Vivere per sempre: vorresti essere immortale?

Dalle terapie geniche che potrebbero sintonizzare le nostre cellule per resistere, e persino invertire l'invecchiamento agli studi fantascientifici per congelare i nostri corpi e caricare le nostre menti sui computer, la corsa biologica e tecnologica per vivere per sempre è in pieno svolgimento

Come sarebbe la vita se potessi vivere per sempre?

Saresti in grado di mangiare e bere tutto ciò che vuoi, di provare piacere in attività rischiose come fumare senza conseguenze per centinaia di anni, con il tuo corpo che tiene lontane tutte le possibili malattie?

O forse dovresti impegnarti per una vita di integratori, una dieta “perfetta” e un regime di allenamento degno di un olimpionico. Ancora più strano, c’è la possibilità che tu possa vivere la vita con la tua mente intatta, ma dover accettare un nuovo tipo di corpo.

Vivere per sempre
Vivere per sempre: vorresti essere immortale?

Vivere per sempre: la ricerca dell’elisir di lunga vita

L’umanità è alla ricerca di un elisir di lunga vita da migliaia di anni per vivere per sempre, con racconti sulla caccia all’immortalità che risalgono a tempi più antichi persino dei primi libri della Bibbia. E sembra che accetteremo il segreto per vivere per sempre in qualunque sapore riusciamo a trovarlo.

Dalle terapie geniche che potrebbero sintonizzare le nostre cellule per resistere, e persino invertire l’invecchiamento agli studi fantascientifici per congelare i nostri corpi e caricare le nostre menti sui computer, la corsa biologica e tecnologica per vivere per sempre è in pieno svolgimento.

I desiderio di immortalità

Le persone sono sempre state affascinate dall’immortalità. Tuttavia, non ci siamo mai stati così vicini come lo siamo oggi se non a vivere per sempre, a diventare straordinariamente longevi. La tecnologia medica sta avanzando a un ritmo senza precedenti e molti scienziati credono che l’umanità sia sull’orlo di una svolta che aprirà la strada a tecnologie che renderanno possibile la vita eterna.

Storicamente, le persone hanno accettato la morte come un’eventualità. Religioni come il cristianesimo e l’Islam alleviano la paura della morte creando grandiose rappresentazioni dell’aldilà offerte a coloro che obbediscono agli standard religiosi. A causa di queste rappresentazioni dell’aldilà, le persone storicamente non si sono concentrate sulla prevenzione della morte o sulla possibilità di vivere per sempre in questo mondo.

La scienza moderna tuttavia ha indicato che, in teoria, è possibile vivere per sempre, e si stanno già prendendo misure per scoprire il segreto dell’immortalità. La maggior parte delle organizzazioni di scienze della vita però si concentra attualmente sull’espansione dell’aspettativa di vita. Per fare un paragone, nel 1900, l’aspettativa di vita media era di 40 anni; nel 2000, era di 70 anni. Utilizzando questa tendenza come guida, alcuni credono che, già nel 2050, le persone vivranno il doppio di oggi. Ed è solo l’inizio.

In teoria, sarebbe un enorme vantaggio riproduttivo mantenere la salute per più tempo: immaginate gli esseri umani che vivono fino a 300 anni e si riproducono per 100 anni.

secondo Benjamin Bikman, autore di Why We Get Sick, deve esserci un equilibrio competitivo in gioco: vivere più a lungo deve conferire uno svantaggio compensatorio in termini di forma fisica, ed è vero il contrario. L’equilibrio è tra un accoppiamento più veloce e più aggressivo (che può necessariamente causare una diminuzione della longevità) e una durata della vita più lunga (che può necessariamente compensare con una diminuzione della fertilità).

Esperimenti sugli animali hanno dimostrato che l’aumento della durata della vita causa una riproduzione inferiore e successiva. In qualche modo c’è un compromesso tra longevità e vigore. Ad esempio, i topi sottoposti a restrizione calorica prolungano la loro durata di vita, ma non si riproducono. Rimangono sospesi in uno stato pre-riproduttivo in attesa di un adeguato approvvigionamento alimentare.

