“Bloop”, suoni impossibili dalle profondità dell’oceano

Indice

di Oliver Melis

Un potente suono di frequenza ultrabassa chiamato “Bloop” è stato registrato da microfoni posti in profondità oceaniche nel 1997, il rumore misterioso, all’epoca, non ebbe nessuna spiegazione, nonostante sia stato registrato diverse volte.

Bloop

Osserviamo il grafico dove sull’asse delle ascisse leggiamo il parametro temporale, cioè la durata del suono e sull’asse delle ordinate ne leggiamo invece la frequenza. La luminosità riportata invece indica l’intensità del suono.

fu captato ripetutamente dall’idrofono autonomo dell’Oceano Pacifico Equatoriale, parte del SOSUS, l’equipaggiamento dell’U.S. Navy originariamente progettato per identificare i sottomarini sovietici. Secondo la descrizione fornita dal NOAA, il suono:

« […] salì rapidamente in frequenza nell’arco di circa un minuto e fu sufficientemente forte da poter essere captato da molteplici sensori, fino ad un raggio di 5.000 km »

Nonostante i bloop siano in assoluto i suoni più potenti mai registrati negli oceani ci volle molto tempo per comprenderne l’origine.

Il bloop, che si ripetè diverse volte e risultò provenire da qualche parte al largo delle coste sudoccidentali del Sud America (50°S 100°W), potè essere captato a una distanza di 5000 km. Il suono sembrava assomigliare ai vocalizzi di alcune creature viventi, ma nemmeno la balenottera azzurra è sufficientemente grande per produrre un vocalizzo cosi potente.

Secondo alcune teorie, a grande profondità potrebbero esistere degli esseri viventi in grado di generare suoni del genere ma in definitiva il mistero rimane, infatti nonostante l’invio di droni sottomarini mai nessun animale “esotico” è stato osservato.

 Poiché il suono Bloop si originò in un quadrante relativamente vicino al punto in cui si troverebbe la città di R’lyeh, della storia Il richiamo di Cthulhu di H. P. Lovecraft, qualcuno ha messo il Bloop in relazione con Chtulhu dai fan di Lovecraft.

L’origine del suono è stata, alla fine, dimostrata essere un distacco del ghiaccio in Antartide causato da un criosisma. Un’ipotesi inizialmente propagandata da diversi articoli fu che il Bloop avesse origine organica a causa della sua frequenza, ma non esiste un animale conosciuto che possa aver generato questo suono. Se si fosse trattato di un animale, infatti, avrebbe dovuto essere enormemente più grande di una balenottera azzurra, l’animale conosciuto più grande sulla Terra.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

5 trucchi per crescere su Instagram nel 2024

I social sono il presente e il futuro della...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Le prove dell’allunaggio

A dispetto della propaganda russa, improvvisamente interessata, dopo 50 anni, a sostenere che l'allunaggio sia stato una montatura, e delle competenti parole di campioni dello sport, notoriamente preparati in ingegneria, fisica e astrofisica, siamo stati sulla Luna e abbiamo a disposizione le prove dell'allunaggio, basta avere voglia di esaminarle

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Articoli correlati

Popular Categories