Il kiwi, un antidepressivo naturale

Una nuova ricerca dell'Università di Otago in Nuova Zelanda ha dimostrato che il consumo di kiwi, un frutto ricco di vitamina C, può migliorare rapidamente l'umore e la vitalità

1
118
Il kiwi, un antidepressivo naturale con effetti rapidi
Il kiwi, un antidepressivo naturale con effetti rapidi

Una nuova ricerca dell’Università di Otago, in Nuova Zelanda, ha dimostrato che il consumo di kiwi, un frutto ricco di vitamina C, può migliorare rapidamente l’umore e la vitalità. Lo studio, condotto su 155 adulti con bassi livelli di vitamina C, ha utilizzato sondaggi effettuati tramite smartphone per monitorare i cambiamenti dell’umore, della vitalità e del benessere generale in un periodo di quattro giorni.

Oltre ad essere un antidepressivo naturale efficace, il kiwi è un frutto ricco di fibre, vitamine e minerali che apportano numerosi benefici all'organismo
Oltre ad essere un antidepressivo naturale efficace, il kiwi è un frutto ricco di fibre, vitamine e minerali che apportano numerosi benefici all’organismo

I benefici del kiwi

Il kiwi è un frutto ricco di nutrienti, tra cui vitamina C, fibre, potassio e magnesio. Questi nutrienti sono essenziali per la salute mentale e fisica e possono contribuire a migliorare l’umore, l’energia e la concentrazione. 

Lo studio, pubblicato sulla rivista British Journal of Nutrition, ha evidenziato come i partecipanti che hanno mangiato kiwi hanno riportato un miglioramento significativo dell’umore e della vitalità già dopo quattro giorni. Inoltre, è stato osservato un aumento dei livelli di vitamina C e di serotonina, un neurotrasmettitore che regola l’umore.

Il coautore dello studio, il professor Tamlin Conner del Dipartimento di Psicologia, ha sottolineato come questi risultati offrano alle persone un modo concreto e accessibile per supportare il proprio benessere mentale: “È incoraggiante sapere che piccoli cambiamenti nella dieta, come l’aggiunta di kiwi, potrebbero fare la differenza nel modo in cui ci si sente ogni giorno”, ha dichiarato.

L’assunzione di vitamina C è stata collegata a un miglioramento dell’umore, della vitalità e del benessere generale, mentre una carenza della stessa è stata associata a un rischio maggiore di depressione e declino cognitivo. Tuttavia, il professor Conner ha evidenziato come la ricerca sull’immediatezza dei miglioramenti dell’umore dopo l’introduzione di integratori di vitamina C o di fonti alimentari ricche della stessa sia ancora limitata.



Il kiwi è un precursore della serotonina, un neurotrasmettitore che regola il tono dell'umore
Il kiwi è un precursore della serotonina, un neurotrasmettitore che regola il tono dell’umore

Il dottor Ben Fletcher, autore principale dello studio e dottorando di ricerca presso l’Università di Otago, ha affermato che comprendere le sfumature di quando e come questi effetti si verificano giorno per giorno è fondamentale per approfondire la nostra conoscenza dei potenziali benefici sulla salute mentale degli alimenti e degli integratori ricchi di vitamina C.

Fletcher ha spiegato: “Questo studio ci ha aiutato a capire che ciò che mangiamo può avere un impatto relativamente rapido su come ci sentiamo. I nostri partecipanti avevano una salute mentale relativamente buona, quindi avevano poco margine di miglioramento, ma hanno comunque riportato benefici significativi dopo aver consumato kiwi o integratori di vitamina C”.

La ricerca ha messo in evidenza inoltre che, sebbene le compresse di vitamina C abbiano portato a un certo miglioramento, i benefici del kiwi potrebbero essere dovuti all’effetto sinergico di diversi nutrienti presenti nel frutto.

Un piccolo frutto dal grande potere: il kiwi è un concentrato di nutrienti che possono aiutare a migliorare l'umore e combattere la depressione
Un piccolo frutto dal grande potere: il kiwi è un concentrato di nutrienti che possono aiutare a migliorare l’umore e combattere la depressione

Il professor Conner ha aggiunto: “Incoraggiamo un approccio olistico alla nutrizione e al benessere, che includa nella dieta una varietà di cibi ricchi di nutrienti”.

Oltre alle implicazioni dirette per le persone che cercano di migliorare il proprio benessere mentale, lo studio del professor Conner ha introdotto una nuova metodologia nella ricerca nutrizionale: “L’utilizzo di sondaggi intensivi tramite smartphone ha offerto una comprensione in tempo reale dei cambiamenti quotidiani nei risultati legati all’umore”.

In questo modo, i ricercatori hanno ottenuto un quadro più completo di come la dieta influenza il benessere mentale, non solo basandosi su dati raccolti a distanza di tempo.

Lo studio è stato condotto su un campione relativamente piccolo di persone, quindi i risultati potrebbero non essere generalizzabili a tutta la popolazione. Sono necessari ulteriori indagini per confermare e comprendere meglio i meccanismi alla base del legame tra kiwi e salute mentale. Ciononostante, la ricerca condotta offre spunti interessanti per futuri studi e suggerisce che il consumo di kiwi potrebbe essere un modo semplice ed efficace per migliorare il benessere mentale.

2