Anche se fosse possibile vivere per sempre, non significa necessariamente che dovremmo farlo. Secondo Nassim Taleb, autore di Antifragile, vivere per sempre sarebbe un grave danno per la specie umana.

In breve, la teoria dell’antifragilità di Taleb, diventare più forti dopo essere stati danneggiati, è che un sistema antifragile deve essere costituito da parti fragili. Un evento inaspettato o stressante distrugge alcune di quelle fragili unità, e poi il resto del sistema risponde non solo riparando il danno, ma diventando abbastanza forte da resistere a quell’evento in futuro. Un semplice esempio è il sollevamento pesi: l’esercizio danneggia i muscoli, che poi diventano più forti man mano che guariscono.

Se consideriamo la razza umana come un sistema e ogni persona come parte di quel sistema, la teoria di Taleb significa che gli individui che vivono per sempre (in altre parole, perdendo la loro fragilità) renderebbero paradossalmente fragile la razza umana.

Forse qualche shock inaspettato al sistema, una malattia, una guerra o un disastro naturale, ci renderebbe incapaci di rispondere e riprenderci. O forse semplicemente ci annienteremmo a causa della sovrappopolazione.

La paura della morte

Hai paura della morte? Eviti di pensarci? Un senso di paura latente influisce sulla tua gioia di vivere?

Prima di tutto, una volta che capisci che non c’è motivo di aver paura della morte, ti sarà più facile accettarla. Le persone che temono la morte e preferirebbero vivere per sempre, in realtà hanno paura di due tipi di dolore: in primo luogo, temono il dolore associato alla morte stessa. Fortunatamente, la morte in sé non è dolorosa, al contrario, puoi provare dolore solo se sei ancora vivo. Se sei malato, il momento in cui muori è il momento in cui il dolore cessa.

In secondo luogo, le persone temono la morte perché hanno paura del dolore di perdere qualcosa di importante per loro. Le uniche perdite che subisci nella morte sono quelle che non possono farti del male. Non stai davvero perdendo nulla.

I motivi per cui la morte fa paura possono essere legati alla paura dell’ignoto, della non esistenza, della punizione eterna, della perdita di controllo o alla paura di quello che accadrà alle persone che amiamo.

Temere la morte rende anche più difficile elaborare il dolore. Uno studio recente ha scoperto che coloro che avevano paura della morte avevano maggiori probabilità di avere sintomi prolungati di dolore dopo aver perso una persona cara rispetto a coloro che avevano accettato la morte. Per gli operatori sanitari che si prendono cura di pazienti morenti, la loro stessa paura della morte può ostacolare la comunicazione efficace con i pazienti e le loro famiglie.

Alcuni studi hanno scoperto che, almeno tra gli occidentali, coloro che temono di più la morte sono moderatamente religiosi. Sia i non credenti che le persone molto religiose temono di meno la morte.

Forse essere moderatamente religiosi mette le persone nel “punto debole esistenziale” per aver paura della morte: non sono rilassate come i non credenti, ma non hanno le stesse forti convinzioni sull’aldilà delle persone molto religiose. È anche possibile che l’uovo venga prima della gallina: le persone che temono particolarmente la morte cercano la religione come meccanismo di coping, ma finiscono per non essere molto religiose.

Le persone con una migliore salute fisica tendono a temere meno la morte. I ricercatori hanno scoperto che coloro che hanno una migliore salute fisica tendono a sentire che c’è più significato nella vita. Tendono anche ad avere una migliore salute mentale. Questi sono i fattori che gli fanno temere meno la morte.

In un certo senso, questo può essere incoraggiante anche per coloro che non possono controllare la propria salute fisica. Potrebbero comunque essere in grado di trovare un significato nella vita e lavorare sulla propria salute mentale per ridurre il loro terrore esistenziale.

Se il tuo desiderio è vivere per sempre ma comunque devi fare i conti con le tue paure, potrebbe essere d’aiuto coltivare il significato della vita. Non è un compito semplice, ma puoi iniziare identificando i tuoi valori, che sono le forze motrici di ampio respiro che guidano il modo in cui ti muovi nella vita. Che si tratti di creatività, successo o serenità, fai un brainstorming sui valori che sono più importanti per te e governa la tua vita con queste idee in mente.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments