Felix Baumgartner, l’uomo che cadde sulla terra, dieci anni dopo – video

"L'unica cosa che non sapevo quando sono atterrato era che avevo superato la velocità del suono", racconta Baumgartner

9676
Felix Baumgartner, l'uomo che cadde sulla terra - video
Felix Baumgartner, l'uomo che cadde sulla terra - video

Dopo sei anni di preparazione, lotta e sacrificio, Felix Baumgartner si è trovato letteralmente ai margini del mondo.

Sono lì in cima al mondo, fuori da una capsula nello spazio e nella stratosfera. Mi sono guardato intorno, il cielo sopra di me era completamente nero“, ha raccontato Baumgartner a Patrick Snell della CNN Sport mentre rifletteva sulla caduta libera compiuta da 39 chilometri d’altezza.

Stavo davvero cercando di respirare quel momento“, ha aggiunto Baumgartner.

E con più di otto milioni di persone a seguirlo su YouTube, il temerario austriaco austriaco ha pronunciato quelle famose parole: “A volte devi salire per capire quanto sei piccolo. Sto tornando a casa adesso“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
La tuta indossata durante il lancio: Baumgartner ha impiegato mesi per abituarsi a indossarla.

Sei anni di lavoro

Era un progetto che inizialmente avrebbe dovuto richiedere 24 mesi dall’inizio alla fine, ma che richiese un certo numero di anni in più. “Costruimmo la capsula, la tuta pressurizzata, facemmo esercitazioni per un po’, quindi salimmo fino alla stratosfera e tornammo sulla Terra a velocità supersonica“, afferma Baumgartner.

A volte entravamo in una riunione con tre problemi e poi lasciavamo quella riunione otto ore dopo con altri cinque… e nessuna soluzione per i problemi precedenti“.

Per portare Baumgartner nella stratosfera, la sua squadra ha dovuto costruire un pallone ad elio delle dimensioni di 33 campi da calcio. Ci sono volute fino a 20 persone per muoversi senza danneggiare il materiale del pallone, che era 10 volte più sottile di un sacchetto per sandwich.

Ma la più grande minaccia al progetto è stata forse la più imprevista: la forza mentale di Baumgartner. La tuta doveva essere pressurizzata ed essere in grado di sopportare temperature di meno 72° Celsius.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È molto scomodo“, dice Baumgartner. “Hai una totale mancanza di mobilità. Sembra sempre di respirare attraverso un cuscino. Sei completamente separato dal mondo esterno. Quindi, una volta abbassata la visiera, tutto ciò che puoi sentire è il tuo respiro.

La prospettiva di stare fino a otto ore nella tuta pressurizzata ha richiesto a Baumgartner un certo numero di mesi – e l’aiuto di psichiatri e psicologi dello sport – per abituarsi. “Ho dovuto guardare l’abito come se fosse mio amico, non mio nemico“, aggiunge Baumgartner.

"L'unica cosa che non sapevo quando sono atterrato era: ho rotto la velocità del suono", dice Baumgartner.

Uomo supersonico

L’austriaco saltò efficacemente dalla mongolfiera mentre era nello spazio, dove non si applicano le normali regole del paracadutismo. Trascorse i successivi nove minuti cadendo dal cielo, metà dei quali in completa caduta libera.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Una volta in volo, ho iniziato a girare lentamente in una direzione, poi ho iniziato a girare nella direzione opposta, e poi ho davvero iniziato a girare sempre più velocemente“, ha spiegato Baumgartner.

Baumgartner non era stato in grado di allenarsi per la caduta libera nello spazio, quindi quella sensazione di rotazione era estremamente sconcertante. “Questo è stato un momento molto allarmante perché non c’era un protocollo“, ha detto il 53enne mentre precipitava a una velocità di 1357,64 kmh, 1,25 volte quella del suono. “È come navigare senza vento, il che significa che le tue abilità non funzionano“.

Alla fine è passato attraverso la linea Armstrong, dove l’aria diventa più densa, e Baumgartner è stato in grado di stabilizzarsi e ha iniziato a “godersi la discesa“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Da allora il record di Baumgartner per un lancio dall’altezza maggiore è stato battuto. L’attuale recrdman è Alan Eustace. Ross Franklin/AP

Baumgartner ha sopportato un’agonizzante attesa di 10 minuti, più tempo di quando era stato effettivamente in aria, prima di ricevere la conferma di aver raggiunto una velocità massima di 1357,64 kmh.

E in quel momento ero davvero felice e soddisfatto perché per me, rompere la velocità del suono come essere umano, il primo essere umano nella storia, era sicuramente qualcosa“.