“Guarito” infarto nei topi rigenerando le cellule muscolari cardiache

Un gruppo di ricercatori ha sviluppato una nuova tecnica in grado di riparare e persino rigenerare le cellule del muscolo cardiaco dopo un infarto (o infarto del miocardio). Sebbene finora sia stato testato solo sui topi, il trattamento, se applicato agli esseri umani, potrebbe potenzialmente essere un salvavita per le persone che hanno subito un infarto.

La tecnica utilizza un acido ribonucleico messaggero sintetico (mRNA). L’mRNA crea un “modello” di sequenze di DNA che il corpo utilizza poi per costruire le proteine ​​che formano e regolano le nostre cellule. Modificando l’mRNA, gli scienziati possono fornire istruzioni diverse per diversi processi biologici.

Nella fattispecie, le istruzioni modificate promuovono la replicazione delle cellule del muscolo cardiaco (cardiomiociti) tramite due cosiddetti fattori di trascrizione mutati, Stemin e YAP5SA.

In sostanza, l’idea è di fare in modo che le cellule del muscolo cardiaco, che hanno pochissima capacità di rigenerarsi, agiscano come cellule staminali, che possono essere trasformate in vari altri tipi di cellule specializzate dall’organismo.

""La differenza fatta dal trattamento con mRNA dopo quattro settimane.

Nessuno è stato in grado di farlo fino a questo punto e pensiamo che potrebbe diventare un possibile trattamento per gli esseri umani“, afferma il biologo Robert Schwartz, dell’Università di Houston in Texas.

Meno dell’1% delle cellule muscolari cardiache adulte può rigenerarsi – i cardiomiociti che abbiamo quando moriamo sono per lo più gli stessi che abbiamo dal primo mese di vita – e ciò significa che attacchi di cuore e malattie cardiache possono danneggiare il cuore in modo permanente.

In esperimenti sia su piastre di coltura tissutale che su topi vivi, Stemin ha dimostrato di riuscire ad attivare proprietà simili a quelle delle cellule staminali nei cardiomiociti, grazie all’azione di YAP5SA che promuove la crescita e la replicazione degli organi. Il processo è stato descritto come un “punto di svolta” dal team.

Lo studio in vivo che ha coinvolto topi vivi affetti da cuore danneggiato a causa di infarto ha mostrato che i nuclei dei miociti si replicano almeno 15 volte nelle 24 ore successive alle iniezioni dei fattori di trascrizione mutati, Stemin e YAP5SA. “Quando entrambi i fattori di trascrizione sono stati iniettati nei cuori di topi adulti infartuati, i risultati sono stati sorprendenti“, afferma Schwartz .

Il laboratorio ha scoperto che i miociti cardiaci si sono moltiplicati rapidamente in un giorno, mentre i cuori nel mese successivo sono stati riparati a una funzione di pompaggio cardiaca quasi normale con poche cicatrici di tessuto connettivo residue“.

L’mRNA sintetico aggiunto alle cellule è scomparso in pochi giorni, proprio come fa l’mRNA prodotto nel nostro corpo, riferiscono i ricercatori. Ciò conferisce alla nuova tecnica un vantaggio rispetto ai processi di terapia genica che non possono essere facilmente fermati o rimossi una volta che sono in corso.

Resta ancora da vedere se l’approccio può essere tradotto con successo negli esseri umani – e saranno necessari molti anni di ricerca per trasformarlo in un trattamento funzionante – ma il team dietro la ricerca è fiducioso.

Il lavoro continua per capire di più sulle malattie cardiache e le lesioni cardiache provocate da infarto e su come il corpo risponde in seguito. Lo studio della salute cardiovascolare rimane una priorità per gli scienziati, con le malattie cardiache che sono attualmente la principale causa di morte negli Stati Uniti (rappresentando circa un quarto di tutti i decessi).

Questo è un enorme studio sulla rigenerazione del cuore, soprattutto data la strategia intelligente di utilizzare l’mRNA per fornire Stemin e YAP5SA“,  afferma il biologo Siyu Xiao, dell’Università di Houston.

In effetti, il successo di una simile terapia costituirebbe una svolta per le persone colpite da infarto, in cui il cuore resta danneggiato in modo permanente con pesanti limitazioni della funzionalità cardiaca. Il trattamento sviluppato dal team di Schwartz potrebbe restituire ad una vita pressochè normale le persone colpite da infarto.

La ricerca è stata pubblicata quiqui nel Journal of Cardiovascular Aging.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Progetto ITER: svolta nell’energia da fusione

Il progetto di energia da fusione ITER ha segnato...

Scoperta connessione tra buchi neri supermassicci e materia oscura

Un team di ricercatori ha scoperto un collegamento tra...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

Articoli correlati

Popular Categories