2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeComunicati stampaIndustria 4.0, bonus fiscali cruciali per fatturato e digitalizzazione

Industria 4.0, bonus fiscali cruciali per fatturato e digitalizzazione

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Imprese sempre più interconnesse e automatizzate: sono e saranno cruciali gli aiuti fiscali dello stato – una serie di iniziative e incentivi fiscali per investimenti IT – ritenuti indispensabili dal 19% delle aziende manifatturiere partecipanti alla ricerca scaricabile di Kantar per TeamSystem.

Dai dati raccolti ne è stata ricavata un’infografica intitolata “Industria 4.0: reali opportunità e tutti i motivi per cui bisogna puntarci”. Partiamo dall’Industria 4.0: ha lo scopo finale di sviluppare Smart Factory su tutto il territorio. Queste “fabbriche intelligenti” coniugano i layout produttivi con macchine ed impianti altamente digitalizzati, integrati e all’avanguardia.

Dalla ricerca risulta che l’83% delle aziende intervistate ha usufruito dei bonus fiscali. Un’impresa su due grazie ai bonus fiscali ha avuto un impatto positivo sul fatturato del +56%, registrando un aumento di ordini ricevuti, liquidità disponibile e un calo del carico fiscale. Tra gli obiettivi delle aziende che sfruttano il digitale troviamo l’ottimizzazione dei processi, supporto gestionale e l’utilizzo di tali strumentazioni come opportunità di scambio e collaborazione. L’indagine, inoltre, ha evidenziato quali beni e servizi sono tra i più desiderati:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • Il 50% preferisce investire su beni materiali funzionali alla digitalizzazione e alla produzione, come macchine per specifici processi industriali, robot e magazzini automatizzati;
  • Il 36% preferisce beni immateriali come software, sistemi integrati, piattaforme, applicazioni e gestionali aziendali;
  • Il 33% predilige attività di innovazione tecnologica;
  • Il 21% punta su beni che realizzano obiettivi di transizione ecologica, sulla formazione del personale e sulla loro transizione tecnologica e digitale.

Il futuro dell’industria non sarà incentrato solamente sull’efficienza produttiva. Entro il 2030 l’Industria 4.0 verrà integrata dall’Industria 5.0: si tratta di un’evoluzione dell’Industria 4.0 che non si pone come sua sostituta, ma che punta piuttosto al suo completamento.

L’industria 5.0 avrà un approccio Human-centric, che metterà al centro dell’azienda il lavoratore. Questo porterà una maggiore cooperazione uomo-macchina e una crescente tutela della sostenibilità, ottimizzando i processi e ponendo l’attenzione sulle persone che lavorano dietro le macchine.

Articoli più letti