Marte: il rover Perseverance esplora un antico fiume – video

Il panorama a 360 gradi di Marte del rover Perseverance, con 2,38 miliardi di pixel dal cratere Jezero, offre approfondimenti sulla storia dell'antico delta del fiume del pianeta

0
260
Marte: il rover Perseverance esplora un antico fiume, campioni incontaminati di Marte

Il panorama a 360 gradi di Marte del rover Perseverance, con 2,38 miliardi di pixel dal cratere Jezero, offre approfondimenti sulla storia dell’antico delta del fiume del pianeta.

Dopo 1.000 giorni di esplorazione marziana, il rover Perseverance della NASA sta studiando le rocce che mostrano diverse epoche nella storia di un delta fluviale vecchio di miliardi di anni. Gli scienziati stanno studiando questa regione di Marte, conosciuta come cratere Jezero, per vedere se riescono a trovare prove di vita antica registrate nelle rocce. Lo scienziato del progetto Perseverance Ken Farley offre una visita guidata di un panorama riccamente dettagliato della posizione del rover nel novembre 2023, ripreso dallo strumento Mastcam-Z.

Composto da 993 singole immagini e 2,38 miliardi di pixel, questo mosaico a 360 gradi guarda in tutte le direzioni da una posizione che il team scientifico del rover chiama “Airey Hill”. Parti del rover stesso sono visibili nella scena, apparendo più distorte verso i bordi come risultato dell’elaborazione dell’immagine.

Un miglioramento del colore applicato all’immagine aumenta il contrasto e accentua le differenze di colore. Approssimando come apparirebbe la scena in condizioni di illuminazione simili a quelle terrestri, la regolazione consente agli scienziati della missione di utilizzare la loro esperienza quotidiana per interpretare il paesaggio. La vista su Marte sarebbe più scura e più rossastra.

Dopo mille albe su Marte, ecco dove il rover Perseverance della NASA sta esplorando ora: un ambiente fluviale, vecchio di miliardi di anni, che racconta una storia dinamica delle forze che lo hanno modellato. 



Il cratere Jezero

Perseverance sta esplorando il cratere Jezero di Marte, dove un tempo esisteva un antico sistema lacustre e fluviale. Se mai i microbi avessero vissuto qui, i loro segni potrebbero essere preservati in queste rocce.

Circa 3,5 miliardi di anni fa, un fiume scavò un canyon attraverso il bordo del cratere, riempiendolo d’acqua e depositando sabbia e rocce che formarono un delta. Sulla Terra, la documentazione di un fiume e di un lago così antichi sarebbe stata cancellata molto tempo fa. Ecco perché l’invio di un esploratore robotico come Perseverance è così prezioso: Marte è un luogo speciale che conserva una documentazione unica di cose accadute nel primo miliardo di anni del sistema solare.

In quest’area, diversi strati rocciosi registrano parti diverse della storia del cratere. Le rocce piatte e di colore chiaro si erano depositate sulle rive di un fiume che scorreva lentamente attraverso il paesaggio.

I massi in lontananza furono depositati più tardi, in quello che probabilmente era un torrente impetuoso di Marte.

“Non sembra affatto un sedimento: forse è il residuo di una colata lavica, ora in gran parte erosa. Le apparecchiature di laboratorio sulla Terra possono misurare con precisione quando si è formata una roccia vulcanica, quindi se potessimo riportare un campione di questa lava sulla Terra in futuro, potremmo sapere quando e per quanto tempo l’acqua è fluita a Jezero”, ha dichiarato Ken Farley.

“Da qui, Perseverance proseguirà verso ovest. In lontananza si possono scorgere le sommità degli argini naturali che si sono formati sulle sponde vicine e lontane del fiume. Il rover attraverserà quest’area nel suo percorso a monte, proseguendo verso il punto in cui il fiume ha scavato la parete del cratere. Qui si può vedere il canyon all’orizzonte”.

“Da lì, Perseverance sarà ben posizionato per dirigersi a sud e salire su questa rampa naturale che porta su e fuori dal cratere. Siamo fortunati ad avere un percorso che il rover può percorrere in sicurezza lungo il bordo proprio dove ne abbiamo bisogno”.

“L’inizio della scalata segnerebbe una nuova ed entusiasmante fase della missione: esplorare rocce di Marte molto più antiche di quelle di Jezero e prodotte in un modo completamente diverso. Un obiettivo allettante sono queste rocce di colore chiaro in parte lungo il bordo. Potrebbero aver interagito con l’acqua calda in un ambiente idrotermale, un altro luogo emozionante in cui cercare prove della vita passata”, ha aggiunto Farley.

Da quando ha terminato lo studio del fondo del cratere, Perseverance ha scalato il delta e ha ricostruito la storia di questo ambiente un tempo acquoso. Gli scienziati hanno fatto molta strada in quasi tre anni di esplorazione e raccolta di campioni su Marte. Ma c’è ancora tanto altro su cui indagare.

Fonte: NASA

2