Gli esseri umani moderni e i Neanderthal potrebbero aver condiviso le conoscenze

Ad un certo punto della preistoria gli umani moderni e i Neanderthal si incontrarono e fecero dei bambini ma per quanto tempo ed esattamente dove si siano mescolate le due specie è un mistero

297
Gli esseri umani moderni e i Neanderthal potrebbero aver condiviso le conoscenze
Gli esseri umani moderni e i Neanderthal potrebbero aver condiviso le conoscenze

Ad un certo punto della preistoria gli umani moderni e i Neanderthal si incontrarono e fecero dei bambini ma per quanto tempo ed esattamente dove si siano mescolate le due specie è un mistero. Ora, una rivalutazione della datazione al radiocarbonio nei siti archeologici in Francia e nel nord della Spagna indica che circa 40.000 anni fa, i nostri antenati si mescolarono ai Neanderthal nella regione per un massimo di 2800 anni, condividendo non solo i geni, ma potenzialmente anche la cultura.

L’intervallo di tempo è insignificante su scala geologica“, afferma Antonio Rodríguez-Hidalgo, un archeologo dell’Istituto catalano di paleoecologia umana ed evoluzione sociale che non è stato coinvolto nello studio. “Ma su scala umana, c’è abbastanza tempo perché accadano cose molto interessanti“.

Altri scienziati, tuttavia, affermano che gli ampi margini di errore per molte delle date analizzate nello studio hanno indebolito le forti affermazioni sulle identità degli abitanti e sulla loro reale sovrapposizione. È “un buon punto di partenza“, ma le conclusioni potrebbero cambiare sulla base di una datazione più accurata, afferma Sahra Talamo, una chimica che dirige un laboratorio di radiocarbonio all’Università di Bologna.

La datazione al radiocarbonio stima l’età di oggetti organici come ossa e carbone in base al decadimento radioattivo costante dei loro isotopi di carbonio-14. Gli scienziati hanno utilizzato il metodo per decenni e lo hanno perfezionato per altrettanto tempo.

Un’importante revisione è avvenuta nel 2020, quando gli scienziati del radiocarbonio hanno annunciato che una breve inversione del campo magnetico terrestre circa 42.000 anni fa, nota come evento di Laschamp, aveva temporaneamente sovralimentato la quantità di carbonio-14 nell’atmosfera. Di conseguenza, qualsiasi cosa vivente in quel momento incorporava quantità extra dell’isotopo, vanificando gli sforzi moderni per datare al radiocarbonio i loro resti.

Ha spinto le date che erano di circa 40.000 anni più indietro nel tempo e ha fatto apparire più giovani nel tempo le cose che erano più vecchie di 43.000 o 44.000 anni“, afferma Igor Djakovic, studente laureato all’Università di Leidaun che sta svolgendo un dottorato di ricerca in archeologia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Quel periodo coincide con un’era critica nella storia umana. Uno dei principali tipi di tecnologia degli utensili in pietra in Europa, noto come industria di Châtelperron, che utilizzava raschietti e coltelli delle dimensioni di un palmo e tradizionalmente associata ai Neanderthal, è stata sostituita da un kit di strumenti più sofisticati chiamato industria proto-aurignaziana, che presentava strumenti più piccoli e lame lavorate con precisione tradizionalmente associate agli esseri umani moderni (c’è un dibattito, tuttavia, sul fatto che l’industria fosse veramente esclusiva per dei Sapiens o dei Neanderthal).
In quel lasso di tempo, inoltre, i Neanderthal iniziarono a scomparire dalle loro antiche roccaforti europee e i Sapiens iniziarono a trasferirsi nel continente.

Sperando di chiarire le date per i siti contenenti manufatti Châtelperroniani e proto-aurignaziani, Djakovic e colleghi hanno ripetuto le analisi al radiocarbonio eseguite da altri team che rappresentano 17 siti in Francia e Spagna settentrionale. Hanno anche ricalcolato le date di 10 scheletri di Neanderthal della stessa gamma. Ma questa volta hanno applicato uno standard di calibrazione sviluppato di recente noto come IntCal20, che bilancia l’aumento del carbonio-14 causato dall’evento di Laschamp.

