2.5 C
Rome
martedì, Novembre 29, 2022
HomeEcologia e AmbienteFunghi bioluminescenti: perché si illuminano al buio?

Funghi bioluminescenti: perché si illuminano al buio?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Di tutte le cose selvagge e meravigliose che si possono trovare in una foresta, i funghi bioluminescenti sono tra le più bizzarre. Spuntano nei luoghi più umidi e spietati, “sanguinano“, avvelenano e assumono praticamente qualsiasi forma e colore. Sono sparsi nelle foreste temperate e tropicali delle Americhe, del Giappone, del Sud-Est asiatico, dell’Australia e del Sud Africa.

Natura straordinaria: i funghi bioluminescenti

La prima documentazione di funghi bioluminescenti può essere fatta risalire ad Aristotele, che descrisse questo fenomeno come “corteccia d’albero incandescente e in decomposizione“. La maggior parte di loro sono piuttosto insignificanti alla luce del giorno, ma diventano una luce guida nella foresta di notte.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Simili alle lucciole svolazzanti e ai misteriosi pesci di acque profonde che possono brillare al buio, si accendono per attirare per attirare gli insetti che li aiuteranno a diffondere le loro spore. Nel mondo dei funghi, il fenomeno è chiamato volpe di fuoco e si verifica principalmente tra quelli che crescono su legno in decomposizione.

I funghi bioluminescenti emettono luce attraverso una classe di molecole chiamate luciferine. Il nome luciferina deriva dalla parola latina “lucifero“, che significa “portatore di luce“. Quando le luciferine si combinano con l’ossigeno, l’adenosina trifosfato (ATP) e il calcio in presenza di un enzima bioluminescente chiamato luciferasi, generano un prodotto che rilascia energia sotto forma di luce fredda.

L’emissione avviene solo nelle cellule viventi. I funghi brillano 24 ore e non sono reattivi come alcuni insetti o animali marini. L’emissione può avvenire sia nei miceli che nei corpi fruttiferi, come nell’ostrica amara (Panellus stipticus) e nell’elmo di fata sanguinante (Mycena haematopus), o solo nelle spore come il cappello gocciolante (Roridomyces roridus)

Funghi bioluminescenti sul tronco d’albero

Secondo uno studio del 2017, i ricercatori hanno utilizzato lo stesso meccanismo di emissione della luce per far sì che i funghi emettano luce blu e arancione invece della luce spettrale verdastra.

Gli scienziati hanno cercato di capire perché alcune specie si sono evolute per brillare al buio e altri no. I ricercatori che hanno studiato il fungo giallo chiamato “flor-de-coco“, o fiore di cocco in Brasile, hanno sostenuto che i corpi fruttiferi luminosi possono attirare meglio gli insetti al pascolo e altre creature per aiutare a disperdere le loro spore nella foresta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I funghi si illuminano al buio

La luce svanisce gradualmente man mano che i funghi muoiono. Al giorno d’oggi, la bioluminescenza è compresa solo negli organismi inferiori come i funghi, che ostacolano i tentativi di far brillare animali e piante.

Tuttavia, altri scienziati non trovano convincente la teoria. Ad esempio, nel caso della volpe di fuoco, la parte del fungo che si illumina cerca sostanze nutritive. Se la luce attira insetti e animali, potrebbero mangiare i funghi invece di aiutare a diffondere le spore.

Funghi bioluminescenti sul terreno

Qual è la vita terrestre più antica dopo i batteri? Il fungo! Come industriosi decompositori nel mondo naturale, esistono da quasi un miliardo di anni, almeno 500 milioni di anni più vecchi delle prime piante terrestri.

Nella serie “Alien Fungi“, CGTN esplora alcuni funghi dall’aspetto peculiare con caratteristiche aliene e fa vedere come si godono le loro vite eterne e criptiche su pavimenti umidi, legno in decomposizione e aree nascoste.

Le 6 specie più bizzarre

1- Ostrica amara (Panellus stipticus), uno dei più luminosi sulla terra. Questi funghi piatti hanno una tonalità opaca di giallo-beige durante il giorno, ma si trasformano in decorazioni abbaglianti dopo il tramonto. I funghi amari, come vengono comunemente chiamati, provengono dalla famiglia delle Micenaceae e dal genere Panellus, che condivide con altri funghi luminosi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

2 – Piccoli pipistrelli da ping-pong (Panellus pusillus). Di notte, un altro membro bioluminescente del genere Panellus, sembra una stringa viridescente avvolto attorno ai rami degli alberi nella foresta. Di giorno, invece, sono un po’ meno interessanti. Appaiono come piccoli ventagli di palma bianca o racchette da ping-pong (da cui il nome comune), di solito in grandi grappoli.

3 – Pepe verde (Mycena chlorophos). La maggior parte dei funghi luminosi appartiene al genere Mycena. Il bagliore verde pallido di Mycena chlorophos è visibile perché si verifica nel suo corpo fruttifero, non solo nel suo micelio. È più luminoso quando ha solo un giorno e la temperatura è di circa 80 gradi Fahrenheit. Ciò è coerente con il clima subtropicale della sua nativa Indonesia, Giappone, Sri Lanka, Australia e Brasile.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

4 – Fungo Luce Eterna (Mycena luxaeterna). Sebbene i loro steli sottili, cavi e ricoperti di gel brillino costantemente, la Mycena luxaeterna – giustamente soprannominata l’eterno fungo della luce – è piuttosto anonima alla luce del giorno. Di solito si può vedere il suo gambo simile a un pelo illuminato nel suo caratteristico verde inquietante solo dopo il tramonto. Il berretto non si illumina. La distribuzione di questa specie è straordinariamente limitata alla foresta pluviale di San Paolo, in Brasile.

5 – Elmo da fata sanguinante (Mycena haematopus). Probabilmente uno dei funghi bioluminescenti più belli. Prende il nome dal lattice rosso che trasuda quando viene danneggiato. Mentre l’elmo della fata sanguinante risplende anche dal suo corpo dalla giovinezza alla maturità, la sua bioluminescenza è relativamente debole e può essere estremamente difficile da vedere per gli umani.

6 – Fungo Jack-O’Lantern (Omphalotus olearius). Uno dei funghi bioluminescenti più conosciuti, il cosiddetto jack-o’lantern risplende sia nel micelio che nelle branchie sotto il cappello. Un occhio adattato al buio di solito può vederlo brillare, ma solo se è un esemplare fresco. Queste specie fungine , molto simili ai finferli commestibili, perdono la loro luminosità nel tempo.

Articoli più letti