La fuga da Alcatraz ebbe successo?

È stata una delle evasioni carcerarie più ingegnose di tutti i tempi, se ha funzionato. Nel 1962, i detenuti e rapinatori di banche Frank Morris e John e Clarence Anglin scomparvero da Alcatraz, l'isola penitenziaria federale al largo della costa di San Francisco

2171

È stata una delle evasioni carcerarie più ingegnose di tutti i tempi. Nel 1962, i detenuti e rapinatori di banche Frank Morris e John e Clarence Anglin scomparvero da Alcatraz, l’isola penitenziaria federale al largo della costa di San Francisco. Usando cucchiai affilati per perforare le pareti della prigione, lasciando manichini di cartapesta nei loro letti e volando via su una zattera fatta con 50 impermeabili.

Ma quello che successe dopo lasciò perplessi gli storici per decenni. I loro corpi non furono mai recuperati, lasciando molti a chiedersi se siano morti nell’instabile baia di San Francisco o se siano riusciti a raggiungere la riva e la libertà.

Il mistero della lettera all’FBI di uno dei fuggitivi di Alcatraz

Negli anni successivi, in quasi sessant’anni di silenzio da parte degli uomini, hanno portato molti a concludere che la fuga aveva avuto una fine acquosa. L’FBI chiuse il suo caso nel 1979, concludendo che era improbabile che i fuggitivi fossero sopravvissuti a una nuotata infida di più di un miglio di acque gelide verso la terraferma. 

Ma nel gennaio del 2018, la CBS San Francisco pubblicò un estratto di una lettera indirizzata all’FBI che raccontava una storia completamente diversa e affermava che i criminali erano in libertà dagli anni ’60. “Mi chiamo John Anglin, diceva la lettera. “Sono scappato da Alcatraz nel giugno 1962 con mio fratello Clarence e Frank Morris. Ho 83 anni e sto male. Ho il cancro. Sì, ce l’abbiamo fatta tutti quella notte, ma a malapena!”

Una fotografia che mostra la cella in cui uno dei tre prigionieri è fuggito da Alcatraz il 12 giugno 1962
Una fotografia che mostra la cella in cui uno dei tre prigionieri è fuggito da Alcatraz il 12 giugno 1962. Una testa fittizia è stata usata per depistare le guardie

La lettera fu inviata alla stazione di Richmond del dipartimento di polizia di San Francisco nel 2013, ha riferito l’emittente, ma è stata tenuta nascosta durante una lunga indagine. Un laboratorio dell’FBI ha esaminato la lettera alla ricerca di impronte digitali e DNA analizzando anche la grafia all’interno, ma i risultati furono inconcludenti. “Quindi significa sì, e significa no, questo lascia tutto nel limbo”, ha detto alla CBS l’analista della sicurezza Jeff Harp.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---