2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeEsplorazione SpazialePerseverance, il cratere Jezero un tempo poteva ospitare la vita

Perseverance, il cratere Jezero un tempo poteva ospitare la vita

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nuovi studi  sui dati del rover Perseverance della Nasa hanno confermato che un tempo il cratere Jezero su Marte era abitabile, secondo i nostri canoni.

È ancora presto per dire, tuttavia, che i mattoni della vita siano stati realmente trovati sul pianeta rosso. Il rover Perseverance della NASA ha infatti cercato segni di vita su Marte da quando è atterrato in un antico fondale lacustre sul pianeta rosso nel febbraio 2021. Marte è attualmente un mondo gelido e disseccato che è ostile alla vita, ma ci sono abbondanti prove che fosse più caldo, più umido e più accogliente molti miliardi di anni fa.

Semplici forme di vita potrebbero essere emerse nei laghi e nei fiumi che un tempo scorrevano in questa era antica, motivo per cui la NASA ha inviato Perseverance alla ricerca di tracce fossilizzate di eventuali batteri marziani del passato.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Marte, i dati raccolti dal rover

Il rover sta anche raccogliendo campioni dal cratere Jezero che il team della missione spera di raccogliere con un futuro veicolo spaziale in modo che possano essere riportati sulla Terra per un esame più rigoroso. I dati per i nuovi studi sono stati raccolti in quasi due anni di esplorazione extraterrestre.

I team dietro ciascuno degli strumenti specializzati di Perseverance hanno pubblicato mercoledì i riassunti delle loro scoperte in una serie di tre studi. La nuova ricerca segue uno studio di agosto pubblicato sulla rivista Science che riportava una sorprendente abbondanza di rocce ignee (o vulcaniche) nelle aree esplorate per la prima volta da Perseverance e offre dettagli più granulari sulle nuove scoperte del rover.

Lo studio di Eva Scheller

Eva Scheller, scienziata planetaria del Massachusetts Institute of Technology, ha affermato tramite alcune dichiarazioni riportate da Vice.com: “Quello che sta venendo fuori ora è la documentazione effettiva di tutte queste prove che abbiamo visto”.

Scheller ha guidato lo studio su SHERLOC, uno spettrometro agli ultravioletti di bordo, che è stato pubblicato su Science. La studiosa ha aggiunto: “Il modo in cui opera il rover è con strumenti diversi che hanno intuizioni diverse”. “Questa è in realtà la prima volta che utilizziamo questo tipo di strumentazione in una missione planetaria”, ha chiarito, riferendosi a SHERLOC. “Quindi, di per sé, è anche una dimostrazione di una nuova tecnica ingegneristica”.

Il lavoro di SHERLOC

Come descrivono Scheller e i suoi colleghi nel loro studio, SHERLOC ha rilevato due periodi distinti in cui il cratere è stato influenzato dalla presenza di acqua. Sebbene sia difficile stabilire una cronologia esatta, il team ha stimato che l’area ospitasse acqua circa 3,8 miliardi di anni fa. Più di un miliardo di anni dopo, il cratere conteneva una salamoia più salata che produceva sostanze chimiche “strane” chiamate perclorati, ha spiegato Scheller.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

 “In quel tipo di ambiente, stiamo vedendo una chimica molto, molto strana che non è affatto comune sulla Terra, ma sembra essere più comune su Marte perché abbiamo visto questo tipo di materiali in quasi tutte le missioni”, ha spiegato.

“Quindi ci sono due liquidi provenienti da rocce diverse con due età diverse con una chimica molto diversa che [SHERLOC] è stato in grado di determinare”. Lo strumento è stato anche in grado di rilevare molecole organiche, che sono ingredienti chiave per la vita, confermando che quando Marte era giovane esistevano condizioni favorevoli alla vita almeno nel cratere Jezero.

La ricerca di composti organici

I risultati di SHERLOC aiutano a ricostruire la storia dell’acqua e delle sostanze organiche su Marte e confermano che il cratere Jezero avesse i giusti requisiti per supportare almeno forme di vita microbiche, anche se ciò non significa che la vita sia mai effettivamente sorta sul pianeta rosso. Questo quadro generale è stato supportato anche dagli altri team strumentali.

Fonte: Jet Propulsion Laboratory – NASA

Articoli più letti