Nessuna delle date è cambiata drasticamente, ma nel complesso, le date più vecchie sono risultate leggermente più recenti mentre le date più giovani sono diventate un po’ più vecchie, comprimendo gli intervalli stimati.

Successivamente, hanno tracciato le date raffinate utilizzando un approccio statistico chiamato stima lineare ottimale, che mira a prevedere quando una particolare tecnologia potrebbe essere iniziata e terminata in base agli intervalli tra le età degli artefatti noti.

I ricercatori hanno scoperto che i moderni strumenti proto-aurignaziani associati all’uomo si trovano nella regione tra 42.200 e 42.600 anni fa, mentre gli strumenti Châtelperroniani associati a Neanderthal scompaiono tra 40.800 e 39.800 anni fa. Ciò indica che le due industrie di produzione di utensili si sono sovrapposte nel tempo e nello spazio per un periodo compreso tra 1400 e 2800 anni, conclude il team nell’articolo pubblicato su Scientific Reports.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le date, sebbene basate su un numero relativamente piccolo di siti, suggeriscono anche la presenza di strumenti proto-aurignaziani diffusi da sud a nord nel tempo, suggerendo il possibile percorso degli umani moderni attraverso il continente, dice Djakovic.

Non è la prima volta che i ricercatori hanno proposto che gli esseri umani moderni e i Neanderthal si sovrapposero in Europa durante questo periodo. Ma le date riviste offrono una finestra più ristretta e geograficamente vincolata su uno di questi possibili eventi, afferma Djakovic.

Questa sovrapposizione avrebbe comunque fornito il tempo a generazioni di umani e di Neanderthal di incontrarsi, incrociarsi e condividere suggerimenti sulla creazione di strumenti tra loro. E questo, a sua volta, potrebbe spiegare perché i depositi di attrezzi châtelperroniani successivi sembrano prendere in prestito elementi proto-aurignaziani, come lame piccole e fatte con precisione, dice Djakovic.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tuttavia, tali interpretazioni restano speculative e controverse. Fatta eccezione per il piccolo numero di casi in cui sono stati trovati resti umani moderni o di Neanderthal accanto a questi strumenti, nessuno sa con certezza quale specie abbia prodotto quali strumenti nella maggior parte dei siti.

L’agnosticismo dello studio su quale specie abbia prodotto gli strumenti è in realtà un punto di forza, afferma Emmanuel Discamps, archeologo del CNRS, l’agenzia nazionale di ricerca francese. “Chissà se il Châtelperroniano o il proto-Aurignaziano sono stati realizzati da Neanderthal, esseri umani moderni, ibridi o un po’ di tutto questo, a seconda della cronologia e della geografia“, dice. Non assumendo l’identità di questi produttori di strumenti, aggiunge, i ricercatori possono immaginare storie più complesse che potrebbero corrispondere meglio a ciò che è realmente accaduto.

Ma le incertezze nella registrazione al radiocarbonio fanno ancora riflettere Shara Bailey, una paleoantropologa della New York University. Le date al radiocarbonio sono affidabili solo fino a circa 50.000 anni fa. Le date misurate verso la fine di quell’intervallo tendono ad avere ampi margini di errore, dice, rendendo difficile trarre conclusioni definitive su quali oggetti siano più vecchi di altri. “Prendo i risultati di tutti questi tipi di studi con le pinze“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Katerina Douka, un’archeologa dell’Università di Vienna che ha contribuito a raccogliere alcune delle date al radiocarbonio rianalizzate nel nuovo studio, afferma che è fantastico vedere i dati del suo team riutilizzati per perfezionare la nostra comprensione di quando e dove i Neanderthal e i Sapiens potrebbero aver vissuto fianco a fianco. “L’Europa occidentale è un cul-de-sac e molti hanno previsto che questa potrebbe essere una regione in cui le due popolazioni coesistevano e interagivano più intensamente“.

Ma sospetta che in altre parti d’Europa tali sovrapposizioni tra diverse specie umane e culture possano essere state ancora più complesse e siano avvenute in tempi diversi, rispetto a quanto suggerisce il nuovo documento. “C’è molto altro da scoprire su questo periodo chiave dell’evoluzione umana“.