gli scienziati affermano di aver scoperto una discrepanza nelle ricerche precedenti e suggeriscono che il Megalodonte potrebbe essere stato più lungo e più snello di quanto si credesse in precedenza

0
3123
Megalodonte: un nuovo studio rivela la forma corporea
Megalodonte: un nuovo studio rivela la forma corporea

Gli scienziati affermano di aver scoperto una discrepanza nelle ricerche precedenti e suggeriscono che il Megalodonte potrebbe essere stato più lungo e più snello di quanto si credesse in precedenza.

Lo studio getta nuova luce sulla forma corporea del Megalodonte e sul suo ruolo nel plasmare l'antica vita marina. Crediti: Università DePaul/Kenshu Shimada
Lo studio getta nuova luce sulla forma corporea del Megalodonte e sul suo ruolo nel plasmare l’antica vita marina. Crediti: Università DePaul/Kenshu Shimada

Rianalizzando la spina dorsale incompleta di un Megalodonte fossilizzato (Otodus megalodon), conservato presso l’Istituto reale belga di scienze naturali (IRSNB) a Bruxelles, il team ha trovato discrepanze nelle ricostruzioni precedenti, che suggerivano che questi squali di grandi dimensioni avessero una lunghezza corporea di circa 16 metri e una forma che ricorda i grandi squali bianchi.

“La ricostruzione precedentemente pubblicata dello scheletro e della forma del corpo di un Megalodonte sembrava avere molte incongruenze”, ha dichiarato il coautore dello studio Kenshu Shimada, paleobiologo della DePaul University di Chicago.

I grandi squali bianchi (Carcharodon carcharias) sono spesso usati come modello per stimare le dimensioni del Megalodonte e come sarebbe potuto apparire. Questo perché gli scheletri degli squali sono costituiti in gran parte da cartilagine – che ha meno probabilità di essere conservata come fossile rispetto alle ossa – quindi gli scienziati hanno trovato solo denti e vertebre fossilizzati di Megalodonte. Essendo un parente stretto e un predatore all’apice con dieta e caratteristiche simili, si ritiene che i grandi squali bianchi siano un modello appropriato.

Un nuovo modello per un antico predatore

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato le scansioni TC dello scheletro vertebrale di un giovane grande squalo bianco e poi lo hanno confrontato con la vertebra del campione di Megalodonte. I loro risultati hanno mostrato differenze nella crescita del centrum, la parte centrale e solida delle vertebre. Negli squali Lamniformi viventi (l’ordine a cui appartengono il Megalodonte e i grandi squali bianchi), la crescita del centro è correlata alla circonferenza, ha scritto il team. Si è scoperto che la colonna vertebrale del Megalodonte era molto più sottile di quella del grande squalo bianco, e questo significa che il Megalodonte era molto più snello.

Una nuova comprensione delle dimensioni del Megalodonte influenzerebbe a sua volta la comprensione degli scienziati non solo dello squalo bianco stesso, ma anche del suo impatto sull’ecologia e sull’evoluzione degli ecosistemi marini che hanno modellato gli oceani odierni.

Non c’è dubbio che il Megalodonte sia stato uno dei più grandi predatori marini mai esistiti, ma un corpo più snello e allungato suggerirebbe che avesse anche un canale digestivo più lungo, ha spiegato Sternes, biologo della UC Riverside e primo autore dell’articolo. In questo caso i megalodonti potrebbero aver goduto di un migliore assorbimento dei nutrienti e potrebbero non aver dovuto mangiare così spesso come si credeva in precedenza.



Alcuni scienziati hanno teorizzato che una diminuzione naturale delle prede abbia portato all’estinzione dei megalodonti. Tuttavia, Sternes ha un’altra teoria, in parte supportata dalla nuova comprensione della sua forma.

“Credo che ci sia stata una combinazione di fattori che hanno portato alla sua estinzione, ma uno di questi potrebbe essere stato l’emergere del grande squalo bianco, che forse era più agile, rendendolo un predatore ancora migliore del Megalodonte”, ha dichiarato. “Quella competizione per il cibo potrebbe essere stata un fattore importante nella sua fine”.

Il team, composto da 26 esperti di squali, ha rivelato i propri risultati in un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Palaeontologia Electronica.

Phillip Sternes, biologo della UC Riverside e primo autore dell'articolo, tiene in mano un dente di Megalodonte. Crediti: Douglas Long/Accademia delle Scienze della California
Phillip Sternes, biologo della UC Riverside e primo autore dell’articolo, tiene in mano un dente di Megalodonte. Crediti: Douglas Long/Accademia delle Scienze della California

Lo studio precedente

L’ analisi precedente suggeriva una lunghezza delle vertebre del Megalodonte di circa 11,1 m, ma i nuovi risultati indicano che questa sarebbe stata la lunghezza minima. I ricercatori affermano che il Megalodonte era probabilmente più lungo e più sottile, quindi potrebbe non assomigliare al modello del grande squalo bianco. Tuttavia, gli scienziati non conoscono ancora la forma esatta della sua testa, delle pinne o della coda, ha sottolineato Shimada.

Secondo il team di ricerca, il Megalodonte assomigliava a qualcosa di più vicino a uno squalo mako (Isurus oxyrinchus).

Un'immagine dello squalo mako (Isurus oxyrinchus).
Un’immagine dello squalo mako (Isurus oxyrinchus).

Quindi, quanto poteva essere grande il megalodonte?

I ricercatori non possono fornire una lunghezza definitiva senza prove concrete, ma queste nuove informazioni suggeriscono che avrebbe potuto facilmente raggiungere 15 o anche 20 metri di lunghezza, sostiene Shimada.

“Abbiamo bisogno di trovare almeno uno scheletro completo di Megalodonte per essere più sicuri delle sue reali dimensioni e della sua forma corporea”, ha aggiunto.

Nonostante abbia messo in discussione i risultati dello studio precedente, il gruppo di ricerca ritiene che è stato significativo per aiutare il team a raggiungere le sue nuove conclusioni. 

Gli autori dello studio precedente, tuttavia, non sono convinti delle nuove scoperte. L’autore principale Jack Cooper, ricercatore presso l’Università di Swansea nel Regno Unito, insieme ai suoi colleghi Catalina Pimiento, sempre presso l’Università di Swansea, e John Hutchinson, presso il Royal Veterinary College, affermano che il nuovo studio è più un’ipotesi alternativa.

Il nuovo studio, hanno aggiunto, ignora il fatto che l’analisi precedente considerava molteplici esempi di squali viventi oggi e che uno dei loro modelli mostrava anche un corpo allungato se basato solo sui grandi squali bianchi.

“È importante sottolineare che l’interpretazione del ‘corpo allungato’ si basa su una singola osservazione, un confronto con un singolo analogo, e non dispone di test statistici a supporto della sua ipotesi”, hanno affermato. “In modo più critico, molti aspetti dello studio sono impossibili da verificare o replicare per i futuri ricercatori poiché gli autori non forniscono i dati grezzi”, hanno concluso.