Alcune piante etiopi possiedono un potenziale antitumorale

Una ricerca sviluppata presso la Georgia State University incentrata sulle piante etiopi ha mostrato un potenziale nella lotta al cancro. Guidata dal Professor Paulos Yohannes nell’ambito del Carnegie African Diaspora Fellowship Program, la collaborazione prevede l’estrazione e l’analisi di composti vegetali per le loro proprietà antitumorali, con risultati preliminari promettenti.

Piante etiopi

Le proprietà antitumorali di alcune piante etiopi

I ricercatori della Georgia State University e del suo Perimeter College stanno raccogliendo e analizzando attivamente campioni di piante etiopi per esplorarne le capacità di lotta alle malattie.

La ricerca incentrata sulla raccolta e lo studio di piante autoctone dell’Etiopia sta dando risultati promettenti nella lotta al cancro. Una nuova partnership ha permesso a un team della Georgia State University di fornire preziose informazioni alla comunità scientifica riguardo a questi potenti composti.

La ricerca in corso prevede la collaborazione tra esperti della Georgia State University e del Perimeter College della Georgia State, dell’Università di Addis Abeba in Etiopia e del Winship Cancer Center dell’Università di Emory.

La ricerca in divenire sul potenziale antitumorale di alcune piante etiopi

Paulos Yohannes è un Professore di chimica e ricopre il ruolo di preside associato per la ricerca/STEM presso il Perimeter College della Georgia State University e sta guidando il lavoro come parte del Carnegie African Diaspora Fellowship Program (CADFP). Come già accennato in precedenza, la ricerca prevede la raccolta di campioni di piante etiopi riconosciute per i loro benefici medicinali per testarne l’efficacia nella lotta alle malattie.

Yohannes ha affermato che è comune per i professionisti in Africa lavorare con prodotti naturali, ma la mancanza di accesso alla strumentazione ha ostacolato la loro capacità di pubblicare ricerche. La Carnegie Fellowship mira ad abbinare un Professore di origine africana con un’università africana per migliorare la ricerca e l’insegnamento. Yohannes è il primo membro della facoltà dello Stato della Georgia ad essere selezionato per il prestigioso programma.

Grazie al successo ottenuto nel 2023 con la borsa di studio, Yohannes è tornato in Etiopia per continuare il suo lavoro. Ha detto che molti farmaci farmacologici in uso oggi provengono da sostanze chimiche ottenute dalle piante. Nel campo dell’oncologia, il loro significato medico è ampiamente riconosciuto. Le sostanze chimiche bioattive che costituiscono il nucleo chimico della pianta possono contenere composti antitumorali che includono flavonoidi, tannini, curcumina, resveratrolo e altri.

Ci sono molte piante medicinali che sono state utilizzate dai guaritori tradizionali per secoli“, ha detto Yohannes: “In questo momento, studi preliminari hanno dimostrato che stiamo lavorando con estratti vegetali che presentano attività antitumorali”.

Yohannes sta lavorando con il Georgia State Regents’ Professor e Georgia Research Alliance Eminent Scholar Binghe Wang per analizzare le piante etiopi e i composti. Finora, il team ha analizzato più di 30 estratti vegetali dall’Etiopia e ha scoperto che molti di loro sono attivi sulle cellule del cancro.

Yohannes ha affermato che il lavoro in corso da parte di Wang e del suo team di ricercatori post-dottorato e studenti ha prodotto risultati importanti, tra cui la scoperta di un nuovo composto non presente nel database esistente.

I materiali delle piante etiopi vengono estratti da un team etiope per la ricerca. Il Professor Ermias Dagne, che guida il gruppo, lavora sulla chimica delle piante medicinali da più di 45 anni. Successivamente, i campioni vengono inviati allo Stato della Georgia come estratti grezzi o composti puri isolati per testare la loro efficacia nella lotta alle malattie.

I test di citotossicità vengono eseguiti su cellule HeLa (cancro della cervice) per la determinazione della concentrazione inibente semimassima (IC-50), che è il metodo di screening dell’efficacia di un farmaco più utilizzato.

Ci sono due aspetti importanti in un simile progetto di ricerca“, ha spiegato Wang: “Il primo è valutare l’attività biologica di questi estratti o composti purificati, iniziando con esperimenti di coltura cellulare. Nella ricerca di composti antitumorali, cerchiamo quelli che presentano una potente citotossicità contro le cellule tumorali. Una volta confermata l’attività, conduciamo una serie di esperimenti spettroscopici per confermare le strutture dei composti”.

Il gruppo di ricerca sta lavorando con composti ottenuti da una pianta identificata da un botanico come Commiphora sp. nov., una pianta endemica dell’Etiopia che cresce in una zona remota. È solo una delle dozzine di piante etiopi che si stanno dimostrando promettenti.

Diversi composti isolati da questi estratti vegetali sono stati anche analizzati spettroscopicamente dal direttore della struttura di spettrometria di massa Siming Wang e da Zhenming Du, scienziato senior e direttore della struttura di risonanza magnetica nucleare (NMR) nello stato della Georgia.

I ricercatori stanno lavorando per interpretare i risultati mentre altri campioni vengono analizzati per l’attività antitumorale da esperti del Winship Cancer Center della Emory University sotto la guida di Wei Zhou, che dirige il programma di ricerca cellulare e molecolare.

Conclusioni

Yohannes ha detto che quattro di quegli estratti vegetali hanno dimostrato di avere attività più elevate non solo sulle cellule del cancro alla cervice, ma anche su altre linee cellulari. Ha aggiunto che i ricercatori hanno notato: “Interessanti percorsi di morte cellulare” e altri campioni sono in arrivo per ulteriori analisi.

L’ottanta per cento della popolazione etiope utilizza la medicina tradizionale per curare le proprie malattie. Sappiamo che queste piante etiopi hanno alcuni valori medicinali“, ha osservato Yohannes: “Sono incoraggiato dal fatto che questa ricerca produrrà alcuni risultati straordinari che incoraggeranno studi più estesi”.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

Medioevo: la vita quotidiana delle persone

Il Medioevo è associato a battaglie epiche, storie leggendarie,...

Articoli correlati

Popular Categories